Itinerari mtb nelle Valli Trebbia e Aveto
Itinerario 51
Traversata da Rovegno a Rettagliata

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 10/2015 connessione
Partenza: Rovegno
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 37.
Itinerario.
Dal centro del paese raggiungiamo il municipio e proseguiamo fino alla chiesa (km 0,2).
Lasciamo l'asfalto e prendiamo la strada che passa dietro all'abside, costeggia il cimitero e raggiunge una cappella (km 0,5).
La strada è segnalata con V e V ed è percorsa da un itinerario ginnico. Dopo qualche saliscendi modesto scendiamo a guadare il Fosso del Riccio (km 1,3) dopo il quale dobbiamo evitare una zona franata.
Proseguiamo facilmente e raggiungiamo il Pian della Taverna (km 1,5) dove, a destra, sgorga la sorgente del Galetto.
Arriviamo la bivio dove perdiamo anche il segnavia V per proseguire diritto (km 1,7). La strada ora è ridotta a mulattiera che scende ripida a un guado (km 1,8) e prosegue con saliscendi più accentuati e non sempre ciclabili.
Dopo altri guadi arriviamo a un bivio (km 3) e andiamo diritto sul sentiero in discesa. Dopo aver traversato un ultimo ruscello il sentiero percorre (km 3,5) un alto muraglione della strada, muraglione protetto da un guard-rail.
Scendiamo sull'asfalto e lo percorriamo a destra per duecento metri circa.
Imbocchiamo la stradina erbosa che sale a destra e raggiunge una cappella (km 4,1). Scendiamo costeggiando la chiesa per raggiungere l'asfalto (km 4,2) alle prime case di Garbarino.
Seguiamo la strada che scende a sinistra e gira subito a destra. Al bivio (km 4,3) andiamo diritto, superiamo il nucleo principale del paese e prendiamo la sterrata che prosegue diritto presso il lavatoio.
Saliamo al cimitero (km 4,7) e proseguiamo quasi in piano fino a un bivio (km 4,9) dove teniamo la destra, in salita.
Dopo aver superato un frana arriviamo a un cappella (km 6) e entriamo su asfalto a Rettagliata (km 6,1).
Dislivello: -210 m.
Ciclabilità: 97%
Asfalto: 7%
Osservazioni:

mappa  gps  foto  foto  foto  foto


Updating: 2015/10
Start point: Rovegno
How to arrive: The country is reached by the itinerary 37.
Itinerary.
From the center of the country we reach the town hall and we continue up to the church (km 0,2).
We leave the asphalt and take the road that passes behind the apse, it skirts along the cemetery and it reaches a chapel (km 0,5).
The road is signalled with V and V and it's crossed by a gymnastic itinerary. After some moderate ups and downs we go down to ford the Fosso of the Riccio (km 1,3) after which owe to avoid a landslide zone.
We easily continue and reach the Pian of the Tavern (km 1,5) where, to the right, the source of the Galetto gushes out.
We arrive the fork where we also lose the trail sign V to continue straight on (km 1,7). The road is now reduced to mule-track that goes down steep to a ford (km 1,8) and it continues with steeper and not always cycle ups and downs.
After other fords we reach a fork (km 3) and go straight on on the path to descent. After having crossed a last brook the path it crosses (km 3,5) a high wall of the road, wall protected by a guard-rail.
We go down on the asphalt and cross to the right it for two hundred meters around.
We take the grassy narrow road that climbs to the right and it reaches a chapel (km 4,1). We go down skirting along the church to reach the asphalt (km 4,2) at the first houses of Garbarino.
We follow the road that goes down to the left and it turns to the right immediately. At the fork (km 4,3) we go straight on, we overcome the main nucleus of the country and take the unmetalled road that continues straight on near the washtub.
We climb to the cemetery (km 4,7) and continue almost in plain up to a fork (km 4,9) where we keep to the right in slope.
After having overcome a landslide we arrive to a chapel (km 6) and enter on asphalt to Rettagliata (km 6,1).
Gradient: -210 ms.
Cycle: 97%
Asphalt: 7%
Observations:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.