Itinerari in mtb al Monte Saccarello
Itinerario 07
Giro del monte Saccarello

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 9/2008 connessione
Punto di partenza: San Bernardo di Mendatica
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 2, dall'itinerario 6, dall'itinerario 13, dall'itinerario 17.
Itinerario.
A San Bernardo di Mendatica imbocchiamo la strada asfaltata che si dirige verso Monesi. Raggiungiamo le case di questo paese situate sulla strada (Monesi di Mendatica) e proseguiamo in leggera discesa.
Incontriamo un bivio con una larga strada che sale a sinistra: seguendola arriviamo in breve alle costruzioni di Monesi di Triora da dove partivano gli impianti di sci (km 5).
Proseguiamo sull'unica strada in salita, in comune con l´itinerario 3 e l´itinerario 1. La salita è inizialmente su strada asfaltata poi il fondo diviene in cemento.
Attraversiamo un ruscello entrando in provincia di Cuneo (km 8,7) e proseguiamo finché incontriamo il bivio dove l´itinerario 3 va a destra in direzione di Limone (km 10,7).
Svoltiamo a sinistra (indicazioni francesi per VTT, velo tout terrain cioè MTB) e proseguiamo in salita.
Alcuni tornanti ci portano al bivio (km 12,5) dove l´itinerario 1 prosegue diritto per il monte Saccarello. Noi svoltiamo a destra.
Una non lunga salita ci porta al passo Tanarello (confine; km 13,2).
Sotto di noi è ben visibile la strada ex militare che scende (il paese in fondo alla valle è La Brigue). Scendiamo su questa strada che presenta due agevoli tornanti e poi effettua una diagonale, attualmente ben sistemata, attraversando le pendici della montagna.
Scendiamo due tornanti con residui di asfalto poi la strada ritorna sterrata.
Andiamo a destra all'unico bivio ed arriviamo rapidamente ad una sella dove si incontrano numerosi sentieri (Passo di Collardente; km 18,6).
A sinistra in basso vediamo la strada che dobbiamo percorrere e che possiamo raggiungere scendendo per un sentiero.
In alternativa (consigliabile) proseguiamo diritti, in salita e raggiungiamo un bivio (km 18,8).
Svoltiamo a sinistra e scendiamo per raggiungere la strada.
Svoltiamo a sinistra ed andiamo in leggera discesa. Con un lungo tratto pianeggiante passiamo sotto al rifugio Fornara dell'ANA (chiuso; km 20,5) ed arriviamo all'imbocco di una galleria (km 20,8).
L'attraversamento della galleria è impossibile se non disponiamo di un impianto di illuminazione ben efficiente: è veramente buia, non rettilinea ed al suolo vi possono essere massi franati.
E' consigliabile seguire il sentiero che corre all'esterno che inizialmente è pianeggiante, poi scende ad attraversare un ruscello e risale poco ciclabile. E' da percorrere con cautela a causa di qualche salto al di sotto.
La strada ora scende per un buon tratto, risale per attraversare una spalla e scende ancora ad un ponte (km 24,3).
In salita superiamo il Passo della Guardia (km 24,8) dove lasciamo a destra la strada che scende a Triora. La strada continua a salire con pendenza costante ed arriva alla breve galleria del Garezzo (km 28,9) che attraversiamo senza problemi.
Al di là della galleria inizia la facile discesa, in comune con l´itinerario 2, che ci porta a S. Bernardo (km 34,7).
Dislivello: 1250 m.
Ciclabilità: 100% (tranne qualche metro sul sentiero che aggira la galleria).
Asfalto: 23%
Osservazioni: è perfettamente percorribile anche in senso contrario.
La strada è stata aperta al traffico motorizzato. Valgono le stesse considerazioni che ho esposto alle note all'itinerario 3.


 mappa  foto  gps

Tour around the Saccarello mountain

Updating:
9/2008
Start point: San Bernardo di Mendatica
How to arrive: The village is reached by the itinerary 2, by the itinerary 6, by the itinerary 13, by the itinerary 17.
Itinerary.
To St. Bernard of Mendatica we take the asphalted road that directs its toward Monesi. We reach the houses of this country placed on the road (Monesi of Mendatica) and we continue in light descent.
We meet a fork with a wide road that climbs to the left: following it we reach shortly the constructions of Monesi of Triora from where the ski-plant departed (km 5).
We continue on the only road in ascent, in common with itinerary 3 and itinerary 1. The ascent it is initially on asphalted road then the bottom it becomes in concrete.
We cross a brook entering province of Cuneo (km 8,7) and we continue up we meet the fork where the itinerary 3 go to the right to direction of Limone (km 10,7).
We turn to the left (French indications for VTT, velo tout terrain that is MTB) and we continue in ascent.
Some hairpin bends bring us to the fork (km 12,5) where the itinerary 1 continue straight on for the Saccarello mountain. We turn to the right.
A not long ascent brings us to the pass Tanarello (border; km 13,2).
Under of us it is well visible the ex military road that goes down (the country in the valley it is La Brigue). We go down on this road that offers two easy hairpin bends and then it effects a diagonal, currently well repaired, crossing the slopes of the mountain.
We go down two hairpin bend with residual of asphalt then the road returns unsurfaced.
We go to the right to the only fork and we quickly arrive to a saddle where numerous paths are met (Pass of Collardente; km 18,6).
To the left in low we see the road that we have to cross and that we can reach going down for a path.
In alternative (advisable) we continue straight on, in ascent and we reach a fork (km 18,8).
We turn to the left and we go down for reaching the road.
We turn to the left and we go to light descent. With a long level tract we pass under to the shelter Fornara of the ANA (closed; km 20,5) and we reach the entrance of a gallery (km 20,8).
The crossing of the gallery is impossible if we don't have a plant of well efficient illumination: it is really dark, not rectilinear and to the ground they can be slipped rocks.
It's advisable to follow the path that races to the outside that is initially level, then it goes down to cross a brook and it goes up again few cycle. It's to cross with caution because of some jump below.
The road now goes down for a long tract, it goes up again for crossing a shoulder and it still goes down to a bridge (km 24,3).
In ascent we overcome the Pass della Guardia (km 24,8) where we leave to the right the road that goes down to Triora. The road continues to climb with constant inclination and it reaches the brief gallery of the Garezzo (km 28,9) that we cross without problems.
Beyond the gallery it begins the easy descent, in common with the itinerary 2, that it brings us to S.Bernardo (km 34,7).
Gradient: 1250 ms.
Cycle: 100% (except some meter on the path that revolves the gallery).
Asphalt: 23%
Observations: it is also practicable perfectly in contrary sense.
The road has been open to the motorized traffic. The same considerations that I have explained to the notes to the itinerary 3 are valid.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.