In mtb sulle alture genovesi
Itinerario 54
Discesa dal monte Contessa a Sestri

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 4/2009 connessione
Punto di partenza: monte Contessa
Come arrivare: La montagna è raggiungibile salendo al contrario la rampa iniziale dell'itinerario 54. Dal quadrivio sono circa 1,3 km con 140 metri di dislivello ciclabili al 59%.
Itinerario.
Dalla vetta sud (ometto) seguiamo il pianeggiante crinale in direzione nord. Superiamo qualche albero abbattuto e scendiamo ad un sella a cui segue una salita ripida e poco ciclabile che ci porta sulla vetta nord (km 0,6).
La larga pista sul tracciato del metanodotto scende con pendenza crescente. Affrontiamo un tratto molto ripido e difficile a causa del fondo con pietre mobili e continuiamo a scendere fino a confluire sulla strada (km 1,3) percorsa dall'itinerario 2, nel punto in cui inizia l'asfalto.
Svoltiamo a destra e seguiamo la strada asfaltata che costeggia il monte Contessa. Ad un incrocio (km 2,1) svoltiamo a sinistra seguendo le indicazioni per Gneo Superiore.
La strada asfaltata scende ripida fino all'ingresso del paese (km 2,7). Senza entrare tra le case svoltiamo a destra imboccando una mulattiera erbosa (segnavia r24) che scende.
La stradina conduce ad un recinto (km 2,9) dove, senza superare il cancello, svoltiamo a destra in un sentiero.
Il sentiero è in prevalente discesa, a parte qualche passaggio, ed attraversa il versante, spesso stretto e sassoso. Attraversiamo una zona con prati al cui termine la mulattiera scende con tornanti e tratti non facili.
Arriviamo al guado del rio Bianchetta (km 3,8) e proseguiamo più facilmente. Una scaletta di cemento ci fa scendere ad una strada e ad un ponte (km 4) ormai su asfalto.
Seguiamo la strada che attraversa le case di Bianchetta e scende al bivio con via Monte Timone (km 5,3) dove incontriamo la variante 2.5.
La strada supera Serra di Panigaro e prosegue, polverosa e trafficata, fino a Sestri (km 7,8).
Dislivello: -580 m.
Ciclabilità: 98%
Asfalto: 66%
Osservazioni:


 mappa  foto  gps

Descent from Contessa mountain to Sestri

Updating:
4/2009
Start point: Contessa mountain
How to arrive: The summit is attainable climbing contrariwise the initial ramp of the itinerary 54. From the crossroads they are about 1,3 km and 140 ms ramp cycle at 59%.
Itinerary.
From the south peak (cairn) we follow the level ridge in direction north. We overcome some dejected tree and we go down to a saddle to which follows a steep and few cycle slope that it brings us on the north peak (km 0,6).
The wide track on the layout of the pipeline goes down with increasing inclination. We face a very steep and difficult tract because of the bottom with mobile stones and we keep on going down up to meet on the road (km 1,3) crossed by the itinerary 2, in the point in which it begins the asphalt.
We turn to the right and we follow the asphalted road that skirts the Contessa mountain. To an intersection (km 2,1) we turn to the left following the indications for Gneo Superiore.
The asphalted road goes down steep up to the entry of the country (km 2,7). Without entering among the houses we turn to the right taking a grassy mule-track (trail sign r24) that it goes down.
The narrow road leads to an enclosure (km 2,9) where, without overcoming the gate, we turn to the right in a path.
The path is in prevailing descent, apart some passage, and it crosses the slope, often narrow and stony. We cross a zone with lawns to whose term the mule-track goes down with hairpin bends and non easy tracts.
We reach the ford of the brook Bianchetta (km 3,8) and we continue more easily. A concrete stair makes us go down to a road and to a bridge (km 4) by now on asphalt.
We follow the road that crosses the houses of Bianchetta and it goes down to the fork with street Monte Timone (km 5,3) where we meet the variation 2.5.
The road overcomes Serra di Panigaro and continues, dusty and trafficked, up to Sestri (km 7,8).
Gradient: -580 ms.
Cycle: 98%
Asphalt: 66%
Observations:

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.