Percorsi mtb a Savona e Vado
Itinerario 22
Discesa da Altare a Savona, via Santuario

Vai agli altri itinerari di questa area


Aggiornamento: 2/2009 connessione
Punto di partenza: Altare
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 39, dall'itinerario 1, dall'itinerario 10.
Itinerario.
Ad Altare raggiungiamo il Museo del Vetro dove prendiamo il viale alberato che sale. Saliamo con qualche tornante fin quando, in corrispondenza di una curva a sinistra, lasciamo l'asfalto prendendo una larga sterrata. Dopo venti metri raggiungiamo un incrocio (Bocchetta di Altare, monumento a destra; km 1)
Lasciamo a destra l'itinerario 10 che arriva da Cadibona e proseguiamo a sinistra, quasi in piano fino ad un bivio dove scendiamo a destra.
Al bivio successivo (km 1,7) abbandoniamo l'AVphp e continuiamo a scendere a destra.
La strada mantiene l'andamento discendente. Passiamo sotto ad un viadotto dell'autostrada e raggiungiamo un bivio (km 4,5) dove prendiamo a destra continuando a scendere.
Dopo una breve risalita scendiamo a Case Miniera (km 5; centro ippico) dopo le quali incontriamo l'ampia sterrata che scende da Cadibona.
Svoltiamo a sinistra ed incontriamo subito un bivio dove teniamo la sinistra scndendo a guadare il rio Lodo. La strada scende lentamente, con qualche risalita.
Dopo aver superato la ferrovia scendiamo più ripidamente con un tornante, lasciamo a sinistra una stradina e raggiungiamo un guado sul torrente Letimbro (km 6,8).
Proseguiamo in piano, superiamo i massi di una frana (pericolo di caduta massi) e scendiamo a guadare altre due volte.
La strada sale e passa sotto ad un viadotto ferroviario. Proseguiamo in piano, passiamo sotto ad un altro viadotto per poi scendere ad un bivio (km 8) dove incontriamo l'itinerario 23.
Svoltiamo a destra e scendiamo ripidamente per guadare per la quinta volta.
Passiamo davanti alla Cascina Montegrosso ed attraversiamo il torrente, questa volta senza bagnarci. La strada sale per superare uno sperone roccioso. Scendiamo alle coltivazioni presso alcune case. Controlliamo la recinzione alla nostra destra.
Quando volta a destra lasciamo la strada (che prosegue: variante 22.1; km 9) ed andiamo a destra su una strada erbosa che costeggia la recinzione.
La strada ci porta ad un guado a cui ne seguono altri tre. Seguiamo la strada che costeggia il fiume. Ad uno spiazzo la strada diviene asfaltata e sale con un tornante ad un bivio (km 9,6).
Svoltiamo a destra e seguiamo senza altri problemi la stradina asfaltata che costeggia il fiume. Dopo aver superato un piccolo valico presso alcune case scendiamo alla provinciale (km 11).
Seguiamo la provinciale a destra scendendo al Santuario (km 13,7). Siamo a circa 7 km da Savona.
Dislivello: 400 m in discesa fino al Santuario.
Ciclabilità: quasi 100%
Asfalto: 36% fino al Santuario
Osservazioni: utilizzabile anche in salita.
Variante 22.1.
Raccordo da Cadibona. Al km 13 dell'itinerario 10 (ultime case di Cadibona) vediamo a destra una strada in discesa. La prendiamo. Dopo qualche metro il fondo diviene sterrato, ma la strada si mantiene ampia e scorrevole. Scendiamo facilmente fino alle Case Miniera dove troviamo l'itinerario principale (km 1,1). Utile per chi percorra l'itinerario principale in salita.
Variante 22.2.
Permette di evitare gli ultimi 4 guadi.
Arrivati al km 8,4 non prendiamo la strada erbosa che va al fiume, ma proseguiamo sulla sterrata. Dopo un centinaio di metri raggiungiamo le case e saliamo, ora su asfalto, attraversando il portico della strana costruzione goticheggiante. La strada prosegue fino ad un bivio (km 0,6) dove, da destra, arriva l'itinerario principale.


 mappa  foto  gps


Descent from Altare to Savona, via Sanctuary

Updating:
5/2006
Start point: Altare
How to arrive: The country is reached by the itinerary 39, by the itinerary 1 and by the itinerary 10.
Itinerary.
From Altare we go toward the Cadibona Pass, but we turn to the left as soon as we cross the trail signs AVphp. We climb on asphalt up to a curve to the left (km 0,4) where we leave the asphalt and we go to the right on a wide dirt road.
We leave to the right the itinerary 10 that it arrives from Cadibona and we almost continue in plain to a fork where we go down to the right.
At the following fork (km 1,3) we leave the AVphp and we keep on going down to the right.
The road maintains the descending course. We pass under to a viaduct of the highway and we reach Houses Mine (km 4,6) and then meet the ample dirt road that goes down from Cadibona ().
We turn to the left and we immediately meet a fork where we hold the left. After a small ford the road slowly goes down, with some ascents. After having overcome the railroad we go down more steeply with an hairpin bend, we leave to the left a narrow road and we reach a ford.
We continue in plain, we get over on foot the rocks of a landslide (km 6,4) and we go down to ford twice others.
The road climbs and it passes under a viaduct. We continue in plain, cross under another viaduct and then go down to a fork (km 7,5).
We turn to the right and we steeply go down for fording the stream for the fifth time.
We pass in front of the Farmhouse Montegrosso and we cross the stream, this time without bathing us. The road climbs to overcome a rocky spur. We go down to the cultivations near some houses. We take care of the enclosure to our right. When it turns to the right we leave the road (what it continues: varying 22.1; km 8,4) and we go to the right on a grassy road that skirts the enclosure.
The road leads us to a ford to which they follow other three of it. We follow the road that skirts the river. At a clear the road becomes tarmac and climbs with an hairpin bend to a fork (km 9,3).
We turn to the right and we follow without other problems the narrow road that skirts the river. After having overcome a little pass near some houses we go down to the provincial road (km 10,7).
We follow to the right the provincial road going down to the Sanctuary (km 13,4). We are to around 6,8 kms from Savona.
Gradient: 400 ms in descent up to the Sanctuary.
Cycle: almost 100%
Tarmac: 36% up to the Sanctuary
Observations: usable also in ascent.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.