Itinerari mtb nelle Valli Trebbia e Aveto
Itinerario 61
Discesa da Casa del Romano a Suzzi

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 11/2016 connessione
Partenza: Casa del Romano
Come arrivare: La locanda è poco discosta dall'itinerario 18, dall'itinerario 19 e dall'itinerario 5.
Itinerario.
Partiamo dal parcheggio sulla SP presso la Casa del Romano e seguiamo l'asfalto in salita. Presso l'inizio del sentiero per l'Antola (km 1) iniziamo la discesa che ci porta velocemente a Capanne di Carrega (km 1,2; agriturismo con ristorante).
Immediatamente a fianco delle case prendiamo la strada forestale che sale (segnavia CAI AVbr 200, FIE g15 e g10 ).
La salita diventa progressivamente più ripida e obbliga a qualche parte da salire a piedi. Arriviamo su una spalla prativa (km 2,1) dove incontriamo anche il segnavia g5 . Lasciamo a destra il sentiero da dove arriva l'itinerario 17 e proseguiamo diritto.
La salita termina al quadrivio (km 2,7) dove inizia il sentiero di salita alla vetta del monte Carmo. Trascuriamo la strada percorsa dall'itinerario 2 e svoltiamo a destra.
Seguiamo un esile sentierino che attraversa il pascolo costeggiando il bosco. Entriamo tra i faggi e raggiungiamo un bivio (km 2,9) dove svoltiamo a destra sul sentiero CAI AVbr 119.
Il sentiero esce dal bosco e lo lasciamo cinquanta metri dopo il bivio per scendere a sinistra nel prato senza sentiero e sulla linea di massima pendenza.
Poco dopo ritroviamo il sentiero che continua la ripida discesa. La pendenza diminuisce a raggiungiamo il bivio (km 3,4) dove entriamo sul sentiero FIE g5 .
Ora seguiamo al contrario l'itinerario 17, con andamento molto più agevole in questo verso.
Una ripida discesa ci porta a una sella (km 3,9) dove, a destra, un sentiero dovrebbe scendere ad Alpe ma io non l'ho visto.
Affrontiamo qualche saliscendi con parti non ciclabili (attenzione ad alcune decine di metri esposti su un balzo di roccia, esposizione mitigata dagli alberi ma comunque pericolosa) e raggiungiamo un quadrivio (km 5,7).
La mulattiera a destra scende ad Alpe, il sentiero di fronte sale al Passo della Maddalena: noi svoltiamo a sinistra su un sentiero che sale.
Alcuni ripidi metri ci portano all'attraversamento del crinale dove inizia una mulattiera palesemente poco frequentata che scende sul versante settentrionale.
Quasi subito la mulattiera si restringe a debole traccia che attraversa il bosco con scarsa pendenza.
Il percorso è ostacolato da rami e qualche albero caduto.
L'esile traccia attraversa alcuni canali dove è completamente cancellata dalle frane e raggiunge un impluvio più largo (km 6,3) dove il passaggio è agevolato da una corda fissa, corda vecchiotta a cui è opportuno non affidarsi ciecamente.
Il sentiero diventa sempre più evidente fino a trasformarsi in una larga mulattiera che scende a guadare un ruscello (km 7,5) con una fonte.
Su ottima stradina erbosa saliamo per un po' e scendiamo infine a Suzzi (km 8,2).
Dislivello: -700 m. e +290 m.
Ciclabilità: 90%
Asfalto: 15%
Osservazioni:

mappa  gps  foto  foto  foto  foto  foto  foto  foto  foto  foto


Updating: 2016/11 Ops! This query does not work; let me know please.