Percorsi mtb in Valle Stura
Itinerario 38
Discesa da Sella del Barnè a Tiglieto

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 11/2015 connessione
Partenza: Sella del Barnè
Come arrivare:
Itinerario.
Dalla strada asfaltata che collega il passo del Turchino al passo del Faiallo, in corrispondenza di un valico (Sella del Barnè) partono a destra due sentieri. Uno sale alla soprastante vetta del monte Dente, l'altro si allontana pianeggiante.
Qui è situata una palina segnaletica che riporta i numerosi segnavia ed una carta topografica. Prendiamo il sentiero pianeggiante che dopo pochi metri diviene impercorribile in sella. Il sentiero costeggia il ripido versante della montagna, con tratti che conservano l´antica selciatura a testimoniare l'importanza di questa "via del sale".
Con faticosi tornanti guadagniamo quota e raggiungiamo il crinale al passaggio roccioso della "Porta del Dente" (km 0,6).
La discesa non è semplice ma permette di procedere in sella. Raggiunto il punto più basso il sentiero sale e confluisce nel sentiero dell´itinerario 6 (km 1,2) che seguiremo per un po'.
Superiamo la sella a monte del Bric Dentino (km 1,7) e scendiamo costeggiando sulla destra il Bric, su sentiero molto dissestato e poco ciclabile.
Al termine della discesa lasciamo a destra (km 2,5) il sentiero per cascina Troia e cominciamo a salire. Attraversiamo le panoramiche radure del crinale e scendiamo brevemente all´incrocio col sentiero diretto al passo Fruia (km 3,4).
Svoltiamo a sinistra e scendiamo seguendo i segnavia FIE g16  e g55 . Il sentiero attraversa facilmente le praterie, poi diviene dissestato divenendo fondo di un ruscello. Proseguiamo sulla sinistra uscendo esattamente al Passo Fruia (km 4,1).
Scendiamo a sinistra per qualche metro ed entriamo sulla strada di crinale su cui passano: l'itinerario 15, l'itinerario 3, l'itinerario 7.
Svoltiamo a destra e seguiamo a lungo la strada che oppone modeste difficoltà nei saliscendi.
Al termine di una breve salita notiamo un sentiero segnalato a sinistra (km 5,9; località Morbetto). Lasciamo la strada e svoltiamo.
Il sentiero percorre un crinale secondario, correndo tra prati e querce, fino al termine del crinale (km 6,5). Scendiamo a sinistra per attraversare un ruscello e risalire ripidamente ad attraversare una spalla.
Una dissestata discesa ci porta a una presa d'acquedotto dove il sentiero si allarga a pista forestale (km 6,9).
Seguiamo la strada superando qualche salita ciclabile, guadiamo un torrente (km 7,6) e saliamo al vicino bivio dove scendiamo a destra.
La strada corre alta sul rio Gerla, quasi sempre in discesa, e termina sulla SP64 (km 9,4) che seguiamo a destra fino a Tiglieto (km 12,2).
Dislivello: -600 m.
Ciclabilità: 94%
Asfalto: 25%
Osservazioni:

mappa  gps  foto  foto  foto  foto  foto  foto


Updating: 10/2015 From the asphalted road that it links the Turchino pass to the Faiallo pass, in correspondence of a pass (Saddle of the Barnè) two paths depart to the right. One of them climbs the peak of the Dente mountain, the other one gets further level.
Here a descriptive ranging rod is situated that brings the numerous trail signs and a topographical paper. We take the level path that becomes impassable on saddle after few meters. The path skirts along the steep slope of the mountain, with parts that preserve the ancient paving to testify the importance of this "the salt's way".
With fatiguing hairping bends we gain quota and reach the ridge to the rocky passage of the "Porta del Dente" (km 0,6).
The descent is not simple but it allows to proceed on saddle. Reached the lowest point the path it climbs and meets on the path of the itinerary 6 (km 1,2) that we will follow for a while.
We overcome upstream the saddle of the Bric Dentino (km 1,7) and go down skirting along on the right the Bric, on very ruined and few cycle path.
At the end of the descent we leave to the right (km 2,5) the path to farmhouse Sow and begin to climb. We cross the pannings clearings of the ridge and shortly go down to the cross with the direct path to the pass Fruia (km 3,4).
We turn to the left and go down following the trail signs FIE g16 and g55 . The path easily crosses the grasslands, then it becomes ruined becoming ground of a brook. We continue on the left exactly going out to the Pass Fruia (km 4,1).
We go down to the left for some meter and enter on the road of ridge on which they pass: the itinerary 15, the itinerary 3, the itinerary 7.
We turn to the right and follow for a long time the road that opposes modest difficulties in the ups and downs.
At the end of a short slope we notice a path signalled to the left (km 5,9; place Morbetto). We leave the road and turn.
The path runs a secondary ridge, racing between lawns and oaks, up to the term of the ridge (km 6,5). We go down to the left for crossing a brook and to steeply go up again to cross a shoulder.
One ruined descent brings us to a taking of aqueduct where the path widens to forest track (km 6,9).
We follow the road overcoming some cycle slope, we ford a stream (km 7,6) and climb the near fork where we go down to the right.
The road races high on the brook Gerla, almost always in descent, and it finishes on the SP64 (km 9,4) that we follow to the right up to Tiglieto (km 12,2).
Gradient: -600 ms.
Cycle: 94%
Asphalt: 25%
Observations:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.