Itinerari mtb nelle Valli Trebbia e Aveto
Itinerario 48
Salita da Rovegno a Fontanigorda

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 8/2015 connessione
Partenza: Rovegno
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 37.
Itinerario.
Dal municipio seguiamo la strada per la chiesa. Immediatamente prima dell'edificio svoltiamo a destra e seguiamo la strada provinciale che sale con alcuni tornanti.
Quando a destra inizia un largo sentiero (km 2; segnavia MTB) svoltiamo a destra e saliamo nella foresta. Poco dopo aver lasciato a destra il segnavia V il sentiero diventa ripido, pietroso e non tutto ciclabile.
Dopo questo tratto arriviamo facilmente a un bivio (km 2,9) e andiamo diritto salendo a un altro incrocio (km 3,2).
Lasciamo la strada a sinistra che sale alla Colonia e andiamo a destra sulla strada più stretta. Attraversiamo un ruscello ed entriamo in una gola dove attraversiamo il ruscello diverse volte.
Affrontiamo la ripida salita che esce dal canalone e sale a un piazzale con deposito legname dove è segnato un sentiero a destra (km 3,7), sentiero che non prendiamo.
Proseguiamo sul piazzale in direzione della vicinissima strada provinciale ma, prima di raggiungerla, giriamo a destra e scendiamo su un largo sentiero che corre parallelo e più in basso della SP.
Con qualche saliscendi la mulattiera giunge a un ruscello dopo il quale sale con un ripido strappo e procede in prevalente discesa fino a un altro rigagnolo.
Qualche altro saliscendi ci porta a un bivio (km 4,7) dove svoltiamo a destra, in comune con l'itinerario 46.
Scendiamo velocemente e usciamo sulla SP18 (km 5) che seguiamo a destra.
Seguiamo l'asfalto fino a un tornante (km 6,2) dove, a sinistra, inizia una larga sterrata che prendiamo e seguiamo raggiungendo un impianto idroelettrico (km 6,5).
Proseguiamo quasi in piano fino a un bivio (km 6,7) dove prendiamo la strada sinistra e la seguiamo fino al suo termine (km 7).
Proseguiamo sul sentiero pianeggiante, sentiero che in realtà è il percorso di una tubazione coperta dal cemento. Dopo pochi metri andiamo ancora diritto e saliamo moderatamente per attraversare un crinale (km 7,2).
Il sentiero continua pianeggiante fino a una linea elettrica (km 7,7), poi incontriamo qualche zona franata e una ripida salitella e infine scendiamo a una strada sterrata (km 7,9) che seguiamo a sinistra.
Incrociamo un'altra strada (km 8) e la seguiamo a destra salendo ad attraversare (km 8,3) una strada più larga.
Saliamo seguendo una mulattiera che diventa asfaltata a una casa e termina sulla SP18 (km 8,5).
Attraversiamo ed entriamo tra le case di Fontanigorda seguendo la stradina che ci porta alla chiesa (km 8,7).
Dislivello: 370 m. e -220 m.
Ciclabilità: 98%
Asfalto: 39%
Osservazioni:
Variante 48.1.
Al bivio del km 3,2 giriamo a sinistra rimanendo sulla strada principale. Superiamo una salita piuttosto ripida e usciamo sul grande e bel prato della Colonia dove entriamo su una strada sterrata (km 0,4). Giriamo a destra e raggiungiamo la vicina SP83 (km 0,5) che, seguita a destra, porta al deposito di legname (km 1,2).

mappa  foto  foto  foto  gps


Updating: 2015/8
Start point: Rovegno
How to arrive: The country is reached by the itinerary 37.
Itinerary.
From the town hall we follow the road for the church. Immediately before the building we turn to the right and follow the provincial road that climbs with some hairping bend.
When to the right it begins a wide path (km 2; trail sign MTB) we turn to the right and climb in the forest. Shortly after to have left to the right the trail sign V the path become steep, stone and not all cycle.
After this tract we easily reach a fork (km 2,9) and go climbing straight on to another intersection (km 3,2).
We leave to the left the road that it climbs to the Colony and we go to the right on the narrowest road. We cross a brook and enter a gorge where we cross the brook several times.
We face the steep slope that goes out of the gully and goes up to a square with deposit lumber where a path is marked to the right (km 3,7), path that we don't take.
We continue on the square in direction of the near provincial road but, before reaching it, we turn to the right and go down on a wide path that races parallel and further down the SP.
With some ups and downs the mule-track reaches a brook after which climbs with a steep ramp and it proceeds in prevailing descent up to another rivulet.
Some other ups and downs brings us to a fork (km 4,7) where we turn to the right, in common with the itinerary 46.
We quickly go down and go out on the SP18 (km 5) that follow to the right.
We follow the asphalt up to a hairping bend (km 6,2) where, to the left, it begins a wide unmetalled road that we take and follow reaching a hydroelectric plant (km 6,5).
We continue almost in plain up to a fork (km 6,7) where take the left road and follow it up to its term (km 7).
We continue on the level path, path that in reality it is the run of a pipeline covered by the concrete. After few meters we go straight on again and we moderately climb for crossing a ridge (km 7,2).
The path continues level up to an electric line (km 7,7), then we meet some slipped zone and a steep climb and we finally go down to an dirt road (km 7,9) that we follow to the left.
We cross another road (km 8) and follow to the right it climbing to cross (km 8,3) a wider road.
We go up following a mule-track that becomes asphalted to a house and it finishes on the SP18 (km 8,5).
We cross and enter among the houses of Fontanigorda following the narrow road that brings us to the church (km 8,7).
Gradient: 370 ms. and -220 ms.
Cycle: 98%
Asphalt: 39%
Observations:
Varying 48.1.
At the fork of the km 3,2 turn to the left remaining on the main road. We overcome a rather steep slope and go out on the great and beautiful lawn of the Colony where we enter on a dirt road (km 0,4). We turn to the right and reach the near SP83 (km 0,5) that, follows to the right, hands to the deposit of lumber (km 1,2).


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.