Percorsi mtb in Valle Stura
Itinerario 32
Anello del rio Roverno

Vai agli altri percorsi della zona


Aggiornamento: 8/2011 connessione
Punto di partenza: case Cravaria
Come arrivare:
Itinerario.
Dalle case seguiamo la strada asfaltata in direzione nord. Attraversiamo un ponte (km 0,4) e saliamo fino ad incontrare (km 0,7) una sterrata a destra, chiusa da una sbarra.
Lasciamo l'asfalto e saliamo sulla strada, in comune con l'itinerario 29, che ci porta al prato antistante Casa Graxè (km 0,8; andare piano o a piedi nel prato).
La strada forestale prosegue in salita dietro alla casa e presenta un tratto ripido per proseguire facilmente con percorso in lieve salita.
Superiamo il punto più elevato e scendiamo alla cascina Seruggia (km 1,8; animali). Percorriamo venti metri a fianco della recinzione e svoltiamo a destra abbandonando la strada per Mornese.
Dopo una breve salita la strada scende e prosegue nei pressi del torrente. Ad un bivio (km 2,3) proseguiamo in piano sul sentiero sulla sponda. Una breve e ripida discesa ci porta sul greto del torrente Roverno (km 2,5).
Andiamo diritti cercando il sentiero, non molto evidente, che attraversa le pietre ed i cespugli. Attraversiamo un prato al cui termine ritroviamo una strada forestale (km 2,5) che sale.
Trascuriamo qualche strada laterale e restiamo su quella principale che sale ripida e passa nei pressi di un fienile prima di raggiungere la strada sterrata (km 2,8) proveniente da Mornese.
Svoltiamo a destra seguendo, al contrario, l'itinerario 22. La strada scende ad un'area pic-nic ed al guado (km 3,1) sul torrente Roverno.
Il guado non presenta problemi tranne in caso di forti piogge. Dopo il guado la strada sale con pendenza elevata e fondo poco aderente.
La salita è molto faticosa, con tratti non ciclabili. Ogni tanto abbiamo l'impressione che sia finita ed invece riprende con pendenza immutata.
Finalmente arriviamo al valico (km 4,7) e svoltiamo a destra (segnaviag52 , molto saltuario). Da sinistra arriva l'itinerario 22 e di fronte scende la variante 22.4 per i laghi della Lavagnina.
La nostra strada incontra subito un bivio dove teniamo la sinistra e proseguiamo poi con qualche facile saliscendi fino al termine della strada (km 5,4).
Prendiamo il sentiero che sale esattamente sul crinale e porta alla sommità del cocuzzolo.
La discesa è su un bel sentiero scorrevole e privo di difficoltà. Ad un bivio (km 5,5) tra due sentieri equivalenti teniamo la sinistra.
Il sentiero attraversa zone con bosco rado e presenta tratti pianeggianti.
La discesa diventa sempre meno agevole mentre il sentiero affronta un tratto incassato e sassoso solo in parte evitabile a destra.
Le difficoltà scemano quando il sentiero si allarga per diventare una dissestata stradina che scende ripida. Trascuriamo il segnavia che va a destra e proseguiamo sulla strada che termina all'incrocio (km 7,1) con la strada dei Laghi della Lavagnina. Svoltiamo a destra e raggiungiamo la vicina sbarra e le case Cravaria da dove siamo partiti.
Dislivello: 390 m e -390 m.
Ciclabilità: 92%.
Asfalto: 11%
Osservazioni:


 mappa  gps


Around Roverno brook

Updating:
8/2011 From the houses we follow the asphalted road in north direction. We cross a bridge (km 0,4) and we go up to meet (km 0,7) an unmetalled road to the right closed by a bar.
We leave the asphalt and we climb the road, in common with the itinerary 29, that it brings us to the lawn before House Graxè (km 0,8; to go slow or on foot in the lawn).
The forest road continues in slope behind the house and opposes a steep tract before easily continue with run in light slope.
We overcome the most elevated point and we go down to the farmhouse Seruggia (km 1,8; animals). We cross twenty meters beside the enclosure and we turn to the right leaving the road to Mornese.
After a brief slope the road goes down and continues near the stream. To a fork (km 2,3) we continue in plain on the path on the bank. A short and steep descent bring us on the pebbly shore of the stream Roverno (km 2,5).
We go stright looking for the path, not very evident, that crosses the stones and the bushes. We cross a lawn to whose term find again a forest road (km 2,5) that climbs.
We neglect some side road and we stay on that main that climbs steep and it passes near a barn before reaching the dirt road (km 2,8) coming from Mornese.
We turn to the right following, contrarily, the itinerary 22. The road goes down to a pic-nic area and to the ford (km 3,1) on the stream Roverno.
The ford doesn't offers problems except in case of strong rains. After the ford the road climbs with elevated inclination and a little adherent ground.
The slope is very fatiguing with non cycle tracts. We sometimes have the impression that it is ended and instead it climbs again with unchanged inclination.
We finally reach the pass (km 4,7) and we turn to the right (trail signg52 , very irregular). From left arrives the itinerary 22 and opposite the variation 22.4 goes down to the lakes of the Lavagnina.
Our road immediately meets a fork where we hold the left and we continue then with some easy ups and downs up to the term of the road (km 5,4).
We take the path that exactly climbs on the ridge and leads to the summit.
The descent is on a beautiful flowing and without difficulty path. To a fork (km 5,5) among two equivalent paths we hold the left.
The path crosses zones with thin wood and offers level tracts.
The descent becomes less and less easy while the path faces a exacavate and stony tract only partly avoidable to the right.
Difficulties diminish when the path widens for becoming one ruined narrow road that goes down steep. We neglect the trail sign that goes to the right and we continues on the road that finishes to the intersection (km 7,1) with the road of the Lakes of the Lavagnina. We turn to the right and we reach the next bar and the houses Cravaria from where we have departed.
Gradient: 390 ms and -390 ms.
Cycle: 92%.
Asphalt: 11%
Observations:

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.