Itinerari mtb in Valle Scrivia
Itinerario 11
Salita da Vobbia al monte Buio

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 7/2008 connessione
Punto di partenza: Vobbia
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 12, dall'itinerario 54, dall'itinerario 61 e dall'itinerario 71.
Itinerario.
Da Vobbia seguiamo la strada per Crocefieschi fino al primo bivio. Qui proseguiamo diritti per Noceto.
Al primo tornante (km 1) andiamo a destra per una stradina asfaltata che si inoltra nella valle e scende al torrente Fabio. Proseguiamo per questa strada, ristrutturata dopo l'alluvione del 2002, e raggiungiamo il guado sul torrente (km 3,4).
Sulla riva opposta la larga sterrata guadagna rapidamente quota con qualche tornante.
Arriviamo ad un bivio (km 4,7) sotto alle poche case di Costa Clavarezza e svoltiamo a destra proseguendo sulla sterrata che aggira il paese con un tornante.
Al bivio a monte del paese (km 4,9) svoltiamo a destra e, dopo pochi metri, affrontiamo la grande frana in via di risanamento. L´itinerario può variare a seconda dei tracciati delle ruspe. Attualmente dobbiamo lasciare la strada ad un bivio (km 5,1) per salire a sinistra, a spinta, una ripida rampa. Percorriamo la strada di cantiere, con tratti non ciclabili, che dobbiamo abbandonare quando a destra inizia la vecchia strada (km 5,6) abbandonata.
Superiamo un tronco che sbarra l'accesso e saliamo incontrando tratti con residui di asfalto, attraversiamo un'altra frana ed arriviamo sul crinale (km 7,2) dove incontriamo la strada proveniente da Crocefieschi ed il segnavia FIE g45.
Svoltiamo a sinistra e seguiamo la strada asfaltata che sale fino ad arrivare al valico dell'Incisa (km 9,4); qui svoltiamo a destra in una larga sterrata.
Dopo un centinaio di metri saliamo a sinistra sul sentiero FIE che si dirige all'Antola. Il tratto che segue non è molto ciclabile e conduce ad un colletto (km 9,8).
Con percorso più facile, ma molti tratti non ciclabili, attraversiamo le pendici del monte Riundo arrivando infine ad una selletta (km 11,4) dove trascuriamo i due sentieri laterali (quello a sinistra è utilizzato dall'itinerario 57) per salire diritti sulla linea di massima pendenza.
Terminati 300 faticosi metri a spinta il sentiero ritorna ciclabile e costeggia il versante settentrionale per portarsi poi in cresta. Arriviamo ad un valico con un tavolo e panche (km 12,6; Pian del Curlo) situato ai piedi del Buio.
Il sentiero sale costeggiando le pendici del monte; quando inizia a scendere prestiamo attenzione; percorsi pochi metri in discesa prendiamo la traccia che sale a sinistra (km 13,2; segnavia FIE g12).
Un tratto a spinta conduce ad una selletta. Il monte Buio si trova a sinistra e lo raggiungiamo superando un paio di ripide rampe (km 13,8).
Dislivello: 950 m.
Ciclabilità: 90%
Asfalto: 32%
Osservazioni:


 mappa  gps

Ascent from Vobbia to the Buio mountain

Updating:
7/2008
Start point: Vobbia
How to arrive: The country is reached by the itinerary 12, by the itinerary 54, by the itinerario 61 and by the itinerary 71.
Itinerary.
From Vobbia we follow the road for Crocefieschi up to the first fork. We continue straight here for Noceto.
To the first hairpin bend (km 1) we go to the right on an asphalted narrow road that forwards its in the valley and it goes down to the stream Fabio. We continue for this road, restructured after the 2002 flood, and we reach the ford on the stream (km 3,4).
On the opposed shore the wide unsurfaced road quickly gains altitude with some hairpin bends.
We arrive to a fork (km 4,7) under to the few houses of Coast Clavarezza and we turn to the right continuing on the unsurfaced road that revolves the country with a hairpin bend.
To the fork above the country (km 4,9) we turn to the right and, after few meters, we face the great landslide. The itinerary can vary according to the layouts of the bulldozers. Currently we have to leave the road to a fork (km 5,1) to climb to the left, to push, a steep ramp. We cross the road of yard, with non cycle tracts, that we have to give up when to the right it begins the old abandoned road (km 5,6).
We overcome a trunk that blocks the access and we climb meeting tracts with residual of asphalt, we cross another landslide and we arrive on the ridge (km 7,2) where we meet the road coming from Crocefieschi and the trail sign FIE g45.
We turn to the left and follow the asphalted road that climbs up to reach the Incisa Pass (km 9,4); we turn to the right here in a wide unsurfaced road.
After hundred meters we climb to the left on the path FIE that directs its to the Antola. The tract that follows is not very cycle and leads to a pass (km 9,8).
With easier run but many non cycle tracts, we cross the slopes of the Riundo mountain finally arriving to a little pass (km 11,4) where we neglect the two side paths (that to the left is used by the itinerary 57) to climb straight on the line of maximum inclination.
After 300 fatiguing meters to push the path it returns cycle and it skirts the northern slope to go then on the ridge. We arrive to a pass with a table and benches (km 12,6; Pian of the Curlo) situated to the feet of the Buio.
The path climbs skirting the slopes of the mountain; when it begins to go down we pay beware; crossed few meters in descent the trace that climbs to the left we take (km 13,2; trail sign FIE g12).
A tract to push leads to a little pass. The Buio mountain is to the left and we reaches it overcoming a pair of steep ramps (km 13,8).
Gradient: 950 ms.
Cycle: 90%
Asphalt: 32%
Observations:

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.