In mtb nel Golfo del Tigullio
Tigullio 08
Discesa da Leivi a Chiavari, 2

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 2/2009 connessione
Punto di partenza: Bocco di Leivi
Come arrivare: Il valico è posto a breve distanza da Leivi.
Itinerario.
Agli incroci che caratterizzano il valico prendiamo la strada in salita in direzione ovest e la seguiamo. Lasciamo a sinistra la chiesa di San Lorenzo e svoltiamo a sinistra alle ultime case (km 0,7) imboccando una breve rampa in cemento.
La strada diventa subito sterrata e la seguiamo, con qualche saliscendi, fino al suo termine (km 1,7).
Scendiamo qualche metro per prendere il sentiero che prosegue nella stessa direzione. Il percorso è quasi interamente ciclabile e ci porta sul crinale (km 2,4) dove passa l'itinerario 1 della Fontanabuona.
Svoltiamo a destra e seguiamo il segnavia FIE r14 e quello CAI AVstring. La salita è dissestata, ripida e non ciclabile. Superiamo qualche albero caduto e saliamo fino al piede (km 2,9) della ripida rampa che scende dal monte Anchetta.
Lasciamo il sentiero di Montallegro e svoltiamo a sinistra seguendo il segnavia CAI. Il sentiero è stretto e con passaggi difficili.
Le difficoltà diminuiscono e percorriamo un'ampia mulattiera che con una leggera salita raggiunge una spalla (km 3,7) ed un quadrivio.
Seguiamo a destra il segnavia che percorre una mulattiera che scende tra i muri a secco e le coltivazioni.
Qualche scala in pietra presenta qualche difficoltà e scendiamo alle case di Campodonico. Alcune rampe di scale ci portano sull'asfalto (km 4,2) dove svoltiamo a destra.
La strada termina subito per lasciare il posto ad una larga mulattiera che scende dolcemente. Il percorso tra gli ulivi raggiunge una strada in cemento e scende all'asfalto (km 4,8) che evitiamo andando subito a destra.
Imbocchiamo una larga mulattiera che scende al ponte sul Rio Campodonico e prosegue quasi pianeggiante terminando con una lieve salita che ci porta a confluire sulla crosa cementata percorsa dall'itinerario 7 (km 5,7); svoltiamo a sinistra ed andiamo in comune con quello.
Scendiamo ad attraversare l'asfalto (km 5,9) a Rovereto e proseguiamo sulla strada che gradatamente si restringe a sentiero.
Affrontiamo un tratto in salita con passaggi non ciclabili e proseguiamo più facilmente con qualche saliscendi.
Dopo una selletta troviamo un bivio (km 6,9) dove lasciamo a destra l'itinerario 7 e svoltiamo a sinistra seguendo i segnavia.
Il sentiero affronta la salita al monte Telegrafo ed è poco ciclabile anche se non è faticoso.
Usciamo sulla boscosa vetta (km 7,3) dove sorgono delle rovine.
A destra prosegue il sentiero segnalato. Percorriamo un lungo tratto con piacevole discesa nel bosco e raggiungiamo una sella (km 8) nei pressi di un muro che delimita zone coltivate.
Andiamo in salita per qualche decina di metri e lasciamo il crinale per scendere a destra.
Il sentiero costeggia i muri di recinzione con pendenza crescente e fondo via via peggiore. Superiamo una casa ed incontriamo il sentiero brp (km 8,4).
La discesa percorre una stretta scalinata con gradini irregolari (attenzione ai pedoni! Non si passa in due). Attraversiamo una stradina e continuiamo sulla scala. Per fortuna al primo bivio (km 8,5) abbandoniamo la scala che precipita verso il mare e svoltiamo a sinistra.
Percorriamo una facile, larga mulattiera che scende tra le fasce fino ad un bivio (km 9). Lasciamo a sinistra il segnavia AVstring e seguiamo a destra il segnavia brp.
Una breve discesa ci porta sull'Aurelia che seguiamo a sinistra. Seguiamo l'asfalto raggiungendo il Santuario Madonna dell'Olivo (km 9,3).
Di fronte al santuario attraversiamo la strada (pericoloso) e prendiamo la scalinata che scende. Attraversiamo un'altra volta e seguiamo una stradina che termina a Chiavari (km 9,7) nei pressi della rotatoria dell'autostrada.
Dislivello: -550 m
Ciclabilità: 90%
Asfalto: 12%.
Osservazioni: alcune salite non ciclabili rendono questo percorso non troppo consigliabile.


 mappa  gps  foto

Descent from Leivi to Chiavari, 2

Updating:
2/2009
Start point: Leivi Pass
How to arrive: The Pass is not far from Leivi.
Itinerary.
To the intersections that characterize the pass we take the road in slope in west direction and we follow it. We leave to the left the church of St. Lawrence and we turn to the left to the last houses (km 0,7) taking a brief concrete ramp.
The road immediately becomes unsurfaced and we follows it, with some ups and downs, up to its term (km 1,7).
We go down some meter to take the path that continues in the same direction. The run is almost entirely cycle and brings us on the ridge (km 2,4) where it passes the itinerary 1 of the Fontanabuona.
We turn to the right and we follow the trail sign FIE r14 and that CAI AVstring. The slope is ruined, steep and not cycle. We overcome some fallen tree and we climb up to the foot (km 2,9) of the steep ramp that goes down from the Anchetta mountain.
We leave the path of Montallegro and we turn to the left following the trail sign CAI. The path is narrow and with difficult passages.
Difficulties decrease and we cross an ample mule-track that with a light slope it reaches a shoulder (km 3,7) and a crossroads.
We follow to the right the trail sign that crosses a mule-track that goes down among the dry walls and the cultivations.
Some stone staircase offers some difficulties and we goes down to the houses of Campodonico. Some ramps of staircases bring us on the asphalt (km 4,2) where we turn to the right.
The road immediately finishes for leaving the place to a wide mule-track that softly goes down. The run among the olive tree reaches a road in cement and goes down to the asphalt (km 4,8) that we avoid is going immediately to the right.
We take a wide mule-track that goes down to the bridge on the Rio Campodonico and it almost continues level finishing with a light slope that brings us to meet on the cemented crosa crossed by the itinerary 7 (km 5,7); we turn to the left and we go in common with that.
We go down to cross the asphalt (km 5,9) to Rovereto and we continue on the road that gradually narrows to path.
We face a tract in slope with non cycle passages and we continue more easily with some ups and downs.
After a saddle we find a fork (km 6,9) where we leave to the right the itinerary 7 and we turn to the left following the trail signs.
The path faces the slope to the Telegraph mountain and is few cycle even if it is not fatiguing.
We go out on the woody peak (km 7,3) where they rise some ruins.
To the right it continues the signalled path. We cross a long tract with pleasant descent in the wood and we reach a saddle (km 8) near a wall that delimits cultivated zones.
We go to slope for some about ten meters and we leave the ridge to go down to the right.
The path skirts the walls of enclosure with increasing inclination and bottom as worse. We overcome a house and we meet the path brp (km 8,4).
The descent crosses a narrow stairway with irregular steps (beware to the pedestrians! Doesn't pass two persons). We cross a narrow road and we continue on the staircase. Luckily to the first fork (km 8,5) we give up the staircase that falls toward the sea and we turns to the left.
We cross an easy, wide mule-track that goes down among the dry walls up to a fork (km 9). We leave to the left the trail sign AVstring and we follow to the right the trail sign brp.
A brief descent brings us on the Aurelia that we follow to the left. We follow the asphalt reaching the Sanctuary Madonna of the Olive (km 9,3).
In front of the sanctuary we cross the road (dangerous) and the stairway that goes down take. We cross another time the tarmac and we follow a narrow road that ends to Chiavari (km 9,7) near the rotatory one of the highway.
Gradient: -550 ms
Cycle: 90%
Asphalt: 12%.
Observations: some non cycle slopes make this run not too much advisable.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.