Percorsi mtb a Savona e Vado
Itinerario 06
Traversata Colle di Cadibona - Colle di Melogno

Vai agli altri itinerari di questa area


Aggiornamento: 10/2006 connessione
Punto di partenza: Colle di Cadibona
Come arrivare: Il passo è raggiunto dall'itinerario 1.
Itinerario.
Dal Colle di Cadibona saliamo sulla strada che si stacca sul versante settentrionale del passo, poco prima (spalle al forte ed alla galleria) del piazzale di servizio dell´autostrada (segnavia AVphp).
Seguiamo la carrozzabile asfaltata che passa sopra l´autostrada, diventa sterrata e sale fino ad un incrocio in località Rocca d'Orso (km 1,5).
Qui proseguiamo in salita (a sinistra si allontana l´itinerario 1 al contrario).
Poco dopo un tornante incontriamo un primo bivio (a sinistra itinerario 21) dove proseguiamo sulla strada principale che va a destra fino ad un evidente incrocio (km 2,6).
Lasciamo la strada a destra (variante 6.2) e saliamo a sinistra (segnavia AVphp).
La strada raggiunge il bivio (km 3,8) nei pressi del Forte Burotto, che si può raggiungere con una breve deviazione a sinistra.
Proseguiamo sulla strada che continua a salire e si mantiene sul crinale. La salita è moderata, con qualche tratto più ripido.
Lasciamo a sinistra una strada minore e proseguiamo sulla strada principale che sale a raggiungere un bivio (km 6,3).
La strada a destra conduce, in pochi metri, sulla vetta boscosa del monte Baraccone. Noi invece svoltiamo a sinistra seguendo il segnavia AVphp.
Dopo poche decine di metri inizia la discesa. Il sentiero è piuttosto ripido fino ad una netta svolta a destra dove la discesa prosegue con pendenza maggiore fino ad incrociare il largo sentiero (km 7) dove arriva, da destra, la variante 6.2.
Proseguiamo a sinistra su sentiero largo che, con una ripida discesa, ci porta al Colle del Baraccone (km 7,4).
Qui incontriamo la strada che sale da Roviasca percorsa dall'itinerario 2. In comune con quello proseguiamo a destra sulla larga strada in salita.
Dopo poco la salita ha termine e raggiungiamo l'incrocio di cinque strade (km 7,9). Lasciamo a destra la variante 6.3 e a sinistra la 6.4 e proseguiamo diritto, in discesa. La strada prosegue con un percorso con moderati saliscendi nel bosco. Il tratto termina con una discesa che ci porta su di un'ampia strada a fondo naturale.
Siamo a Colla del Termine (km 9,6). Qui si può arrivare più facilmente salendo dalla provinciale Altare/Mallare per la strada carrareccia alla nostra destra (itinerario 1 delle Valli dei Bormida).
Proseguiamo in piano sull´ampia strada verso sinistra seguendo il segnavia AVphp.
La strada procede in quota, praticamente senza dislivelli, e la seguiamo anche quando il segnavia AVphp si allontana a destra.
Raggiungiamo un bivio (km 13,2) dove la strada principale prosegue verso le Rocche Bianche ormai vicinissime. Saliamo invece a destra con qualche tratto ripido e guadagnando rapidamente quota.
La strada migliora e continua a salire; incrociamo la strada che sale da Orco, poi la pendenza diminuisce ed infine scendiamo alla larga insellatura prativa della Colla S. Giacomo (km 15,4).
La costruzione poco sotto al passo offre la possibilità di modesto rifugio.
Dalla Colla continuiamo a seguire l'ampia carrareccia che avanza a sinistra. La strada è all'inizio pianeggiante, ma poi scende e raggiunge la provinciale che sale da Feglino (km 20,7).
Proseguiamo in salita sull'asfalto per duecento metri. Abbandoniamo la provinciale (variante 6.1 ) che continua a salire e prendiamo a sinistra una evidente sterrata che scende leggermente ad un guado, sale sulla riva opposta e scende.
Ad un bivio teniamo la sinistra e continuiamo la discesa che termina all´incrocio con un largo sentiero (km 22,8) che seguiamo a destra, in salita.
E' la strada seguita dall´itinerario 5 del finalese, utilizzabile in discesa verso Calice; abbiamo perso circa 120 metri di quota.
Con qualche strappo saliamo ad un incrocio (km 25,3) dove teniamo la destra e saliamo fino alla chiesetta della Madonna della Neve (km 26,4).
La strada prosegue asfaltata fino a raggiungere la statale del Melogno nei pressi della Casa del Mago (km 30; itinerario di discesa per Eze).
Seguendo la strada asfaltata, per circa 1600 metri, possiamo raggiungere il Colle di Melogno.
Dislivello: 1090 m.
Ciclabilità: 100%
Osservazioni: lungo percorso non impegnativo che permette di incrociare quasi tutti gli itinerari descritti.
Variante 6.1: 
Si può salire alla Madonna della Neve seguendo l´asfalto e risparmiando un bel po' di energie. Dall´incrocio con la provinciale da Feglino si prosegue in salita senza abbandonare l´asfalto. Con una discesa finale si arriva alla chiesetta (circa 4,7 km dall´incrocio).
Variante 6.2:
Si segue la strada che va a destra in piano. Dapprima in discesa, poi in salita la strada termina dopo 3 km in un piazzale per il taglio del legname. Si sale a sinistra arrivando nei pressi di una piccola costruzione in cemento. La strada della tagliata si trasforma in mulattiera, con foglie ed alberi abbattuti, che si inoltra nel bosco. Dopo 1 km si incontra l'AV nel punto in cui termina la ripida discesa nel bosco dell´itinerario successivo.
Variante 6.3:
all'incrocio delle cinque strade svoltiamo a destra. Dopo qualche metro in salita la strada scende ripida e porta ad un quadrivio dove svoltiamo a sinistra. Proseguiamo sulla strada forestale cercando di rimanere sulla strada principale ai numerosi incroci.
Attraversiamo più volte il tracciato di un metanodotto e superiamo un guado. Poco dopo incontriamo una strada che arriva da destra e proseguiamo a sinistra, guadiamo nuovamente un ruscello ed usciamo sulla strada che sale alla Colla del Termine (km 1,8) percorsa dall'itinerario 1 delle Bormide. Siamo a meno di 4 km dal suo inizio. Potrebbe essere utile per interrompere l'itinerario principale.
Dovrebbe essere utilizzabile anche in salita per raggiungere rapidamente la zona del Baraccone, ma la ciclabilità in salita è da verificare. (ottobre 2006).
Variante 6.4:
all'incrocio delle cinque strade svoltiamo a sinistra e seguiamo una strada in leggera discesa (segnavia FIE r28). La strada raggiunge uno slargo, attraversa un gasdotto e termina (km 1).
Proseguiamo su un sentiero che entra nel bosco. Dopo un tratto facile il sentiero sale e presenta un centinaio di metri non ciclabili.
Al termine della salita scendiamo e confluiamo nella grande sterrata a 100 metri da Colla del Termine. (ottobre 2006).
Variante 6.5:
eliminata ed utilizzata per l'itinerario 21.


 gps  mappa

Cross Colle of Cadibona - Colle of Melogno

Updating:
10/2006
Start point: Cadibona Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 1.
Itinerary.
From the Pass of Cadibona we climb on the road that detaches its on the northern slope of the pass, a little before (shoulders to the fortress and the gallery) of the square of service of the highway (trail sign AVphp).
We follow the asphalted carriageable road that passes above the highway, it becomes unmetalled and climbs to an intersection in the place Rocca d'Orso (km 1,5).
Here we continue in ascent (it gets further to the left contrarily the itinerary 1).
Shortly after a hairpin bend we meet a first fork (to the left itinerary 21) where we continue on the principal road that goes to the right to an evident intersection (km 2,6).
We leave to the right the road (varying 6.2) and we climb to the left (trail sign AVphp).
The road reaches the fork (km 3,8) near the Forte Burotto, that can be reached to the left with a brief deviation.
We continue on the road that keeps on climbing and it stays on the ridge. The ascent is moderate with some steep tract.
We leave to the left a smaller road and we continue on the main road that climbs to reach a fork (km 6,3).
To the right the road leads, in few meters, on the woody peak of the Baraccone mountain. We turn to the left instead following the trail sign AVphp.
After few about ten meters it begins the descent. The path is rather steep to a clear turn to the right where the descent continues with greater inclination to cross the wide path (km 7) where it arrives, from right, the variation 6.2.
We continue to the left on wide path that, with a steep descent, it brings us to the Pass of the Baraccone (km 7,4).
Here we meet the road that climbs from Roviasca crossed by the itinerary 2. In common with that we continue to the right on the wide road in ascent.
After a little the ascent has term and we reaches the intersection of five roads (km 7,9). We leave to the right the variation 6.3 and to the left the 6.4 and we continue straight, in descent. The road continues with a run with moderate ups and downs in the wood. The tract finishes with a descent that brings us on an ample unsurfaced road.
We are to Pass of the Term (km 9,6). We can more easily arrive here climbing from the provincial Altare/Mallare on the cart-road to our right (itinerary 1 of the Valleys of the Bormide).
We continue in plain on the large road toward left following the trail sign AVphp.
The road proceeds level, practically without gradients, and we also follow it when the trail sign AVphp gets further to the right.
We reach a fork (km 13,2) where the principal road continues toward the White Rocks by now near. We climb to the right instead with some steep tracts and quickly gaining altitude.
The road improves and continues to climb; we cross the road that climbs from Orco, then the inclination decreases and we finally goes down to the wide meadow saddleback of the Pass S. Giacomo (km 15,4).
The construction few bottom to the pass gives the possibility of modest refuge.
From the Pass we keep on following the ample cart-road that advances to the left. The road is level to the beginning, but then it goes down and it reaches the provincial road that climbs from Feglino (km 20,7).
We continue in ascent on the asphalt for two hundred meters. We give up the provincial road (varying 6.1) that it keeps on climbing and an evident unsurfaced road that slightly goes down to a ford take to the left, climbs on the opposite shore and it goes down.
To a fork we hold the left and we continue the descent that finishes to cross a wide path (km 22,8) that we follow to the right, in ascent.
It's the road crossed by the itinerary 5 of the finalese, usable in descent toward Calice; we have lost around 120 meters altitude.
With some ramps we climb to an intersection (km 25,3; to the left varying 5,1 of the finalese) where we hold the right and we climb to the church of the Madonna of the Snow (km 26,4).
The road continues asphalted up to reach the government road of the Melogno near the House of the Magician (km 30; itinerary of descent for Eze).
Following the asphalted road, for around 1600 meters, we can reach the Pass of the Melogno.
Gradient: 1090 ms.
Cycle: 100%
Observations: long non binding run that allows to cross almost all the described itineraries.
Varying 6.1: 
we can climb the Madonna of the Snow following the asphalt and saving a lot of energies. At the cross with the provincial road from Feglino we continue in ascent without giving up the tarmac. With a final descent we reache the church (around 4,7 kms from the fork).
Varying 6.2:
we follow the road that goes to the right in plain. At first in descent, then in ascent the road finishes after 3 kms in a square for the cut of the lumber. We climb to the left arriving near a small construction in cement. The road of the cut one turns into mule-track, with leaves and dejected trees, that it forwards its in the wood. After 1 km we meet the AV in the point in which it finishes the steep descent in the wood following by the main itinerary.
Varying 6.3:
to the intersection of the five roads we turn to the right. After some meter in ascent the road goes down steep and leads to a crossroads where we turn to the left. We continue on the forest road trying to remain on the principal road to the numerous intersections.
We cross more times the layout of a pipeline and we overcome a ford. Shortly after we meet a road that arrives from right and we continues to the left, we again ford a brook and we go out on the road that climbs to the Pass of the Term (km 1,8) crossed by the itinerary 1 of the Bormide. We are to less than 4 km from it beginning. It could be useful to interrupt the principal itinerary.
It should be also usable in ascent to quickly reach the zone of the Baraccone but the cycle in ascent it is to verify. (October 2006).
Varying 6.4:
to the intersection of the five roads we turn to the left and we follow a road in light descent (trail sign FIE r28). The road reaches a widening, it crosses a pipeline and it finishes (km 1).
We continue on a path that enters the wood. After an easy tract the path climbs and faces hundred non cycle meters.
At the end of the ascent we go down and we meet in the great unsurfaced road to 100 meters from Pass the Term. (October 2006).
Varying 6.5:
eliminated and used for the itinerary 21.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.