Itinerari mtb nelle Valli Trebbia e Aveto
Itinerario 35
Discesa dal monte Dego ad Ottone, via Fabbrica

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 10/2011 connessione
Punto di partenza: monte Dego
Come arrivare: La montagna è raggiunta dall'itinerario 7 e dall'itinerario 9.
Itinerario.
Dalla chiesetta sulla vetta del monte Dego seguiamo la strada di accesso, passiamo nei pressi di un'edicola e scendiamo al tornante dove parte il sentiero che aggira il monte Oramara (km 0,3).
Proseguiamo sulla strada guardando ai segnavia CAI AVstring127. Quando (km 0,7), a sinistra, si apre un pascolo chiuso da una recinzione lasciamo la strada ed attraversiamo il cancello attraverso il varco pedonale.
Siamo sul sentiero segnalato col numero 127 che seguiremo integralmente. Il sentiero entra nel bosco e scende fino ad incontrare una strada forestale (km 1,2) che attraversiamo.
Usciamo in un'area dove affiorano formazioni rocciose senza vegetazione che attraversiamo cercando di non perdere il segnavia perchè il sentiero non è evidente.
Di nuovo nel bosco continuiamo la discesa fino al cancello che chiude la recinzione (km 2,1). La discesa prosegue più ripida ma con tratti molto meno pendenti. Usciamo su un crinale (km 2,7) che seguiamo per pochi metri prima di scendere a sinistra.
Arriviamo ad un bivio (km 2,9) dove conviene seguire il ramo di destra perchè quello di sinistra è molto rovinato. Le due tracce si ricongiungono ed arriviamo ad una zona con sorgenti. Qui i ruscelli hanno scavato molti canaloni che attraversiamo con qualche saliscendi incontrando passi non ciclabili.
Guadiamo un ruscello (km 4,3) e proseguiamo facilmente fino a quando il sentiero termina (km 5,3) su una strada forestale che seguiamo a destra.
La strada scende a Toveraia (km 5,7). Passiamo tra le poche case tenendo la destra agli incroci per uscire dal paese sulla strada di accesso.
Seguiamo la strada fino all'inizio di un sentiero a destra (km 5,9). Seguiamo il sentiero, segnalato, e torniamo sulla strada (km 6,1).
Dopo quaranta metri riprendiamo il sentiero a destra e scendiamo uscendo sulla strada (km 6,4), che ora è asfaltata, a fianco di una Cappella.
Svoltiamo a destra seguendo il segnavia (quest'ultima parte, piuttosto disagevole, può essere evitata seguendo la strada) sulla mulattiera.
La mulattiera scende senza problemi ma termina bruscamente nel bosco. Individuiamo a sinistra la traccia di un sentiero che scende, ripido e con tornanti, per raggiungere il torrente (km 6,9).
Attraversiamo utilizzando la briglia in cemento (se c'è poca acqua, altrimenti conviene passare più a monte). Sull'altra sponda c'è una strada forestale che seguiamo a sinistra fino a raggiungere le prime case di Ottone ed il municipio (km 7,3).
Per raggiungere la piazza con i parcheggi attraversiamo le stradine del paese fino alla piazza (km 7,5).
Dislivello: -940 m.
Ciclabilità: 98%.
Asfalto: 4%.
Osservazioni:


 mappa  gps


Go down from Dego mountain to Ottone

Updating:
10/2011
Start point: Dego mountain
How to arrive: The mountain is reached by the itinerary 7 and by the itinerary 9.
Itinerary.
From the church on the peak of the Dego mountain we follow the road of access, we pass near a tabernacle and we go down to the hairpin bend where the path departs that revolves the Oramara mountain (km 0,3).
We continue on the road looking at the trail signs CAI AVbr127. When (km 0,7), to the left, it opens a pasture closed by an enclosure, we leave the road and we cross the gate through the pedestrian passage.
We are on the path signalled with the number 127 that we will integrally follow. The path enters the wood and goes down to meet a forest road (km 1,2) that we cross.
We go out in an area where rocky formations appear on the surface without vegetation that we cross trying not to lose the trail sign because the path is not evident.
Again in the wood we continue the descent up to the gate that it closes the enclosure (km 2,1). The descent it continues steep but with tracts very less pendants. We go out on a ridge (km 2,7) that we follow for few meters before going down to the left.
We arrive to a fork (km 2,9) where it is worthwhile to follow the right branch because that of left is very ruined. The two traces are rejoined and we arrive to a zone with springs. Here the brooks have dug many gullies that we cross with some ups and downs meeting non cycle passes.
We ford a brook (km 4,3) and we easily continue up to when the path finishes (km 5,3) on a forest road that we follow to the right.
The road goes down to Toveraia (km 5,7). We pass among the few houses holding the right to the intersections to go out of the country on the road of access.
We follow to the right the road up to the beginning of a path (km 5,9). We follow the path, signalled, and we return on the road (km 6,1).
After forty meters we take again to the right the path and we go down going out on the road (km 6,4), that now it is asphalted, beside a Chapel.
We turn to the right following the trail sign (this last part, rather uncomfortable, it can be avoided following the road) on the mule-track.
The mule-track goes down without problems but it brusquely finishes in the wood. We individualize to the left the trace of a path that goes down, steep and with hairpin bends, to reach the stream (km 6,9).
We cross using the concrete bridle (if there is few water, is worthwhile otherwise to pass awryer). On the other bank there is a forest road that we follow to the left up to reach the first Ottone houses and the town hall (km 7,3).
To reach the square with the parking lot we cross the narrow road of the country up to the square (km 7,5).
Gradient: -940 ms.
Cycle: 98%.
Asphalt: 4%.
Observations:

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.