Itinerari mtb in Val di Vara e nelle Cinque Terre
Itinerario 15
Discesa da Foce del Bardellone a Borghetto, 3

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 3/2010 connessione
Partenza: Foce del Bardellone
Come arrivare: Il valico è raggiunto dall'itinerario 16.
Itinerario.
Dalla Foce del Bardellone seguiamo la strada asfaltata in direzione sud fino a quando, a sinistra, inizia una strada sterrata (km 2,1).
Svoltiamo e scendiamo rapidamente; lasciamo a destra gli ingressi di una cava e giungiamo ad un ponte (km 4).
Immediatamente oltre il ponte lasciamo la strada che sale e svoltiamo a sinistra in una carrareccia.
La trattorabile attraversa il torrente per tre volte e si esaurisce in un prato. Attraversiamo il prato seguendo poche tracce e raggiungiamo l'argine del torrente Casale dove inizia un sentierino (km 4,6; segnavia CAI AVstring).
Tutto il sentiero che segue richiede precauzione perchè corre alto tra i cinque e i dieci metri sul fiume, su rive molto ripide o verticali.
Il sentiero percorre la riva destra del corso d'acqua, stretto e con passaggi non ciclabili. Lo percorriamo con cautela e scendiamo alle rovine del mulino di Michelino e al vicino guado (km 4,8).
Sulla sponda opposta il sentiero prosegue difficile e pericoloso e gli alberi abbattuti e qualche frana non agevolano le cose; in compenso il torrente è molto bello con laghetti e cascate.
Raggiungiamo un ponte di legno (km 5,6; ponte di Case Cardinale) dall'aspetto preoccupante che invece si rivela solido, ma è comunque meglio controllarlo prima di passare.
Passiamo nei pressi delle rovine di case Cardinale e raggiungiamo un guado (km 6,1). La mulattiera si allarga e diventa un facile percorso su strada forestale. Attraversiamo un altro affluente e raggiungiamo l'ampio guado (km 7,6) nei pressi di un elegante ponte che può essere utilizzato in alternativa.
La strada prosegue e termina incrociando la provinciale (km 8,6) nei pressi di Casale. Svoltiamo e seguiamo in salita l'asfalto.
Al termine della salita (km 9,9) svoltiamo a destra in una stradina asfaltata che continua a salire. In prossimità delle case Catornola (km 10) la salita termina e proseguiamo in discesa fino alla Cappelletta (km 10,5).
Qui svoltiamo a sinistra nella strada pianeggiante che entra tra le case. La strada diventa sterrata e scende senza difficoltà fino a giungere sulla strada che ricalca il tracciato della antica decauville mineraria.
La strada costeggia il rio Redarena e lo attraversa più volte. I guadi sono di tipo sommergibile ma sono in rovina e spesso bagnati.
La strada diventa asfaltata nei pressi di una casa (km 14,2). Ad un bivio (km 15) svoltiamo a sinistra, scendiamo per attraversare l'Aurelia e proseguiamo dalla parte opposta scendendo al municipio di Borghetto Vara (km 15,2).
Dislivello: -610 m.
Ciclabilità: 96%
Osservazioni: la presenza di ben sedici guadi impone di evitare i periodi di forti piogge. La parte su sentiero è pericolosa e richiede prudenza.
Asfalto: 33%


mappa  gps  foto  foto

Descent from Foce del Bardellone to Borghetto, 3

Updating: 3/2010
Start point: Bardellone Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 16.
Itinerary.
From the Bardellone Pass we follow the asphalted road in south direction up to when, to the left, it begins an unmetalled road (km 2,1).
We turn and we quickly go down; we leave to the right the entries of a quarry and we come to a bridge (km 4).
Immediately over the bridge we leave the road that climbs and we turns to the left in a cart-road.
The road crosses the stream for three times and exhausts its in a lawn. We cross the lawn following few traces and we reach the bank of the stream Casale where a narrow path begins (km 4,6; trail sign CAI AVstring).
The whole path that follows asks for precaution because it races high among five and ten meters on the river, on very steep or vertical shores.
The path crosses the right shore of the course of water, narrow and with non cycle passages. We cross it with caution and we go down to the ruins of the mill of Michelino and the close ford (km 4,8).
On the opposed bank the path continues difficult and dangerous and the dejected trees and some landslide don't facilitate the things; in remuneration the stream is very beautiful with little ponds and falls.
We reach a wood bridge (km 5,6; bridge of Cardinal Houses) from the worrisome aspect that instead he reveals solid, but it is better however to check it before passing.
We pass near the ruins of houses Cardinal and we reach a ford (km 6,1). The mule-track widens and becomes an easy run on forest road. We cross another tributary and we reach the ample ford (km 7,6) near an elegant bridge that can be used in alternative.
The road continues and finishes crossing the provincial road (km 8,6) near Casale. We turn and we follow in ascent the asphalt.
At the end of the ascent (km 9,9) we turn to the right in an asphalted narrow road that keeps on climbing. In proximity of the houses (km 10) the ascent finishes and we continues in descent up to the Cappelletta (km 10,5).
We turn to the left here in the level road that enters among the houses. The road becomes unmetalled and goes down without difficulty up to come on the road that traces the layout of the ancient mining decauville.
The road skirts the brook Redarena and crosses it more times. The fords are type submergible but they are in downfall and often wet.
The road becomes near a house asphalted (km 14,2). To a fork (km 15) we turn to the left, we go down for crossing the Aurelia and we continue from the opposite part going down to the town hall of Borghetto Vara (km 15,2).
Gradient: -610 ms.
Cycle: 96%
Observations: the presence of sixteen fords it imposes to avoid the periods of hard rains. The part on path is dangerous and asks for prudence.
Asphalt: 33%

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.