Itinerari in mtb al Monte Saccarello
Itinerario 03
Traversata da Monesi a Limone

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 9/2008 connessione
Punto di partenza: Monesi di Mendatica
Come arrivare:
Itinerario.
Partiamo dal piazzale posto all'ingresso di Monesi per chi provenga da S. Bernardo.
Ci dirigiamo verso le case ed attraversiamo il paese in leggera discesa. Arriviamo ad un bivio dove andiamo a sinistra, in salita.
Arriviamo al piazzale di Monesi di Triora da dove inizia a salire una stretta strada asfaltata (km 1,6).
Quando l´asfalto termina il fondo si fa sterrato con lunghi tratti in cemento. Saliamo a tornanti nel bosco, poi tra i pascoli. Entriamo in provincia di Cuneo (km 5,2).
La salita prosegue costante ed arriviamo ad un incrocio (km 7,2) dove proseguiamo a destra e passiamo davanti alla margaria Loxe.
Inizia ora un lunghissimo percorso che ci permette di attraversare la grande foresta delle Navette. Nella prima parte incontriamo un paio di salitelle, poi il percorso assume andamento in leggerissima salita.
Al km 20 la salita si fa più ripida e sconnessa e saliamo passando pochi metri sotto al Colle delle Selle Vecchie (km 20,6).
Proseguiamo in salita superando la cresta est della Cima di Pertega (km 22,6); ancora in salita raggiungiamo la quota massima (km 23,5).
In discesa percorriamo la strada parzialmente intagliata nella roccia ed arriviamo rapidamente al Colle del Lago dei Signori (km 25,3). In basso a destra vediamo il rifugio Don Barbera (aperto e custodito).
Dal colle proseguiamo diritti in discesa in territorio francese. Dopo il punto più basso andiamo in leggera salita, ma con qualche problema a causa della grossa ghiaia ed attraversiamo il Piano Ambrogi (km 27,2).
Qui iniziamo a salire ripidamente fino a superare la spalla settentrionale del Castello Scevolai (km 29,1). Questo tratto è ciclabile purché sia possibile scegliere la parte migliore della carreggiata, cosa non sempre possibile a causa del traffico motorizzato.
La strada scende leggermente, poi risale ed infine scende decisamente per raggiungere, con una salita, il colle della Boaria (km 32,8).
Superiamo la sbarra di confine e, in salita, percorriamo uno spettacolare tornante altissimo sul Vallone della Boaria. Attraversiamo un tratto tagliato nella roccia e scendiamo al Colle della Perla (km 34,6), che lasciamo a sinistra.
Affrontiamo la lunga e moderata salita che termina al Colletto Campanino (km 37,6).
Qui inizia la discesa che ci porta all'arrivo di uno ski-lift. Proseguendo la discesa occorre tenersi a sinistra in modo da raggiungere la visibile stazione di arrivo della seggiovia della Cabanaira (km 39,2; ristorante).
Proseguiamo la discesa aggirando la stazione, superiamo il torrente e risaliamo brevemente per poi scendere al confine.
Superata la sbarra proseguiamo sulla strada. Arrivati ad un bivio (km 41,6) lasciamo a sinistra l'interessante variante che passa per il Forte Centrale ed andiamo diritti sulla strada principale.
La strada diviene asfaltata e giunge ad un piazzale con ristorante (km 42,5). Svoltiamo a destra per scendere su asfalto a Panice (Limone 1400; km 48,3) e a Limone (km 56,4).
Dislivello: 1450 m; - 1700 m.
Ciclabilità: 100%
Asfalto: 31%
Osservazioni: grande traversata. Purtroppo è stata aperta al traffico motorizzato che raggiunge livelli impossibili nei giorni festivi. Non solo vi troverete a pedalare tra polvere, gas di scarico e rumore ma sarete anche esposti a qualche rischio: essere superati da un fuoristrada che vi passa a qualche centimetro mentre siete a bordo strada e sotto di voi si apre un burrone di cinquanta metri non è simpatico.
La neve è presente fino a metà giugno, ma rappresenta un pericolo solo quando copre la strada in tratti esposti (tratto Colle della Perla-Colle della Boaria; Colle dei Signori-Colle delle Vecchie). Qualche lingua di neve è una buona difesa dai motori.
Per la descrizione in senso contrario vedi questa pagina.


 mappa  foto  gps

Run from Monesi to Limone

Updating:
9/2008
Start point: Monesi di Mendatica
How to arrive:
Itinerary.
We depart from the square placed to the entry of Monesi for who comes from S.Bernardo.
We direct to the houses and we cross the country in light descent. We arrive to a fork where we go to the left, in ascent.
We arrive to the square of Monesi di Triora where it begins to climb a hold asphalted road (km 1,6).
When the tarmac finishes the bottom it makes unsurfaced with long tracts in concrete. We climb with hairpin bend in the wood, then among the pastures. We enter province of Cuneo (km 5,2).
The ascent continues constant and we arrives to an intersection (km 7,2) where we continue to the right and we pass in front of the margaria Loxe.
It now begins a long run that allows us to cross the great forest of Navette. In the first part we meet a pair of ascent, then the run goes in light ascent.
To the km 20 the ascent does its steep and rough and we climbs passing few meters under to the Pass of the Selle Vecchie (km 20,6).
We continue in ascent overcoming the east ridge of the Cima Pertega (km 22,6); again in ascent we reach the maximum altitude (km 23,5).
In descent we cross the road partially carved in the rock and we quickly reach the Pass of the Lake of the Lords (km 25,3). In low to the right we see the shelter Don Barbera (open and guarded).
From the pass we continue straight in descent in French territory. After the lowest point we go to light ascent, but with some problem because of the big gravel and we cross the Plain Ambrogi (km 27,2).
Here we begin to steeply climb up to overcome the north shoulder of the Castello Scevolai (km 29,1). This tract is cycle provided that is possible to choose the better part of the roadway, thing not always possible because of the motorized traffic.
The road slightly goes down, then it goes up again and it decidedly goes down finally for reaching, with an ascent, the Boaria Pass (km 32,8).
We overcome the bar of border and, in ascent, we cross a spectacular high hairpin bend on the Vallone of the Boaria. We cross a tract cut in the rock and we go down to the Pass of the Pearl (km 34,6), that leave to the left.
We face the long and moderated ascent that finishes to the Colletto Campanino (km 37,6).
Here it begins the descent that brings us to the arrival of a skilift. Continuing the descent is necessary to stay to the left so that to reach the visible station of arrival of the chair lift of the Cabanaira (km 39,2; restaurant).
We continue the descent revolving the station, we overcome the stream and we shortly go up again for then going down to the border.
Overcome the bar we continue on the road. Arrived to a fork (km 41,6) we leave to the left the interesting varying that passes for the Central Fort and we goes straight on the principal road.
The road becomes asphalted and comes to a square with restaurant (km 42,5). We turn to the right for going down on asphalt to Panice Soprana (Limone 1400; km 48,3) and to Limone (km 56,4).
Gradient: 1450 ms; - 1700 ms.
Cycle: 100%
Asphalt: 31%
Observations: great crossing, has been open unfortunately to the motorized traffic that reaches impossible levels in the festive days. You will not only find you to cycle among dust, exaust gas and noise but you will also be exposed to some risk: to be overtake by an offroad that it gives you to some centimeter while you are being on board road and bottom of you a canyon of fifty meters it opens it is not nice.
Snow is present up to half June, but it represents a danger only when it covers the road in exposed tracts (Pass of the Pearl-Pass of the Boaria; Pass dei Signori.-passo Selle Vecchie). Some language of snow is a good defense from the motors.
For the description in contrary sense you see this page.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.