Itinerari mtb nell'entroterra imperiese
Itinerario 19
Discesa dal Passo Pian del Latte a Cènova

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 5/2017 connessione
Partenza: Passo Pian del Latte
Come arrivare: Il valico è raggiunto dall'itinerario 1, dall'itinerario 2, dall'itinerario 13, dall'itinerario 12, dall'itinerario 15, dall'itinerario 14.
Itinerario.
Al Passo Pian Latte (km 3,3) abbandoniamo la strada per imboccare il sentiero verso est, in comune con l'itinerario 13 e con l'itinerario 18.
Il sentiero scende leggermente a un bivio dove seguiamo il ramo di sinistra (il ramo di destra sale direttamente alla vetta del Poggio Pian del Latte con circa 25 metri di dislivello, probabilmente soluzione da preferire).
Il sentiero aggira il Poggio attraversando il bosco con percorso poco agevole.
Quando il sentiero inizia a scendere (km 0,3) lo lasciamo per andare a destra uscendo dal bosco nei pascoli, senza sentiero.
Senza perdere quota giriamo attorno al monte e raggiungiamo il sentiero che scende lungo il crinale sud est.
Scendiamo direttamente sul sentiero che costeggia la recinzione del pascolo e arriviamo al Colle Bisciaire (km 2).
Svoltiamo a destra e abbandoniamo la cresta per seguire un largo sentiero erboso che scende in diagonale attraverso il versante meridionale del monte Bisciaire.
Incontriamo innumerevoli sentieri (o piste del bestiame) ma le attraversiamo trascurandole tutte per seguire la nostra pista.
Attraversiamo anche il versante sud ovest del monte Prearba e raggiungiamo alcune rovine (km 3,5; San Salvatore).
Lasciamo il sentiero che scende a Rezzo ed entriamo nel prato a sinistra (grande fioritura di narcisi e asfodeli a maggio).
Non vi è sentiero ma possiamo individuare una traccia puntando ad alcuni alberelli visibili a sinistra.
Con moderata discesa nell'erba alta arriviamo a una sorgente (km 3,6).
Qui occore fare attenzione perchè le tracce del bestiame tendono a scendere mentre noi dobbiamo assolutamente salire.
La pendenza in salita è minima su un sentiero molto esile, disturbato da qualche arbusto e dall'erba alta.
Se abbiamo seguito il giusto percorso arriveremo al bosco nel punto (km 4) in cui inizia l'unico sentiero percorribile. Su alcune rocce vi sono segni arancioni.
Punto assolutamente critico, difficile da azzeccare! Entrare in altri punti comporta una improba battaglia con la boscaglia.
Il sentiero scende nel bosco con poca pendenza e percorso non difficile anche se un po' sporco e termina sul crinale (km 4,3).
Scendiamo a destra su una mulattiera lastricata ma poco frequentata e quindi ingombrata da rametti e da qualche cespuglio spinoso.
Incontriamo tre volte un cavo d'acciaio ma solo il secondo incrocio (km 5,4) richiede attenzione.
Superiamo una frana (km 5,6; l'alluvione del novembre 2016 ha lasciato il segno), alcuni ruderi e altre due frane.
Dopo altri ruderi (km 7,3) la mulattiera termina su una pista forestale (km 7,4) che seguiamo a sinistra.
Dopo una breve discesa la strada sale e raggiunge altri edifici in rovina (km 8).
Qui lasciamo la strada (che prosegue comunque per Cenova) e prendiamo a destra un sentiero che, dopo qualche metro, raggiunge una casa in rovina.
Passiamo a sinistra della casa e troviamo, con qualche difficoltà, la mulattiera che scende.
Superiamo una frana e arriviamo a un altro rudere (km 8,5) dopo il quale svoltiamo a sinistra.
La nuova mulattiera attraversa due frane e termina sull'asfalto (km 8,9) che seguiamo a destra.
Al primo bivio (km 9,1) svoltiamo a sinistra ed entriamo tra le case di Cenova che attraversiamo scendendo alla chiesa (km 9,3).
Dislivello: -1250 m.
Ciclabilità: 95%
Asfalto: 4%
Osservazioni:
Raccordo 19.1.
Dal Colle Bisciaire saliamo direttamente a scavalcare il monte Bisciaire e scendiamo lungo il crinale fino a raggiungere la sella che precede la salita al monte Prearba (km 0,9).
Andiamo a sinistra e attraversiamo il versante della montagna fino a raggiungere una strada forestale (km 1,1) che seguiamo a sinistra.
La strada scende a raggiungere l'itinerario 14 (km 2).


mappa  gps  foto  foto  foto


Updating: 2017/5
Start point: Pian del Latte Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 1, by the itinerary 2, by the itinerary 13, by the itinerary 12, by the itinerary 15, dall'itinerary 14.
Itinerary.
At the Pian del Latte Pass (km 3.3) we leave the road to the east path, in common with itinerary 13 and itinerary 18.
The path descends slightly to a junction where we follow the left branch (the right branch ascends directly to the summit of Poggio Pian del Latte with about 25 meters in altitude, probably is the best solution).
The trail turns around the Poggio crossing the woods with unconfortable path.
When the trail begins to descend (km 0.3) we leave it to go right out of the woods in the pastures without path.
Without lose altitude we turn around the mountain and reach the path that goes down the southeast ridge.
We descend directly on the path that runs along the pasture enclosure and arrive at Bisciaire Pass (km 2).
We leave the ridge to follow a wide grassy path that descends diagonally across the southern slope of Mount Bisciaire.
We meet many trails (or cattle trails) but we cross them by neglecting them all to follow our track.
We also cross the southwest side of Mount Prearba and reach some ruins (km 3.5, San Salvatore).
We leave the path that goes down to Rezzo and we enter the lawn on the left (beutifull flowering of narcissu and asphodels in May).
There is no path but we can locate a track by pointing to some little trees visible to the left. With moderate descent in the tall grass we arrive at a spring (km 3.6).
We have to take care here because traces of livestock tend to fall as we must absolutely climb.
The uphill slope is minimal on a very slender path, disturbed by some shrubs and tall grass.
If we have followed the right path we will reach the forest at the point (km 4) where the only viable trail begins.
On some rocks there are orange signs.
Absolutely critical, hard to come by! Entering other points involves a tricky battle with the bush.
The path descends onto the wood with little slope and not difficult path although somewhat dirty and ends on the ridge (km 4,3).
We go down right on a cobbled but lonely mule track and then hindered by sprigs and some thorny bushes.
We meet three times a steel wire but only the second cross (5.4 km) requires attention. We overcome a landslide (km 5.6, the flood of November 2016 left the mark), some ruins and other two landslides.
After other ruins (km 7,3) the mule track ends on a forest track (km 7,4) that we follow to the left. After a short descent the road rises and reaches other ruined buildings (km 8).
Here we leave the road (which continues for Cènova) and take a path to the right that, after a few meters, reaches a ruined house.
We go to the left of the house and find, with some difficulty, the mule track that comes down. We overcome a landslide and we come to another ruin (km 8.5) after which we turn to the left.
The new mule track crosses two landslides and ends on the asphalt (km 8,9) that we follow to the right. At the first junction (km 9,1) we turn left and enter among the houses of Cènova we cross by going down to the church (km 9,3).
Difference in height: -1250 m.
Cycle: 95%
Asphalt: 4%
Remarks:
Junction 19.1.
From Bisciaire Pass we go straight up to the mountain Bisciaire and go down along the ridge to reach the saddle that precedes the climb to Mount Prearba (km 0,9). We go left and cross the mountain side up we reach a forest road (km 1,1) that we follow to the left. The road goes down to itinerary 14 (km 2)


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.