Itinerari mtb in Valle Scrivia
Itinerario 68
Traversata da Isola del Cantone a Grondona

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 4/2010 connessione
Punto di partenza: Isola del Cantone
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 7, dall'itinerario 8, dall'itinerario 10, dall'itinerario 87.
Itinerario.
Da Isola (parcheggi zona svincolo autostradale) entriamo tra le case e scendiamo per attraversare il ponte. Proseguiamo in salita su una stradina asfaltata che porta alle case di San Lazzaro (km 1,7).
Proseguiamo sulla strada sterrata e saliamo a sinistra ad un bivio (km 2,5). La salita è ripida e dissestata, non del tutto ciclabile.
Nei pressi di un cancello la strada diventa asfaltata (km 3,0) e la seguiamo fino ad uscire su una strada maggiore (km 3,6).
Svoltiamo a sinistra e saliamo alle case di Montecanne (km 4,1) arroccate sul crinale roccioso.
La salita porta ad un colletto (km 4,2) tra le case dove svoltiamo a sinistra. La strada asfaltata termina ad un'ultima casa (km 4,4) dove prendiamo la sterrata che sale a destra.
Dopo un centinaio di metri prendiamo la strada pianeggiante a destra (diritto prosegue la variante 68.1). Attraversiamo il versante della montagna con qualche saliscendi a pendenza moderata. Trascuriamo una strada a destra e raggiungiamo una spalla (km 5,8) dove cambiamo versante.
La strada continua con saliscendi attraverso i boschi fino ad un'altra spalla (km 7,2) dove la discesa diventa continua. Raggiungiamo un quadrivio (km 7,8) dove troviamo i segnavia AVstring. Proseguiamo diritti ed andiamo diritti al bivio che segue dopo qualche decina di metri (a destra variante 68.2).
Seguendo il segnavia AVstring 280 superiamo qualche metro in salita e scendiamo al bivio di c.Baro dove proseguiamo diritti (km 8,2; a sinistra variante 68.3 e variante 68.4).
Raggiungiamo un altro bivio nei pressi di un rudere (km 9,4) ed andiamo a destra. Scendiamo velocemente trascurando numerose strade a destra e a sinistra e raggiungiamo un bivio (km 10,8) dove andiamo a destra per arrivare al guado (km 11) sul Torrente Spinti, facile ma largo.
La strada sul greto ci porta ad un parcheggio ed al paese di Grondona (km 11,2).
Dislivello: 550 m ed altrettanti in discesa.
Ciclabilità: 96%
Asfalto: 28%
Osservazioni:
Variante 68.1:
Proseguiamo diritti sulla stradina che diventa molto ripida. Con qualche tratto a piedi giungiamo ad un bivio (km 0,2) dove teniamo la destra e continuiamo a salire ma con pendenza più contenuta. Usciamo sul crinale (km 0,4) a monte di un gruppo di antenne e proseguiamo a destra.
La strada è ripida e dissestata e raggiunge la sommità boscosa del monte Cagnola (km 0,7). Aprile 2010. Salita faticosa e poco ciclabile. La vetta non offre un panorama più ampio di quello che si può avere dal cimitero di Montecanne.
La strada prosegue in discesa e poi in salita fino al Bric Campo di Fave e lì termina.
Variante 68.2:
Al bivio svoltiamo a destra (segnavia AVstring281 e S.E.). Ad un bivio andiamo a sinistra ed attraversiamo lungamente il pendio boscoso. Raggiungiamo un seccatoio (km 0,5) restaurato e proseguiamo. Il percorso presenta tratti fangosi e salite ripide e faticose, sono presenti molti rami e fogliame.
Guadagniamo una spalla (km 1,5) dove ha inizio la discesa. Ad un bivio (km 1,9) prendiamo a destra (segnavia) una strada forestale minore e scendiamo ad incrociare la carrareccia (km 2,4) percorsa dall'itinerario principale. Aprile 2010. E' un percorso più faticoso dell'itinerario principale e più sporco.
Variante 68.3:
Al bivio di casa Bario svoltiamo a sinistra su una strada forestale che scende ripida nel bosco. Lasciamo a sinistra (km 0,9) la variante 68.4 e proseguiamo sulla strada principale facendo attenzione a un tubo affiorante. Attraversiamo qualche ruscello a arriviamo su una strada (km 2) che seguiamo a destra raggiungendo il quadrivio (km 2,2) dove entriamo sull'itinerario principale. Novembre 2014.
Variante 68.4:
Al primo bivio dalla variante 68.3 svoltiamo a sinistra in una stradina minore. Dopo cinquanta metri guadiamo un torrente e iniziamo una salita ripida che ci porta a un seccatoio (km 0,2; abègu Apricusa). Dopo un ruscello (km 0,8) la strada sale di nuovo e raggiunge una spalla (km 1) dove la discesa diventa continua.
Andiamo a destra a un bivio (km 1,1) e diritto al vicino bivio seguente (km 1,2). La discesa ci porta a un quadrivio (km 1,7) su un crinale e qui proseguiamo diritto scendendo ripidamente a una strada (km 2,3).
Andiamo a destra, guadiamo il rio Gavassana e raggiungiamo l'itinerario principale (km 2,4).


   gps

Isola del Cantone to Grondona cross

Updating: 4/2010
Start point: Isola del Cantone
How to arrive: The village is reached by the itinerary 7, by the itinerary 8, by the itinerary 10, by the itinerary 87.
Itinerary.
From Isola (car park zone motorway release) we enter among the houses and we go down for crossing the bridge. We continue in ascent on an asphalted narrow road that brings to the houses of St. Lazzaro (km 1,7).
We continue on the unmetalled road and we climb to the left to a fork (km 2,5). The ascent it is steep and ruined, not entirely cycle.
Near a gate the road becomes asphalted (km 3,0) and we follow it up to go out on a greater road (km 3,6).
We turn to the left and we climb to the houses of Montecanne (km 4,1) grabbed on the rocky ridge.
The ascent brings to a pass (km 4,2) among the houses where we turn to the left. The asphalted road finishes to a last house (km 4,4) where we take the unsurfaced road that climbs to the right.
After hundred meters we take to the right the level road (straight it continues the variation 68.1). We cross the slope of the mountain with some ups and downs moderate slope. We neglect to the right a road and we reach a shoulder (km 5,8) where we change slope.
The road continues with ups and downs through the woods as far as another shoulder (km 7,2) where the descent becomes continuous. We reach a crossroads (km 7,8) where we find the trailsign AVstring. We continue straight and we go straight to the fork that follows after some about ten meters (to the right variation 68.2).
Following the trail sign AVstring280 we overcome some meter in ascent and we go down to the fork of Baro house (km 8,2) where we continue straight.
We reach another fork near a ruin (km 9,4) and we go to the right. We quickly go down neglecting numerous roads to the right and to the left and we reach a fork (km 10,8) where we go to the right for reaching the ford (km 11) on the Stream Spinti, easy but wide.
The road on the pebbly shore brings us to a car park and to the country of Grondona (km 11,2).
Gradient: 550 ms and as many in descent.
Cycle: 96%
Asphalt: 28%
Observations:
Variation 68.1:
We continue straight on the narrow road that becomes very steep. With some tract by foot we come to a fork (km 0,2) where we hold the right and we continue to climb but with more contained inclination. We go out on the ridge (km 0,4) above a group of aerials and continue to the right.
The road is steep and ruined and it reaches the woody summit of the Cagnola mountain (km 0,7). April 2010. Fatiguing and few cycle ascent. The peak doesn't give an ampler panorama of that that can be had by the cemetery of Montecanne.
The road continues in descent and then in ascent up to the Bric Campo of Fave and there finishes.
Variation 68.2:
To the fork we turn to the right (trail sign AVstring281 and S.E.). To a fork we go to the left and we longly cross the woody slant. We reach a renovated drying house (km 0,5) and we continue. The run offers muddy tracts and steep and fatiguing ascents, there are many branches and foliage.
We gain a shoulder (km 1,5) where it has beginning the descent. To a fork (km 1,9) we take to the right (trail sign) a smaller forest road and we go down to cross the cart-road (km 2,4) crossed by the principal itinerary. April 2010. It's a more fatiguing run of the principal itinerary and more dirt.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.