In mtb sulle alture genovesi
Itinerario 71
Discesa dal monte Leco ad Isoverde, 2

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 11/2012 connessione
Punto di partenza: monte Leco
Come arrivare: La montagna è raggiungibile con breve deviazione dall'itinerario 17 o dall'itinerario 7.
Itinerario.
Dal cippo sulla vetta scendiamo tra le antenne seguendo la strada di accesso. Perdiamo quota con qualche tornante e raggiungiamo la grande antenna (km 1,2) dove lasciamo a destra il sentiero AV.
Più avanti (km 1,8) lasciamo la strada e svoltiamo a destra per seguire il segnavia FIE r4.
Superiamo la sbarra e seguiamo la pista pastorale che scende. Quando la strada termina, nei pressi di una presa d'acqua, svoltiamo a sinistra e seguiamo le tracce che diventano un buone sentiero.
Quando il sentiero inizia a salire la lasciamo e seguiamo una traccia (deboli segnavia) a destra.
Costeggiamo una valletta erbosa seguendo il sentiero profondamente scavato. Nei periodi di pioggia nella valletta scorre un ruscello ed il sentiero convoglia le acque che scendono dalla riva diventando molto fangoso.
Attraversiamo una zona di arbusti ed entriamo in un boschetto che il sentiero, ora pulito e scorrevole, attraversa prima di raggiungere un'ampia sella erbosa (km 3,1).
Il sentiero prosegue in salita verso la sommità del monte Calvo, ma noi lo lasciamo per seguire un poco evidente traccia a sinistra.
Scendiamo in diagonale evitando di scendere nell'avvallamento. Il sentiero diventa evidente e ci porta in un boschetto (km 3,3) dove curva a sinistra e subito dopo a destra.
Costeggiamo una distesa di rovi e ci avviciniamo alla strada provinciale che raggiungiamo quando possibile (km 3,5).
Seguiamo a destra l'asfalto fino al bivio (km 4,4) con la SP6 per Cravasco.
Prendiamo questa strada che inizia in salita.
Ad un bivio (km 5) lasciamo a sinistra le case di Vixella e proseguiamo per meno di cento metri.
Svoltiamo a sinistra in una strada campestre che porta ad incrociare la strada (km 5,2) che arriva da Vixella.
Svoltiamo a destra e scendiamo facilmente fino a raggiungere il quadrivio (km 5,7) con panche ed edicola sacra che precede il monte Carlo.
Svoltiamo a sinistra seguendo l'itinerario 80 fino al primo bivio (km 5,8) dove proseguiamo diritto.
Il buon sentiero scende ad un guado (km 6,3) e prosegue in salita fino ad incontrare una strada sterrata (km 6,5).
Proseguiamo in salita raggiungendo Pietralavezzara (km 6,9).
Da qui in avanti il percorso è in comune con l'itinerario 71 di cui questo itinerario può essere considerato una variante.
Superiamo la chiesa e svoltiamo a destra in corrispondenza di un tabellone che illustra la traversata di Cascina I Foi.
Costeggiamo una casa (sentiero CAI AVbr1) e raggiungiamo l'inizio di una mulattiera acciottolata che scende con qualche scalino. Attraversiamo un metanodotto e proseguiamo su un sentiero che entra nel bosco.
Ad un bivio (km 7,6) svoltiamo a sinistra. Scendiamo ripidamente passando nei pressi di una cappella e scendiamo al guado sul rio Rizzolo (km 7,8). I tratti che precedono e che seguono il guado sovrastano ripide scarpate, solo in parte protette da ringhiere.
Trascuriamo qualche sentierino minore e restiamo su quello principale che raggiunge i ruderi (km 8,4) di una cascina. Dopo qualche metro teniamo la sinistra.
Il sentiero raggiunge una scaletta che saliamo giungendo su un dosso. Proseguiamo in discesa ripida e con scale. Il sentiero termina sull'asfalto (km 8,9) alle prime case di Isoverde.
Seguiamo la strada a sinistra, passiamo di fronte alla chiesa (km 9) e scendiamo fino all'incrocio con la SP 6 (km 9,2).
Dislivello: -930 m.
Ciclabilità: 99%
Asfalto: 21%
Osservazioni:


 mappa  gps  foto

Descent from Leco mountain to Isoverde, 2
Start point: Leco mountain
How to arrive: The top is attainable with short deviation by the itinerary 17 or by the itinerary 7.
Itinerary.
From the stone on the peak we go down among the aerials following the road of access. We lose altitude with some hairpin bends and we reach the high aerial (km 1,2) where we leave to the right the path AV.
Further up (km 1,8) we leave the road and we turn to the right for following the trail sign FIE r4.
We overcome the bar and we follow the pastoral track that goes down. When the road finishes, near a taking of water, we turn to the left and we follow the traces that become a good path.
When the path begins to climb we leaveit and we follow a trace (weak trail signs) to the right.
We skirt along a grassy little valley following the path deeply dug. In the periods of rain in the valley it flows a brook and the path it carries the waters that go down from the shore becoming very muddy.
We cross a zone of bushes and we enter a grove that the path, now cleaned and flowing, it crosses before reaching an ample grassy saddle (km 3,1).
The path continues in slope toward the summit of the Calvo mountain, but we leaves it to follow to the left a few evident trace.
We go down in diagonal avoiding to go down in the subsidence. The path becomes evident and brings us in a grove (km 3,3) where it bends to the left and immediately later to the right.
We skirt along an expanse of brambles and we approach us to the provincial road that we reach when possible (km 3,5).
We follow to the right the asphalt up to the fork (km 4,4) with the SP6 to Cravasco.
This road that begins in slope we take.
To a fork (km 5) we leave to the left the houses of Vixella and we continue for less than one hundred meters.
We turn to the left on a rural road that brings to cross the road (km 5,2) that it arrives from Vixella.
We turn to the right and we easily go down up to reach the crossroads (km 5,7) with benches and holy tabernacle that it precedes the Carlo mountain.
We turn to the left following the itinerary 80 up to the first fork (km 5,8) where we continue straight.
The good path goes down to a ford (km 6,3) and it continues in slope up to meet a dirt road (km 6,5).
We continue in slope reaching Pietralavezzara (km 6,9).
From here the run it is in common with the itinerary 71 of which this itinerary can be considered a variation.
We overcome the church and we turn to the right in correspondence of a notice-board that illustrates the crossing of Farmhouse The Fois.
We skirt along a house (path CAI AVbr1) and we reach the beginning of a clattered mule-track that it goes down with some stair. We cross a pipeline and we continue on a path that enters the wood.
To a fork (km 7,6) we turn to the left. We steeply go down passing near a chapel and we go down to the ford on the brook Rizzolo (km 7,8). The tracts that precede and that follow the ford they overhang steep scarps, only partly protected from handrails.
We neglect some smaller narrow path and we stay on that main that reaches the ruins (km 8,4) of a farmhouse. After some meter we hold the left.
The path reaches a stair that we climb coming on a back. We continue in steep descent and with staircases. The path finishes on the asphalt (km 8,9) to the first houses of Isoverde.
We follow to the left the road, we pass in front of the church (km 9) and we go down up to the intersection with the SP 6 (km 9,2).
Gradient: -930 m.
Cycle: 99%
Asphalt: 21%
Observations:



Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.