Itinerari mtb in Val di Vara e nelle Cinque Terre
Itinerario 10
Traversata Passo Centocroci - Foce Tre Confini

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 5/2003 connessione
Partenza: Passo Centocroci
Come arrivare: Il valico è raggiunto dall'itinerario 9.
Itinerario.
Di fronte al Ranch Camillo, esattamente dove arriva l´itinerario 9, parte una stradina asfaltata, in salita.
La prendiamo e saliamo fino ad affacciarsi su una bella valletta pascoliva, scendiamo ad un incrocio e proseguiamo verso i generatori eolici installati sopra al Passo della Cappelletta (km 4,6).
Seguiamo la strada a sinistra che passa di fronte alla cappella e scende. Dopo 300 metri lasciamo questa sterrata e svoltiamo a destra in una strada agricola chiusa da una sbarra. Scendiamo rapidamente per poi salire ripidamente. Un bel tratto pianeggiante ci porta ad una rampa che dobbiamo superare per uscire su un prato (km 6,2). Svoltiamo a destra e saliamo in breve nei pressi del Passo del Lupo (km 6,4) dove troviamo l'AV.
Proseguiamo sulla strada che sale nel bosco, abbastanza pedalabile, tranne una breve rampa.
Raggiungiamo un evidente bivio (km 7,4): a destra sale la variante 10.2 che porta in vetta al Gottero, a sinistra seguiamo l'AV. La strada forestale alterna salite e discese e si mantiene pedalabile fino ad un ruscello (km 9,2) superato il quale ci aspetta una ripida salita, poi il sentiero inizia a scendere, ma è difficile e sassoso, poco ciclabile.
Infine terminano le pietre e scendiamo arrivando sotto alla Foce che raggiungiamo salendo a destra qualche decina di metri (km 10,6).
Antichi cippi confinari della repubblica di Genova (e Ducato di Parma e Granducato di Toscana).
Dislivello: in salita 500 m.
Ciclabilità: 88%
Osservazioni: continua l'ideale traversata verso il mare.
Asfalto: 43%
Variante 10.1: per evitare la perdita di quota dopo il Passo della Cappelletta e senza fare la impedalabile salita dell'AV.
Al Passo della Cappelletta seguiamo la strada a destra che procede in leggera salita. Superato il crinale vediamo in alto a sinistra la depressione del Passo del Lupo. Lasciamo la strada e saliamo direttamente sul ripido prato per un centinaio di metri fino al passo (circa 1 km). E' necessario superare due recinzioni spinate.
Variante 10.2: traversata del m. Gottero.
Certo, se non vi va di spingere la bici, è meglio che non saliate quassù: la ciclabilità non supera il 35%.
Al bivio lasciamo l'alta via e l´itinerario principale che vanno a sinistra e saliamo a destra. Per circa 600 metri la pendenza è forte ed il tracciato impedalabile. Arriviamo sul crinale ed il sentiero va a sinistra. La pendenza meno forte ed il fondo migliore permettono di procedere in sella per buoni tratti. Il sentiero si mantiene sul crinale o se ne allontana poco. Il bosco comincia a diradarsi ed usciamo sui pascoli poco distanti dalla cima. Una leggera discesa e gli ultimi ripidi metri ci portano in vetta (km 2,6 e 400 m di dislivello).
Attraversiamo la vetta (croce e punto trigonometrico) e scendiamo dalla parte opposta. Dopo un centinaio di metri il sentiero svolta a sinistra ed entra nel bosco.
La discesa si svolge ora in un solco ripidissimo e fortemente dissestato che termina ad una spalla erbosa (km 3). Scendiamo a sinistra affrontando un tratto altrettanto difficile. Finalmente la pendenza diminuisce ed il fondo migliora e possiamo proseguire in sella fino a precipitare sulla Foce dei Tre Confini (km 3,4). In 800 metri siamo scesi di 230 metri e la pendenza è stata intorno al 40% per due tratti di circa 200 metri ciascuno.

 mappa  foto

Centocroci Pass - Three Boundaries Pass cross

Updating:
5/2003
Start point: Centocroci Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 9.
Itinerary.
In front of the Ranch Camillo, exactly where arrives the itinerary 9, it starts a narrow tarmac road, in ascent.
We take it up and climb as far as to lean out on a beautiful valley of pasture, go down to an intersection and continue toward the aeolian generetors installed above to the Pass of the Chapel (km 4,6).
We follow to the left the road that it passes in front of the chapel and it goes down. After 300 meters we leave this dirt road and we turn to the right in a rural road closed by a bar. We quickly go down to then steeply climb. A beautiful level stretch leads us to a ramp that we have to overcome to go out on a lawn (km 6,2). We turn to the right and climb shortly near the Pass of the Wolf (km 6,4) where we find the AV.
We continue on the road that climbs in the wood, enough cycles, except a short ramp.
We reach an evident fork (km 7,4): to the right climbs the variation 10.2 that leads in peak to the Gottero, we follow to the left the AV. The forest road alternates slopes and descents and remains cycle as far as a brook (km 9,2) which cross over we face a steep ascent, then the path begins to go down, but few cycle, difficult and stony.
They finally finish the stones and we go down reaching under the Pass that we reach to the right climbing some about ten meters (km 10,6).
Ancient boundary-stones of the republic of Genoa (and Dukedom of Parma and Granducato of Tuscany).
Gradient: in ascent 500 ms.
Cycle: 88%
Observations: it continues our crossing toward the sea.
Tarmac: 43%
Varying 10.1: to avoid the loss of height after the Pass of the Chapel and without making the not cycle ascent of the AV.
at the Pass of the Chapel we follow to the right the road that it proceeds in light ascent. Overcome the ridge we see to the left aloft the depression of the Pass of the Wolf. We leave the road and climb directly on the steep lawn for hundred meters up to the pass (around 1 km). It's necessary to overcome the barbed wire.
Varying 10.2: crossing mount Gottero.
Certainly, if you don't like to push the bike, it is better that you don't ascent here: the cycle doesn't more 35%.
At the fork we leave the signs AV and the main itinerary that go to the left and we climb to the right. For around 600 meters the inclination is strong and the path not cycle. We arrive on the ridge and the path it goes to the left. The less inclination and the best ground allow to proceed in saddle for some stretches. The path remains on the ridge or it gets further little. The wood starts to space out and we goes out on the pastures to little distant from the top. A light descent and the last steep meters lead in peak (km 2,6 and 400 ms of gradient).
We cross the peak (cross and trigonometric point) and we go down from the opposite part. After hundred meters the path turns to the left and enters the wood.
The descent now runs in a steep furrow and greatly rough that finishes to a grassy shoulder (km 3). We go down to the left facing a stretch as many difficult. Finally the inclination decreases and the ground improves and we can continue in saddle up to fall on the Pass of the Three Boundaries (km 3,4). In 800 meters we have gone down of 230 meters and the inclination has been superior to 40% for two stretches of around 200 meters each.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.