Itinerari mtb nel Golfo Paradiso
Paradiso 02
Discesa da valico Case Còrnua a Sori

Vai agli altri percorsi della zona


Aggiornamento: 11/2008 connessione
Punto di partenza: Case Còrnua
Come arrivare: La località (trattoria) è posta sulla strada panoramica del monte Fasce. E' raggiungibile con leggera deviazione dall'itinerario 48.
Itinerario.
Dall'osteria scendiamo in direzione di Uscio. Dopo circa 500 metri, appena superata la cappelletta di monte Còrnua, lasciamo l´asfalto e svoltiamo a destra. Superiamo alcuni scalini poi proseguiamo senza troppe difficoltà, tranne che per qualche gradone.
Raggiungiamo un bivio (km 1,1). A sinistra va l'itinerario 3 (segnavia FIE r1).
Proseguiamo a destra in ripida discesa (segnavia FIE r2). Stiamo scendendo su una mulattiera con fondo lastricato in pietre.
Il tracciato è sempre piuttosto ampio e permette di superare in sella anche i tratti più ripidi.
La parte difficile termina poco prima delle case di Capreno (km 2,4). Proseguiamo facilmente entrando in paese di cui costeggiamo la parte più alta.
Arriviamo ad un bivio (madonnina, panche; km 3,2) dove andiamo a sinistra, in piano, mentre la variante 2,1 va a destra.
Raggiungiamo ed attraversiamo un voltino tra le case dopo il quale andiamo a sinistra. Usciamo dal paese e ritroviamo la mulattiera lastricata che sale con una breve e ripida salita.
Ad un bivio (segnalazioni) teniamo la destra e raggiungiamo un'edicola sacra. Il sentiero è ora in prevalente discesa, con qualche passaggio "alto", e scende velocemente alle poche case di Rupanego (km 4,5) dove confluiamo in una ripida strada in cemento. Svoltiamo a destra e scendiamo sull´asfalto.
Seguiamo la strada in discesa, lasciamo a sinistra la strada per S. Apollinare e raggiungiamo un tornante. Al termine della curva lasciamo l'asfalto e prendiamo una crosa a sinistra (km 5,7).
Dopo alcuni gradini in cemento la crosa prosegue in parte mattonata ed in parte acciottolata. Una lunga e facile scala ci porta ad incrociare la Sp (km 6,4) alle porte di Sori.
Attraversata la strada proseguiamo la discesa sulla crosa giungendo in paese nei pressi delle piscine (km 6,5).
Dislivello: - 640 m.
Ciclabilità: 98%
Asfalto: 30%
Osservazioni:
Variante 2.1. lunga ed interessante.
Al bivio con Madonnina svoltiamo a destra e percorriamo una strada all'interno di Capreno in direzione della chiesa. Ad un incrocio (circa 100 metri) prendiamo a sinistra via Ca' di Maggi che scende con bassi scalini.
La stradina raggiunge quasi la Sp che non raggiungiamo subito continuando a sinistra per un centinaio di metri e scendiamo infine ad attraversare la strada asfaltata (km 0,4).
Proseguiamo in discesa su una crosa con facili scalini mattonati. Dopo un tratto quasi pianeggiante la pendenza aumenta e scendiamo con alcuni tornanti fino a terminare sulla strada Sori-Lago (km 1,2).
Seguiamo l'asfalto a sinistra per pochi metri ed imbocchiamo la stradina che scende a destra. Passiamo tra le case e raggiungiamo un ponte che attraversa il torrente Sori (km 1,3). Incontriamo l'itinerario 5 e lo seguiamo a sinistra seguendo la stradina che costeggia il fiume.
A Sori mancano circa 1,5 km.


mappa  gps

Descent from Houses Còrnua to Sori

Updating:
11/2008
Start point: Houses Còrnua
How to arrive: The place (restaurant) is on the panning road of the Fasce mountain. It's reached, with a slight deviation, by the itinerary 48.
Itinerary.
From the inn we go down in direction of Uscio. Later around 500 meters, just overcome the Chapel of mountain Còrnua, we leave the tarmac and we turn to the right. We overcome some stairs then we continue without too difficulties, except that for some high stairs.
We reach a fork (km 1,1). To the right it goes the run 2 (trail sign FIE r1).
We continue to the right in steep descent (trail sign FIE r2). We are going down on a mule-track with bottom paved by stones.
The layout is always rather ample and allows to overcome in saddle also the steeper tracts.
The difficult part finishes just before the houses of Capreno (km 2,4). We easily continue entering country of which we skirt the highest part.
We arrive to a fork (madonnina, benches; km 3,2) where we go to the left while the variation 2,1 go to the right.
We reach and we cross an archivolt among the houses after which we go to the left. We go out of the country and we find again the paved mule-track that climbs with a short and steep slope.
To a fork (signalings) we hold the right and we reach a sacred tabernacle. The path is in prevailing descent now, with some "high" passage, and it quickly goes down to the few houses of Rupanego (km 4,5) where we meet in a steep road in cement. We turn to the right and we go down on the tarmac.
We follow the road in descent, we leave to the left the road for S. Apollinare and we reach a hairpin bend. At the end of the curve we leave the asphalt and we take to the left a crosa (km 5,7).
After some concrete steps the crosa continues partly paved and partly clattered. A long and easy staircase brings us to cross the Sp (km 6,4) to the doors of Sori.
Crossed the road we continue the descent on the crosa coming in country near the swimming pools (km 6,5).
Gradient: - 640 ms.
Cycle: 98%
Asphalt: 30%
Observations:
Varying 2.1. long and interesting run.
To the fork with Madonnina we turn to the right and we cross a road inside Capreno in direction of the church. To an intersection (around 100 meters) we take to the left street Ca' of Maggi that it goes down with low stairs.
The narrow road almost reaches the Sp that we don't reach continuing to the left for hundred meters and we finally go down to cross the asphalted road (km 0,4).
We continue in descent on a crosa with easy paved stairs. After an almost level tract the inclination increases and we goes down with some switcbacks up to finish on the road Sori-Lago (km 1,2).
We follow to the left the asphalt for few meters and we take the narrow road that goes down to the right. We pass among the houses and we reach a bridge that crosses the stream Sori (km 1,3). We meet the itinerary 5 and we follow to the left it following the narrow road that skirts the river.
Sori is around 1,5 kms far.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.