In mtb sulle alture genovesi
Itinerario 55
Discesa dalla Guardia a Sestri, via Bianchetta

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 7/2009 connessione
Punto di partenza: Madonna della Guardia
Come arrivare: Il Santuario (ristoranti) è raggiunto dall'itinerario 1.
Itinerario.
Dal piazzale iniziamo la discesa sul pavè. Dopo alcune decine di metri svoltiamo a destra in un sentiero che scende ciclabile (segnavia).
Raggiungiamo la guidovia (km 0,4) e la attraversiamo.
Scendiamo sul sentiero che, con un tratto ripido a scalini, conduce sui resti della vecchia strada asfaltata, ora tracciato pedonale.
Passiamo davanti ad una trattoria ed entriamo sulla strada automobilistica (km 0,9).
A destra lasciamo il sentiero per Lencisa e saliamo a sinistra, sulla strada. Passiamo davanti ad una casa e scendiamo all´incrocio per Lencisa d'Alto (km 1,5) che lasciamo a destra proseguendo diritti in discesa fino ad una cascina (ex Osteria dello Zucchero) dove risaliamo brevemente.
La successiva ripida discesa porta alla trattoria di Fossa Luea (km 2,9) dove si incrociano cinque strade.
Prendiamo la piccola sterrata (che ha rimpiazzato il sentiero) pianeggiante che va leggermente a destra, a fianco dell'edicola sacra (segnavia FIE r3). Con qualche saliscendi arriviamo ad un incrocio (km 3,3).
Attraversiamo la strada proseguendo dall'altra parte sulla stradina che prosegue in discesa.
Dopo 100 metri arriviamo ad un incrocio dove andiamo diritti lasciando l'itinerario 2.
Lasciamo a sinistra i sentiero di collegamento con la sottostante e vicina sterrata perimetrale della discarica di Scarpino e percorriamo integralmente la strada che termina confluendo sulla grande sterrata proveniente da Panigaro (km 3,9).
Svoltiamo a destra e seguiamo la strada che scende, in parte asfaltata, ad un bivio (km 5,1). Lasciamo la strada in discesa per Panigaro e svoltiamo a destra in salita Tuvio. Dopo i primi metri in salita la strada scende ad un bivio (km 5,4) dove teniamo la sinistra e scendiamo con qualche tornante fino alla chiesa di San Pietro ai Prati (km 5,8).
Ignoriamo le laterali e restiamo sulla nostra strada che continua a scendere e termina nei pressi di una casa (km 6,4).
A destra, a fianco del muro di contenimento del piazzale, scende una mulattiera erbosa. La prendiamo e scendiamo con bel percorso sull'antica strada, ancora in parte acciottolata. Il fondo gradatamente peggiora e dobbiamo superare a piedi alcuni tratti scavati. Dopo un bel fienile il sentiero prosegue molto rovinato e problematico. Dopo quattro tornanti confluiamo (km 7,3) col sentiero dell'itinerario 54.
Svoltiamo a destra e scendiamo alcuni scalini raggiungendo un ponte e l'asfalto (km 7,4).
Seguiamo integralmente la stradina asfaltata in ambiente particolare per gli edifici paleoindustriali e le moderne cave. Superiamo Bianchetta e giungiamo a Sestri (km 11,1 a Piazza Baracca).
Dislivello: -800 m.
Ciclabilità: 99%
Asfalto: 78%
Osservazioni:
Variante 55.1.
Alla casa del km 6,4 seguiamo la mulattiera dell'itinerario principale per duecento metri ed imbocchiamo un sentiero a destra.
Il sentiero scende con qualche tornante e diventa una debole traccia che scende diretta nel prato. Passiamo a fianco di un fienile (km 0,4), pieghiamo a destra e scendiamo al torrente.
Affrontiamo il primo guado a cui ne seguono altri sei. I guadi sono disagevoli ed alcuni attraversamenti comportano qualche passo sulle rocce.
Dopo l'ultimo guado il sentiero diventa facile. Passiamo nei pressi di alcune baracche e raggiungiamo (km 1,3) la mulattiera percorsa dall'itinerario 54.
Dopo cento metri confluiamo sull'itinerario principale.
Aggiornato dicembre 2012. Ciclabilità 85%.


 mappa  gps  foto  foto

Descent from Madonna della Guardia to Sestri, via Bianchetta

Updating:
7/2009
Start point: Madonna della Guardia
How to arrive: The Sanctuary (restaurants) is reached by the itinerary 1.
Itinerary.
From the square we begin the descent on the pavè. After some about ten meters we turn to the right in a path that goes down cycle (trail sign).
We reach the railway (km 0,4) and we cross it.
We go down on the path that, with a steep tract on stairs, it leads on the remains of the old asphalted road, now pedestrian track.
We pass before to a restaurant and we enter on the car road (km 0,9).
To the right we leave the path for Lencisa and we climb to the left, on the road. We pass before to a house and we go down to the cross for Lencisa d'Alto (km 1,5) that we leave to the right continuing straight in descent to a farmhouse (ex Inn of the Sugar) where we shortly go up again.
The following steep descent brings to the restaurant of Fossa Luea (km 2,9) where five roads cross.
We take the narrow level unsurfaced road (that the path has replaced) that goes slightly to the right, beside the sacred tabernacle (trail sign FIE r3). With some ups and downs we arrive to an intersection (km 3,3).
We cross the road continuing on the other side on the narrow road that continues in descent.
After 100 meters we arrive to an intersection where go straight leaving the itinerary 2.
We leave to the left the path of connection with the above and next unmetalled road perimetral of the dump of Scarpino and we integrally cross the road that finishes meeting on the great unsurfaced road coming from Panigaro (km 3,9).
We turn to the right and we follow the road that goes down, partly asphalted, to a fork (km 5,1). We leave the road in descent for Panigaro and we turn to the right in Salita Tuvio. After the first meters in slope the road goes down to a fork (km 5,4) where we hold the left and we go down with some hairpin bend up to the church of St. Pietro to the Lawns (km 5,8).
We ignore the side roads and we stay on our road that keeps on going down and it finishes near a house (km 6,4).
Beside the wall of containment of the square a grassy mule-track goes down. We take it and we go down with beautiful run on the ancient road, still partly clattered. Gradually the bottom worsens and we has to overcome some dug tracts afoot. After a beautiful barn the path continues very ruined and problematic. After four hairpin bend we meet (km 7,3) with the path of the itinerary 54.
We turn to the right and we go down some stairs reaching a bridge and the asphalt (km 7,4).
We integrally follow the asphalted narrow road in particular environment because of the old manifacturing buildings and the modern quarry. We overcome Bianchetta and we reach Sestri (km 11,1 to Piazza Baracca).
Gradient: -800 ms.
Cycle: 98%
Asphalt: 78%
Observations:

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.