Itinerari mtb nel Golfo Paradiso
Itinerario 09
Discesa dal Monte Cordona a Bogliasco

Vai agli altri percorsi della zona


Aggiornamento: 1/2009 connessione
Punto di partenza: monte Cordona
Come arrivare: La vetta si raggiunge con corta salita dall'itinerario 17.
Itinerario.
Dalla vetta scendiamo sul sentiero di salita raggiungendo la mulattiera percorsa dall'itinerario 17 (genovesato).
Svoltiamo a destra e, in comune con quello, superiamo la spalla e scendiamo sulla larga mulattiera che ci porta ad attraversare un valico (km 1,2).
La discesa prosegue sulla mulattiera lastricata a grandi pietre che si mantiene poco sotto al crinale.
Usciamo sul panoramico crinale nei pressi di alcuni ruderi e proseguiamo in discesa non ripida fino alla spalla che precede il monte Giugo (La Crocetta; km 2,8; acqua).
Lasciamo i segnavia e l'itinerario 17 per Nervi svoltando a sinistra. Dopo qualche metro lasciamo il crinale e scendiamo ancora a sinistra. Il sentiero non è segnalato ma è evidente ed attraversa con scarsa pendenza il pendio della montagna.
La discesa aumenta gradatamente la sua pendenza mentre il fondo peggiora. Un tratto ripido termina allargandosi nei pressi di alcuni muri a secco. Trascuriamo un sentiero a sinistra e proseguiamo tenendo la sinistra ad un secondo bivio (km 3,8).
La larga mulattiera diviene una scalinata a bassi scalini che scende alle poche case di Serra di Rupanego dove troviamo un incrocio di cinque strade (km 4,1).
Noi scegliamo la seconda da sinistra (nella prima corre la variante 9.1). Costeggiamo una casa e percorriamo un largo sentiero alto su Bogliasco.
Il sentiero curva a destra e ci porta alle prime case di Sant'Ilario (via Pagano). Proseguiamo fino al primo incrocio (km 4,5) e svoltiamo a sinistra imboccando via Poggetto di Sotto (diritti va la variante 9.2 per Sant'Ilario).
Al primo, vicino, bivio andiamo a sinistra in via del Pianello che seguiamo trascurando qualche stradina laterale. Quando arriviamo ad incontrare via Pagano (km 4,9) la prendiamo e scendiamo a destra sulla crosa che diventa una scala. Trascuriamo le strade a destra e continuiamo a scendere sulla strada che alterna tratti mattonati ad altri in cemento.
La lunga discesa termina sull'Aurelia, di fronte alla stazione di Bogliasco (km 5,9).
Attraversiamo con molta cautela e raggiungiamo il passaggio a livello. Scendiamo tra le case deviando a destra per raggiungere la chiesa (km 6) da dove seguiamo la passeggiata fino al mare (km 6,3).
Dislivello: -800 m.
Ciclabilità: 97%
Asfalto: 8%
Osservazioni:
Variante 9.2. Discesa attraverso Sant'Ilario.
Al bivio proseguiamo diritti in via Poggetto. Seguiamo le strette stradine e scendiamo raggiungendo l'istituto Marsano. Proseguiamo diritti fino alla chiesa di Sant'Ilario (km 0,8).
Seguiamo la strada panoramica che, in leggera salita, ci permette di raggiungere la chiesa di S. Rocco (km 1,8) dove incontriamo l'itinerario 17.


mappa  gps  foto

Descent from Monte Cordona to Bogliasco

Updating: 1/2009
Start point: Cordona mountain
How to arrive: The top is attainable with a short climb from the itinerary 17.
Itinerary.
From the peak we go down on the path of ascent reaching the mule-track crossed by the itinerary 17 (Genoese).
We turn to the right and, in common with that, we overcome the shoulder and we go down on the wide mule-track that brings us to cross a pass (km 1,2).
The descent continues on the paved mule-track paved with great stones that its maintains little below the ridge.
We go out on the panoramic ridge near some ruins and we continue in non steep descent up to the shoulder that precedes the Giugo mountain (La Crocetta; km 2,8; water).
We leave the trail signs and the itinerary 17 for Nervi turning to the left. After some meter we leave the ridge and we go down to the left again. The path is not signalled but it is evident and it crosses with scarce inclination the slant of the mountain.
The descent gradually increases its inclination while the bottom worsens. A steep tract finishes widening itself near some dry walls. We neglect to the left a path and we continue holding the left to a second fork (km 3,8).
The wide mule-track becomes a stairway with lower stairs that it goes down to the few houses of Serra of Rupanego where we find an intersection of five roads (km 4,1).
We choose the second to the left (in the first one it races the variation 9.1). We skirt a house and we cross a wide path high on Bogliasco.
The path curve to the right and it brings us to the first houses of Sant'Ilario (street Pagani). We continue up to the first intersection (km 4,5) and we turn to the left taking street Poggetto di sotto (straight goes on the variation 9.2 for Sant'Ilario).
At the first fork, near, we go to the left to street of the Pianello that we follow neglecting some side narrow road. When we arrive to meet street Pagani (km 4,9) we take it and we go down to the right on the "crosa" that becomes a staircase. We neglect to the right the roads and we keep on going down on the road that alternates tracts paved to others in cement.
The long descent finishes on the Aurelia, in front of the station of Bogliasco (km 5,9).
We cross with a lot of caution and we reach the railway crossing. We go down among the houses diverting to the right for reaching the church (km 6) from where we follow the walk up to the sea (km 6,3).
Gradient: -800 m.
Cycle: 97%
Asphalt: 8%
Observations:
Varying 9.2. Come down through Sant'Ilario.
To the fork we continue straight on the street Poggetto. We follow the narrow roads and we go down reaching the institute Marsano. We continue straight up to the church of Sant'Ilario (km 0,8).
We follow the panoramic road that, in light ascent, it allows us to reach the church of S. Rocco (km 1,8) where we meet the itinerary 17.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.