Percorsi mtb a Savona e Vado
Itinerario 58
Discesa dal forte Ciuto a Savona, 3

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 12/2016 connessione
Partenza: Forte Ciuto
Come arrivare: La partenza è l'incrocio tra via alla Strà e via Nostra Signora del Monte: entrambe salgono da Savona.
Itinerario.
All'incrocio tra via N.S. del Monte e via Alla Strà imbocchiamo la strada sterrata e superiamo il cancello.
La strada sale con qualche tornante, incontra l'oleodotto e raggiunge il bivio (km 0,4) dove il sentiero a sinistra raggiunge l'ingresso del Forte Ciuto.
Andiamo diritto e raggiungiamo la spigolo sud delle mura (km 0,5) dove svoltiamo a destra scendendo sul tracciato dell'oleodotto.
Dopo circa cento metri svoltiamo a sinistra in un sentiero. Attraversiamo i boschi e usciamo sull'asfalto (km 1,2) che attraversiamo per prendere la strada di fronte.
Attraversiamo la sbarra, superiamo un gruppo di valvole (km 1,5) e raggiungiamo il punto in cui la strada inizia a scendere ripida (km 1,6).
Lasciamo la strada e prendiamo a sinistra il tracciato dell'oleodotto, traccia che inizia con quattro ripidi scalini e prosegue, meno ripida, con una cinquantina di scalini che possono essere saltati o evitati.
Usciamo sulla strada asfaltata (km 2) e la attraversiamo per imboccare il sentiero che inizia dietro al guard rail.
Scendiamo con qualche tornante a un bivio (km 2,3) dove svoltiamo a destra.
Il sentiero procede con qualche saliscendi attraversando un paio di canaloni e sale infine a un incrocio (km 2,7).
Svoltiamo a sinistra su un comodo sentiero in discesa. Trascuriamo un sentiero a sinistra (km 3), un altro a destra (km 3,1) e ancora uno a sinistra (km 3,5) e usciamo sull'asfalto in località Ca' di Bo (km 3,6).
Seguiamo la stradina asfaltata che scende a un ponte (km 4,5) e raggiunge l'itinerario 55 (km 5,1).
In comune con questo percorriamo via Molinero che passa sotto al ponte autostradale e seguiamo via Chiabrera che ci porta ai parcheggi nella zona dell'Università (Legino; km 5,6).
Dislivello: -430 m. e + 60 m.
Ciclabilità: 99%
Asfalto: 37%
Osservazioni:

mappa  gps  foto  foto  foto


Updating: 2016/12
Start point: Ciuto fortress
How to arrive: The beginning is the cross between via alla Strà and via Nostra Signora del Monte.
Itinerary.
At the cross between Via N.S. del Monte and Via alla Strà we take the dirt road and pass the gate.
The road climbs with some hairpin bend, meets the pipeline and reach the fork (km 0.4) where the left path it reaches the entrance of the Fort Ciuto.
We go right and reach the southern edge of the walls (0.5 km) where we turn right going down the pipeline route.
After about one hundred meters we turn left into a path. We cross the woods and go out on the asphalt (km 1.2) which we cross to take the opposite road.
We cross the barrier, we overcome a group of valves (1.5 km) and reach the point where the road begins to descend steeply (1.6 km).
We leave the road and turn left onto the pipeline route, track that begins with four steep steps and continues less steep, with fifty steps that can be jumped or avoided.
We go out on the asphalt road (km 2) and cross it to take the path that starts behind the guard rail.
We go down with some hairpin bends at a crossroads (km 2,3) where we turn right.
The path proceeds with some ups and downs through a couple of gullies and finally rises to an intersection (km 2.7).
We turn left on a comfortable path downhill. We neglect a path to the left (km 3), another to the right (3.1 km) and one more to the left (3.5 km) and we go out on the tarmac at place Ca' di Bò (3.6 km).
We follow the paved road that goes down to a bridge (km 4.5) and reaches the route 55 (5.1 km).
In common with this we follow Via Molinero passing under the motorway bridge and follow Chiabrera street that leads us to the parking area in the University (Legino; 5.6 km).
Vertical drop: -430 m. and +60 m.
Cycling: 99%
Asphalt: 37%
Comments:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.