Percorsi mtb a Savona e Vado
Itinerario 27
Traversata da Naso di Gatto a Giovo

Vai agli altri itinerari di questa area


Aggiornamento: 11/2007 connessione
Punto di partenza: Naso di Gatto
Come arrivare: La localitÓ è raggiunta dall'itinerario 9 e dall'itinerario 16.
Itinerario.
Dalla cantoniera seguiamo la strada che scende verso Savona. Dopo 150 metri svoltiamo a sinistra in una stradina asfaltata e saliamo fino al primo bivio (km 0,3).
Svoltiamo a sinistra nella strada sterrata (segnavia FIE r12). La strada sale con pendenza crescente. Trascuriamo una strada a destra e raggiungiamo il bivio tra due rami della stessa strada dove conviene prendere il ramo di sinistra.
La faticosa salita diminuisce la pendenza e possiamo proseguire più agevolmente. Una breve discesa ci porta ad una zona dove incontriamo molti incroci (km 1,3). Seguiamo la strada principale, trascurando le tre strada a sinistra, che si unisce al segnavia AVphp e scende verso destra.
Seguiamo sempre la strada che effettua molti saliscendi, anche ripidi. Agli incroci restiamo sul tracciato AVphp e raggiungiamo un bivio dove entriamo sulla larga sterrata di servizio degli impianti eolici.
Scendiamo a destra e raggiungiamo un'ampia sella (km 3,5).
Lasciamo a destra sia la strada dell'itinerario 16 sia quella dell'itinerario 18 e prendiamo a sinistra la strada che sale, sempre con segnavia.
Saliamo su fondo stabilizzato costeggiando alcune torri dell'impianto. Percorriamo l'ampio crinale e superiamo numerosi saliscendi.
Una lunga salita, interrotta da qualche pianetto, ci porta su un'altura, scendiamo e raggiungiamo una selletta (km 6,2) dove inizia una faticosa e dissestata salita poco ciclabile.
Al termine della rampa la mulattiera obliqua a sinistra e raggiunge un bivio (km 6,4) poco evidente dove andiamo a destra, percorriamo trenta metri e raggiungiamo il punto più elevato dell'itinerario (Bric Sportiole).
Una discesa ripida ci porta ad una insellatura (km 6,9). Proseguiamo prevalentemente in discesa interrotta da qualche salita breve ma intensa.
Scendiamo un ripido tratto per raggiungere un pianetto (km 7,6) che attraversiamo. Saliamo una breve rampa e percorriamo un'ultima discesa ci porta ad incontrare l'asfalto alla Sella Burain (km 8).
Svoltiamo a sinistra e subito a destra imoccando una larga strada che sale (in comune con l'itinerario 14 e AVphp).
Quando l'alta via svolta a destra (km 8,4) la seguiamo. La mulattiera scende nella faggeta. Fin qui il percorso non ha presentato problemi di orientamento: di qui in avanti dobbiamo fare attenzione ai segnavia.
Il sentiero presenta qualche breve salita ed è privo di difficoltà fino ad un poco avvertibile bivio (km 9,3). Qui svoltiamo a sinistra, scendiamo, percorriamo un crinale ed affrontiamo una discesa ripidissima.
Seguiamo le tracce delle ruote che evitano qualche tratto troppo ripido e precipitiamo a valle. La pendenza si attenua e proseguiamo facilmente uscendo su una strada asfaltata (km 10).
Svoltiamo a destra senza quasi toccare l'asfalto e continuiamo a scendere su un largo sentiero. Ad un bivio (km 10,3) teniamo la destra e scendiamo costeggiando una cascina. La discesa termina sulla strada asfaltata Corona-Giovo (km 10,6) percorsa dalla Variante 14.1.
Svoltiamo a sinistra e raggiungiamo la strada provinciale che, seguita a destra, ci porta a Giovo (km 11,4).
Dislivello: 460 m e -640 m
Ciclabilità: 96%
Asfalto: 12%
Osservazioni: percorso abbastanza frequentato, di solito salendo da Corona al quadrivio del km 3,5 (centrale eolica) e rientrando con la variante 14.1.


 mappa  gps

Cross from Naso di Gatto to Giovo

Updating:
11/2007
Start point: Naso di Gatto
How to arrive: The place is reached by the itinerary 9 and by the itinerary 16.
Itinerary.
From the roadman's house we follow the road that goes down toward Savona. After 150 meters we turn to the left in an asphalted narrow road and we climb up to the first fork (km 0,3).
We turn to the left in the dirt road (trail sign FIE r12). The road climbs with increasing inclination. We neglect to the right a road and we reach the fork among two branches of the same road where it is worthwhile to take the left branch.
The fatiguing ascent reduces the inclination and we can continue on saddle. A brief descent brings us to a zone where we meet many intersections (km 1,3). We follow the principal road that unites to the trail sign AVphp and it goes down toward right.
We always follow the road that effects many ups and downs, also steep. To the intersections we finally stay on the trail AVphp and we go down a crossroads (km 3,5).
We leave to the right both the road of the itinerary 16 and that of the itinerary 18 and we take that that climbs to the left, always with trail sign.
We climb on stabilized bottom skirting some towers of the plant. We overcome entirely always not numerous ups and downs cycle and we reach a little pass (km 6,2) where a fatiguing and little cycle ascent begins.
We reach a fork where we go to the right, we cross some meter and we reach the most elevated point of the itinerary (km 6,5).
A steep descent brings us to a saddleback and we continues primarily in descent but with some ramps.
A last descent brings us to meet the asphalt to the Saddle Burain (km 8).
We take the narrow asphalted road that it climbs (in common with the itinerary 14 and AVphp).
When the High Trail turns to the right (km 8,4) we follow it. The mule-track goes down in the beech wood. All this way the run has not offered problems of orientation: this we have to watch out for the trail signs.
The path gives some brief ascent and is without difficulty as far as a few perceptible fork (km 9,3). We turn to the left here, we go down, we cross a ridge and we face a very steep descent.
We follow the traces of the wheels that avoid some too many steep tract and we fall to valley. The inclination weakens and we easily continues going out on an asphalted road (km 10).
We turn to the right without almost touching the asphalt and we keep on going down on a wide path. To a fork (km 10,3) we hold the right and we go down skirting a farmhouse. The descent finishes on the asphalted road Corona-Giovo (km 10,6) crossed by the Variation 14.1.
We turn to the left and we reach the provincial road that, follows to the right, it brings us to Giovo (km 11,4).
Gradient: 460 ms and -640 ms
Cycle: 96%
Asphalt: 12%
Observations: run enough frequented, usually climbing from Corona to the crossroads of the km 3,5 and reentering on the variation 14.1.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.