Itinerari mtb in Val di Vara e nelle Cinque Terre
Itinerario 21
Discesa da Foce del Bardellone a Pignone

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 4/2018 connessione
Partenza: Foce del Bardellone
Come arrivare: Il valico è raggiunto dall'itinerario 16.
Itinerario.
Dalla Foce del Bardellone seguiamo la strada asfaltata in direzione sud, trascuriamo ogni strada laterale, superiamo la chiesetta di San Bernardo (km 2,3) e saliamo al Bivio di Crocettola (km 3).
Giriamo a sinistra e saliamo per scavalcare il crinale seguendo una strada asfaltata.
Scendiamo alla sella Est del Crocettola e proseguiamo sulla strada che sale un poco per poi scendere a un bivio (km 4,7).
Svoltiamo a sinistra in una strada sterrata in moderata salita foto.
A un bivio (km 4,8) andiamo diritto, superiamo una catena (km 5) e raggiungiamo un incrocio (km 5,4) foto dove andiamo a destra mentre a sinistra sale la variante 1.
La strada comincia in discesa, prosegue pianeggiante e sale alquanto ripida a un bivio sul crinale (km 6,8) foto.
Svoltiamo a destra sulla stradina forestale che corre sul crinale e termina ad uno slargo (km 7) foto.
Prendiamo il sentiero che prosegue (segnavia CAI 58 e indicazione Bandia MTB) e attraversa il bosco con alcuni saliscendi foto foto.
Attraversiamo il crinale (km 7,7) e proseguiamo in discesa. A un bivio invisibile (km 9,2) lasciamo a destra il sentiero CAI e la variante 2 proseguendo diritto.
La pista MTB scende senza difficoltà con bel percorso che alterna qualche zona ripida con altre pianeggianti foto.
La discesa termina sull'asfalto della SP 34 (km 10,3) che seguiamo a destra fino a Pignone (km 11,3).
Variante 21.1.
Al bivio svoltiamo a sinistra e affrontiamo la salita che non è ripidissima ma è resa a tratti impegnativa dal fondo morbido foto.
Superiamo il punto più elevato (km 1,1) a poca distanza dalla vetta del monte Martinasca e scendiamo ripidamente fino all'incrocio (km 1,6) dove passa l'itinerario principale.
Variante 21.2.
Al bivio invisibile svoltiamo a destra nella traccia che si inoltra nel bosco. Il sentiero scende a un ruscello (km 0,7) e prosegue su vecchie mulattiere foto e con zone dove il percorso è praticamente invisibile.
Scendiamo con zone ripide ed altre pianeggianti e arriviamo al bivio (km 1,1) dove lasciamo a sinistra il vecchio tracciato ora interrotto da una invalicabile frana.
Andiamo a destra, saliamo passando a fianco di alcune baracche e scendiamo ripidamente alla strada provinciale (km 1,9) foto.
Pignone foto è a sinistra a ottocento metri.
Dislivello: -580 m. e +170 m.
Ciclabilità: 99%
Asfalto: 50%
Osservazioni:

mappa  gps  slide


Updating: 2018/04
Start point: Bardellone Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 16.
Itinerary.
From the Bardellone Pass we follow the asphalt road in a southerly direction, we neglect every side road, we pass the small church of San Bernardo (km 2,3) and go up to the Crossroads Crocettola (km 3).
We turn left and climb to go across the ridge following a paved road.
We descend to the saddle East of Crocettola and continue on the road that goes up a little and then go down to a fork (km 4,7).
We turn left onto a dirt road in moderate ascent. At a crossroads (km 4,8) we go straight, we pass a chain (km 5) and reach an intersection (km 5.4) where we go to the right while on the left it climbs the variant 1.
The road begins in descent, continues flat and rises rather steeply to a fork on the ridge (km 6,8).
We turn to the right on the forest road that runs on the ridge and ends at a widening (km 7).
We take the path that continues (CAI 58 signpost and indication Bandia MTB) and goes trough the woods with some ups and downs.
We cross the ridge (km 7,7) and continue downhill. At an invisible junction (km 9.2) we leave the CAI path on the right and the variant 2 going straight on.
The MTB slope goes down without difficulty with a beautiful path that alternates some steep areas with other plains.
The descent ends on the asphalt of the SP 34 (km 10.3) that we follow to the right up to Pignone (km 11.3).
Variation 21.1.
At the junction we turn left and face the climb that is not very steep but is made at times challenging by the soft bottom. We overcome the highest point (km 1,1) not far from the summit of Mount Martinasca and steeply descend to the intersection (km 1,6) where the main route passes.
Variant 21.2.
At the invisible junction we turn right into the track that goes into the woods. The path descends to a stream (km 0,7) and continues on old mule tracks and with areas where the path is practically invisible. We descend with steep and other flat areas and arrive at the fork (km 1,1) where we leave the old track on the left now interrupted by an impassable landslide. We go to the right, we go up passing by some shacks and go down steeply to the provincial road (km 1,9). Pignone is left at eight hundred meters.
Difference in height: -580 m. and +170 m.
Cycle: 99%
Asphalt: 50%
Remarks:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.