In mtb sulle alture genovesi
Itinerario 53
Discesa dal monte Contessa a Pegli

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 5/2018 connessione
Punto di partenza: monte Contessa
Come arrivare: La montagna è raggiungibile salendo al contrario la rampa iniziale dell'itinerario 54. Dal quadrivio sono circa 1,3 km con 140 metri di dislivello ciclabili al 59%.
Itinerario.
Dalla vetta foto scendiamo verso sud seguendo l'ampio crinale su cui corre un sentiero. Superiamo una grande croce foto e raggiungiamo un bel prato foto che attraversiamo andando diritto fino al castagneto.
Continuiamo la discesa fino ad una selletta (km 0,9) dove svoltiamo a sinistra.
La discesa prosegue meno ripida su una mulattiera in parte mattonata. In prossimità delle prime case la mulattiera si allarga a stradina parzialmente in cemento foto.
Raggiungiamo l'asfalto in corrispondenza della chiesa di Sant'Alberto (km 1,5).
Seguiamo la strada asfaltata che scende piuttosto ripida ed andiamo diritti ai primi due incroci. Al terzo (km 2,5) svoltiamo a destra in via Superiore Razzara. La stradina è asfaltata e quasi pianeggiante. Attraversa zone coltivate e passa nei pressi di alcune cascine.
Al termine dell'asfalto proseguiamo raggiungendo un bivio (km 3,2) foto dove svoltiamo a sinistra seguendo una stradina in parte asfaltata che lasciamo dopo una breve salita per prendere un poco visibile sentiero a destra (km 3,4) foto.
Il sentiero scende un po' disturbato dalla vegetazione ma sempre ben evidente foto. Gradualmente emerge la mattonata che scende ad un muro. Costeggiamo il muro, attraversiamo una zona franosa foto e perdiamo quota con qualche secco tornante.
La crosa confluisce in quella (km 4,3) che arriva dai Tre Ponti e qui svoltiamo a sinistra.
Dopo qualche curva la mattonata termina su una strada asfaltata (km 4,4).
Andiamo a sinistra percorrendo la sponda del torrente Varenna. Ad un ponte (km 5) svoltiamo a destra per attraversare il fiume e proseguendo poi sulla riva destra fino a Pegli (km 6).
Dislivello: -540 m.
Ciclabilità: 100%
Asfalto: 50%
Osservazioni:
Variante 53.1.
Dopo il bivio a sinistra del km 3,2 seguiamo la strada per 50 metri. Svoltiamo a destra imboccando un largo sentiero che scende e attraversa zone coltivate per terminare a un cancello (km 0,2). Prendiamo a destra il sentiero più stretto che costeggia la recinzione. Dopo una parte quasi pianeggiante il sentierino scende molto ripido e termina all'incrocio con una mulattiera (km 0,4).
Scendiamo a sinistra, passiamo nei pressi di alcune case e passiamo sotto (km 0,5) alla ferrovia a fianco della stazione di Granara.
La mulattiera diventa una crosa mattonata che scende con bassi scalini e arriva sulla strada asfaltata (km 0,8).
Seguiamo la strada a sinistra e, prima di superare il ponte in località Tre Ponti, svoltiamo a sinistra (km 1,2) entrando nel vicolo tra le case.
Dopo cinquanta metri svoltiamo a sinistra e saliamo ripidamente al ponte superiore.
Seguiamo la crosa a sinistra che passa tra alcune case e si ricongiunge all'itinerario principale (km 1,5). Febbraio 2014. Ciclabilità 100%.
Variante 53.2.
Circa cento metri dopo l'imbocco di via Razzara superiamo uno slargo e lasciamo l'asfalto per prendere un sentiero a sinistra.
Scendiamo nel bosco sul sentiero, talvolta disturbato dagli arbusti, e usciamo sulla strada percorsa dall'itinerario 82. Svoltiamo a destra e andiamo diritto al bivio con la strada asfalta.
Seguiamo la strada e la lasciamo quaranta metri dopo essere passati sotto a un ponte. Seguiamo un sentiero stretto che sale, poco ciclabile, ad un bivio dove svoltiamo a destra e varchiamo un cancello sempre aperto.
Siamo dentro al parco dell'abbandonata villa Ansaldo. Seguiamo il sentiero che ci porta ad uno slargo (km 1,1). Andiamo diritti e saliamo ad incontrare un vialetto.
Scendiamo a destra fino a raggiungere il grande piazzale (km 1,4) dove sorgeva la villa. Attraverismo il piazzale uscendone sulla destra.
L'ampio viale scende con qualche curva e giunge sull'asfalto (km 1,8) fuori dal parco.
Svoltiamo a destra e dopo pochi metri a sinistra.
La strada scende ripida al sacrato (km 1,9) della chiesa di Monte Oliveto.
Seguiamo la larga crosa che scende ad incrociare via Romana (km 2,1). Svoltiamo a destra, attraversiamo lo svincolo dell'autostrada e proseguiamo sulla stradina fino a raggiungere l'itinerario principale all'imbocco del ponte sul Varenna (km 2,5). Ciclabilità 95%. Febbraio 2014.


 mappa  gps

Descent from Contessa mountain to Pegli

Updating:
3/2009
Start point: Contessa mountain
How to arrive: The summit is attainable climbing contrariwise the initial ramp of the itinerary 54. From the crossroads they are about 1,3 km and 140 ms ramp cycle at 59%.
Itinerary.
From the peak we go down toward south following the ample ridge on which it races a path, at times few visible. We overcome a great cross and we reach a lawn where we enter, to the right, in the chestnut wood. The descent we continue to a little pass (km 0,9) where we turn to the left.
The descent continues less steep on a partly paved mule-track. In proximity of the first houses the mule-track partially widens to narrow concrete road.
We reach the asphalt in correspondence of the church of Sant'Alberto (km 1,5).
We follow the asphalted road that goes down rather steep and go straight to the first two intersections. To the third one (km 2,5) we turn to the right at the Superior street Razzara. The narrow road is asphalted and almost level. It crosses zone cultivated and it passes near some farmhouses.
At the end of the asphalt we continue reaching a fork (km 3,2) where we turn to the left following an asphalted narrow road that we leave after a brief slope to take to the right a few visible path (km 3,4).
The path goes down some disturbed by the vegetation but always well evident. It gradually emerges the bricked ground that it goes down to a wall. We skirt the wall and we lose altitude with some switchbacks.
The crosa meets in that (km 4,3) that it arrives from the Three Bridges and we turn to the left here.
After some bricked curve it finishes on an asphalted road (km 4,4).
We go to the left crossing the bank of the stream Varenna. To a bridge (km 5) we turn to the right for crossing the river and continuing then on the right shore up to Pegli (km 6).
Gradient: -540 ms.
Cycle: 100%
Asphalt: 50%
Observations:

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.