In mtb sulle alture genovesi
Itinerario 56
Discesa da Lencisa a Ponte X°

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 1/2010 connessione
Punto di partenza: Lencisa
Come arrivare: Il paese è raggiunta dall'itinerario 5 e dall'itinerario 2.
Itinerario.
Dalla piazza del paesino seguiamo la strada asfaltata che sale, ripidissima, verso Lencisa d'Alto. Dopo 250 metri, al termine della parte più ripida, svoltiamo a sinistra nella sterrata chiusa da una sbarra che, un tempo, costituiva la via normale di salita al Santuario della Madonna della Guardia.
Al primo bivio teniamo la sinistra e proseguiamo in leggera salita sulla larga sterrata.
Superiamo il punto più elevato ed iniziamo a scendere con qualche tratto ripido coperto di cemento.
La discesa arriva all'incrocio con la guidovia (km 1,9). Attraversiamo e continuiamo a scendere dalla parte opposta, ora su sentiero.
Attraversiamo un tratto franato (unici metri eventualmente non ciclabili) e scendiamo più ripidamente raggiungendo il pilastrino segnaletico (km 2,2) dove incontriamo il segnavia FIE e l'itinerario 40.
Proseguiamo in comune con quello e quindi entriamo sulla guidovia che seguiamo uscendo sull'asfalto ad un quadrivio (km 2,4) dove prendiamo la strada di fronte a noi (via Sareto).
Seguiamo l'asfalto fino a quando possiamo svoltare a sinistra, di nuovo sulla guidovia (km 2,7). Effettuiamo un'ampia curva ed attraversiamo via Sareto proseguendo diritti fino a raggiungere Gaiazza (km 3,8).
Svoltiamo a destra e superiamo la piazza. All'incrocio svoltiamo a sinistra in una stradina asfaltata.
Dopo pochi metri andiamo diritti mentre a sinistra scende l'itinerario 40.
La strada asfaltata sale, supera San Pietro e giunge ad un centro ippico (km 4,7) dove inizia a scendere. Andiamo a destra e passiamo a pochi metri dalla chiesa di Nostra Signora dell'Orto foto.
Seguiamo la stradina che scende e termina ad un incrocio (km 5) nei pressi di alcune case foto.
La strada di fronte è cieca, il sentiero a destra è percorso dalla variante 56.1, svoltiamo a sinistra in una stradina tra le case che diventa subito un sentiero foto.
Dopo la discesa iniziale costeggiamo una recinzione (molte tracce di ruote) al cui termine la pendenza aumenta. Il sentiero è ora ripido e un po' dissestato.
Il sentiero diventa una mulattiera selciata e ci porta ad un bivio (km 5,6) dove proseguiamo diritti.
La mulattiera scende con ampi scalini e con un acciottolato leggermente scivoloso. Attraversiamo una sterrata (km 6,2) nei pressi di una casa e proseguiamo sulla mulattiera che passa vicino ai palazzi foto.
Attraversiamo una strada asfaltata e raggiungiamo Pontedecimo (km 6,6). Se siamo diretti a Genova svoltiamo a destra, se invece vogliamo andare da Poldo ad assaggiare la cioccolata andiamo diritti e poi a destra per attraversare il ponte e raggiungere piazza Pontedecimo (km 6,9).
Dislivello: -560 m.
Ciclabilità: >99%
Asfalto: 28%
Osservazioni:
Variante 56.1. Priva di interesse.
Al quadrivio (al km 5; km 0) svoltiamo a destra prendendo un largo sentiero che scende. Passiamo nei pressi di una casa e confluiamo su una strada asfaltata (km 0,3). Svoltiamo a sinistra e seguiamo l'asfalto che termina dopo una casa. Un ampio sentiero prosegue e lo seguiamo in discesa fino a raggiungere una strada in cemento (km 0,9). Seguiamo il ramo in discesa ed andiamo a sinistra al bivio. La strada sale ad un gruppo di case con Cappella (km 1,3).
Dopo qualche metro in discesa trascuriamo la mulattiera a destra e proseguiamo sulla strada (via Rosetta) che sale alle case di una frazione (km 1,4).
Imbocchiamo la mulattiera acciottolata che sale tra le case, trascuriamo una diramazione in salita e proseguiamo a destra raggiungendo il punto più elevato.
Un ripida discesa, in parte in cemento, ci porta ad un ponticello (km 1,8). Proseguiamo facilmente fino a ritornare sull'itinerario principale (km 1,9). Dicembre 2009. Ciclabile 100%.


mappa  gps  foto

Descent from Lencisa to Ponte X°

Updating:
1/2010
Start point: Lencisa
How to arrive: The village is reached by the itinerary 5 an by the itinerary 2.
Itinerary.
From the square of the little country we follow the asphalted road that climbs, steep, toward High Lencisa. After 250 metri, at the end of the steeper part, we turn to the left in the unmetalled road closed by a bar that, once, constituted the normal way to climb the Sanctuary of the Madonna della Guardia.
To the first fork we hold the left and we continue in light slope on the wide unsurfaced road.
We overcome the most elevated point and we begin to go down with some steep tract covered with cement.
The descent reaches the intersection with the railway (km 1,9). We cross and we keep on going down from the opposite part, now on path.
We cross a slipped tract (only meters eventually not cycle) and we go down more steeply reaching the descriptive pillar (km 2,2) where we meet the trail sign FIE and the itinerary 40.
We continue straight and we go out on the railway that we follow going out on the asphalt to a crossroads (km 2,3) where we take the road in front of us (street Sareto).
We follow the asphalt up to when we can turn to the left, again on the railway (km 3). We effect an ample curve and we cross Sareto street continuing straight up to reach Gaiazza (km 3,8).
We turn to the right and we overcome the square. At the intersection we turn to the left on an asphalted narrow road.
After few meters we go straight while to the left the itinerary goes down 40.
The asphalted road climbs, overcomes St. Pietro and comes to a horse center (km 4,7) where it begins to go down. We go to the right and pass to few meters from the church of Ours Mrs. of the Garden.
We follow the narrow road that goes down and it finishes to an intersection near some houses. The opposite road is blind, to the right the path is crossed by the variation 56.1, we turn to the left in a narrow road among the houses that it immediately becomes a path.
After the initial descent we skirt an enclosure (a lot of traces of wheels) to whose term the inclination increases. The path is steep now and some ruined.
The path becomes a paved mule-track and brings us to a fork (km 5,6) where we continue straight.
The mule-track goes down with ample stairs and with a clattered slightly slippery. We cross an unsurfaced road (km 6,2) near a house and we continue on the mule-track that passes next to the buildings.
We cross an asphalted road and we reach Pontedecimo (km 6,6). If we are direct to Genoa we turn to the right, if we want to go to Poldo to taste the chocolate instead we go straight and then to the right to cross the bridge and to reach Pontedecimo square (km 6,9).
Gradient: -560 ms.
Cycle: >99%
Asphalt: 28%
Observations:
Variation 56.1. Without interest.
To the crossroads (at the km 5; km 0) we turn to the right a wide path that goes down taking. We pass near a house and we meet on an asphalted road (km 0,3). We turn to the left and we follow the asphalt that finishes after a house. An ample path continues and we follows it in descent up to reach a road in cement (km 0,9). We follow the branch in descent and we go to the left to the fork. The road climbs to a group of houses with Chapel (km 1,3).
After some meter in descent we neglect to the right the mule-track and we continue on the road (street Rosetta) that it climbs to the houses of a hamlet (km 1,4).
We take the clattered mule-track that it climbs among the houses, we neglect a ramification in ascent and we continue to the right reaching the most elevated point.
A steep descent, partly in cement, it brings us to a bridge (km 1,8). We easily continue up to return on the principal itinerary (km 1,9). December 2009. Cycle 100%.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.