In mtb sulle alture genovesi
Itinerario 83
Discesa dal monte Fasce a San Desiderio, 2

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 3/2012 connessione
Punto di partenza: monte Fasce
Come arrivare: La vetta (grande croce e molto più imponenti antenne) è raggiungibile salendo da Apparizione.
Itinerario.
Dalla croce di vetta scendiamo verso il mare attraversando il bosco di antenne. La stradina diviene sterrata e termina contro il cancello (km 0,2) dell'ultimo ripetitore. Scendiamo a sinistra costeggiando il muro fino a raggiungere il sentiero FIE r33.
Seguiamo il sentiero che sale a destra per qualche metro prima di iniziare la discesa.
Seguiamo una delle tracce parallele scavate dalle moto e giungiamo nei pressi di una casetta. Il sentiero passa al di sotto della casa e si divide (km 0,7).
Seguiamo il sentiero a destra lasciando il segnavia e l'itinerario 63. Dopo pochi metri entriamo sulla sterrata percorsa dall'itinerario 62.
Scendiamo incontrando qualche tratto dissestato e pietroso ed arriviamo sulla strada asfaltata (km 2).
Costeggiamo l'asfalto per una trentina di metri ed attraversiamo imboccando una mulattiera sull'altro lato. Passiamo nei pressi della trattoria del Liberale, attraversiamo la stradina di accesso ed usciamo sull'asfalto (km 2,1).
Seguiamo la strada asfaltata, lasciamo a destra (km 2,5) il sentiero segnavia r8 e l'itinerario 79 e raggiungiamo la curva (km 2,8) dove lasciamo la strada e prendiamo a destra il sentiero in ripida discesa.
Aggiriamo il vecchio guard-rail ed imbocchiamo la larga mulattiera lastricata. Scendiamo fino all'incrocio con un piccolo sentiero (km 3,3) a destra.
Seguiamo il sentierino tra i prati per raggiungere il bivio (km 3,5) dove andiamo diritto seguendo al contrario l'itinerario 81.
Il sentiero effettua qualche saliscendi e giunge ad un bivio (km 3,8) dove svoltiamo a sinistra, percorriamo dieci metri e svoltiamo a destra sul segnavia r12. Scendiamo ad attraversare il primo dei numerosi ruscelli che incontreremo (km 4). Saliamo ad una fonte nei pressi di una casa e scendiamo ad un altro guado (km 4,2).
La mulattiera sale ad un passaggio intagliato sul crinale e scende ad un rio (km 4,4). Proseguiamo sul sentiero fino a raggiungere un ruscello (km 4,6) con presa dell'acquedotto.
Affrontiamo una ripida e non ciclabile salita sul pendio erboso e roccioso. Dopo la prima rampa ritroviamo la mulattiera ma la salita continua ad essere impedalabile. Quando la pendenza diminuisce possiamo risalire in sella e proseguire con qualche saliscendi fino ad un altro rio (km 5,8).
Il sentiero prosegue in prevalente discesa fino ad un ruscello dopo il quale incontriamo il bivio segnalato dove incontriamo il sentiero r26 (km 6,3).
Proseguiamo diritti fino ad un guado ed al quadrivio nei pressi di un lavatoio (km 6,5) a qualche metro dalle case di Pomà.
Voltiamo la bici e ritorniamo al bivio segnalato (km 6,8) dove svoltiamo a destra.
Scendiamo ripidamente ad un ruscello (km 6,9). Saliamo un tratto a scalini e raggiungiamo una dorsale boscosa che il sentiero scende con andamento tortuoso.
Il sentiero diventa più ripido e scalinato e raggiunge un altro ruscello oltre il quale saliamo per raggiungere località Leiöa (km 7,6).
Proseguiamo in discesa incontrando zone rovinate e poco ciclabili che ci portano ad un altro guado (km 8,5). Il percorso prosegue con molti saliscendi e numerosi, brevi tratti non ciclabili attraverso i boschi. Attraversiamo altri ruscelli e raggiungiamo un bivio (km 9,1; a destra scorciatoia per San Desiderio) dove teniamo la sinistra.
Una breve, ripida e dissestata salita ci porta al bivio con un'altra mulattiera (km 9,3; anche questa scende a San Desiderio) che seguiamo a sinistra salendo alle rovine della chiesa sopra a Premanico dove passa l'itinerario 79.
Svoltiamo a destra sulla strada che sale, asfaltata, costeggiando le case di Premanico Superiore.
Trascuriamo le crose che scendono a sinistra e seguiamo il crinale ed il segnavia r12. La strada alterna tratti asfaltati ad altri acciottolati e sterrati e diventa una crosa lastricata che scende con bassi scalini.
Alle case che precedono la chiesa (km 9,8) lasciamo la crosa e svoltiamo a destra imboccando una mulattiera pianeggiante ed erbosa.
Dopo i primi metri la mulattiera inizia a scendere e diventa un bel percorso lastricato in ottime condizioni che scende con qualche scalino.
Attraversiamo la strada asfaltata (km 10,2) e riprendiamo la mulattiera che prosegue la sua discesa. Usciamo su una strada asfaltata (km 10,5) che seguiamo a sinistra per venti metri prima di riprendere la crosa mattonata che termina a San Desiderio su una stradina asfaltata (km 10,6).
Andiamo a sinistra per quaranta metri e svoltiamo a destra attraversando un ponticello. Seguiamo la strada a sinistra e raggiungiamo la piazza di San Desiderio (km 10,8).
Dislivello: -900 m.
Ciclabilità: 91%
Asfalto: 7%
Osservazioni.


 mappa  gps  foto  foto

Descent from Fasce mountain to San Desiderio

Updating: 3/2012
Start point: Fasce mountain
How to arrive: The peak (large cross and a lot more impressive aerials) is attainable climbing from Apparizione.
Itinerary.
From the cross of peak we go down toward the sea crossing the wood of aerials. The narrow road becomes unmetalled road and finishes against the gate (km 0,2) of the last aerial. We go down to the left skirting along the wall up to reach the path FIE r33.
We follow the path that climbs to the right for some meter before beginning the descent.
We follow one of the parallel traces dug by the motorbikes and we come near a cottage. The path passes below the house and it divides (km 0,7).
We follow to the right the path leaving the trail sign and the itinerary 63. After few meters we enter on the unmetalled road crossed by the itinerary 62.
We go down meeting some ruined and stone tract and we arrive on the asphalted road (km 2).
We skirt along the asphalt for about thirty meters and we cross taking a mule-track on the other side. We pass near the restaurant of the Liberal, we cross the narrow road of access and we go out on the asphalt (km 2,1).
We follow the asphalted road, we leave to the right (km 2,5) the path r8 and the itinerary 79 and we reach the curve (km 2,8) where we leave the road and we take to the right the path in steep descent.
We revolve the old guard-rail and we take the wide paved mule-track. We go down up to the intersection with a small path (km 3,3) to the right.
We follow the narrow path among the lawns to reach the fork (km 3,5) where go straight following contrarily the itinerary 81.
The path effects some ups and downs and comes to a fork (km 3,8) where we turn to the left, cross ten meters and we turn to the right on the trail sign r12. We go down to cross the first one of numerous brooks that we will meet (km 4). We go up to a source near a house and we go down to another ford (km 4,2).
The mule-track climbs to a passage carved on the ridge and goes down to a brook (km 4,4). We continue on the path up to reach a brook (km 4,6) with taking of the aqueduct.
We face a steep and not cycle slope on the grassy and rocky slant. After the first ramp we find again the mule-track but the slope is again no cycle. When the inclination decreases we can go up again in saddle and to continue with some ups and downs to another brook (km 5,8).
The path continues later in prevailing descent to a brook which meet the signalled fork where we meet the path r26 (km 6,3).
We continue straight to a ford and to the crossroads near a grinking trough (km 6,5) to some meter from the houses of Pomà.
We turn the bike and we return to the signalled fork (km 6,8) where we turn to the right.
We steeply go down to a brook (km 6,9). We go up a staired tract and we reach a woody back that the path goes down with tortuous course.
The path becomes steep and staired and it reaches another brook over which we climb for reaching place Leiöa (km 7,6).
We continue in descent meeting ruined and few cycle zones that bring us to another ford (km 8,5). The run continues with many ups and downs and numerous, short non cycle tracts through the woods. We ford other brooks and we reach a fork (km 9,1; to the right shortcut to St. Desiderio) where we hold the left.
A short, steep and ruined slope it brings us to the fork with another mule-track (km 9,3; also this goes down to St. Desiderio) that we follow to the left climbing to the ruins of the church above to Premanico where it passes the itinerary 79.
We turn to the right on the road that climbs, asphalted, skirting along the houses of Premanico Superiore.
We neglect the "crose" that go down to the left and we follow the ridge and the trail sign r12. The road alternate asphalted tracts to others clattered and unmetalled and it becomes a paved "crosa" that goes down with low stairs.
To the houses that precede the church (km 9,8) we leave the "crosa" and we turn to the right taking a level and grassy mule-track.
After the first meters the mule-track begins to a beautiful run to go down and becomes a good paved that it goes down with some stair.
We cross the asphalted road (km 10,2) and take again the mule-track that continues its descent. We go out on an asphalted road (km 10,5) that we follow to the left for twenty meters before taking again the paved "crosa" that it finishes to St. Desiderio on an asphalted narrow road (km 10,6).
We go to the left for forty meters and we turn to the right crossing a bridge. We follow to the left the road and we reach the square of St. Desiderio (km 10,8).
Gradient: -900 ms.
Cycle: 91%
Asphalt: 7%
Observations.


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.