In mtb sulle alture genovesi
Itinerario 39
Discesa dal Passo della Bocchetta a Ponte X°

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 1/2009 connessione
Punto di partenza: Passo della Bocchetta
Come arrivare: Il Passo è raggiunto dall'itinerario 15.
Itinerario.
Al Passo prendiamo la sterrata che sale verso est. Superiamo la sbarra e raggiungiamo il termine della salita (km 0,3). Abbandoniamo la sterrata e prendiamo, a destra, un sentierino che passa tra due ringhiere (segnavia FIE r31).
La discesa è subito ripida e ci troviamo a percorrere nel bosco un percorso attrezzato con salti per free-ride. I salti artificiali sono evitabili, ma molti passaggi naturali sono difficili ed obbligati.
Raggiungiamo una cresta rocciosa e scendiamo ad una strettoia dopo la quale dobbiamo salire una collinetta.
Seguiamo il sentiero reso evidente dal passaggio lasciando il segnavia quando va a destra.
Entriamo in una zona di taglio del bosco dove seguiamo la pista forestale più evidente che scende ripida ad incrociare un'altra pista.
Svoltiamo a destra e scendiamo ad un bivio dove andiamo a sinistra. Percorriamo una sterrata (attenzione ad una catena) che porta ad una cascina ed alla strada sterrata che proviene da Paveto (km 2,2).
Seguiamo la strada verso destra, in leggera salita. Presso la vecchia cava di oficalce la strada diventa asfaltata e sale alle case di Pietralavezzara (km 3,3).
Scendiamo seguendo la strada provinciale. Percorriamo circa 300 metri e svoltiamo a sinistra in una stradina che sale (segnavia FIE r4).
Dopo qualche metro in salita la strada scende sterrata. Dopo poche decine di metri incontriamo un bivio dove andiamo a destra, in leggera salita.
Siamo su un sentiero che percorre lungamente il versante, senza grandi dislivelli, ma attraversando molti canali.
Superiamo con cautela qualche passaggio reso difficile dalle frane e raggiungiamo un punto in cui il sentiero si allarga e diventa facile (km 4,8).
Arriviamo ad un incrocio presso una casa (km 5,5) dove andiamo a sinistra seguendo la sterrata sotto cui corre il metanodotto.
Attraversiamo una strada asfaltata e continuiamo nella sterrata via Madonna delle Vigne scendendo ad una selletta (km 5,8).
Prendiamo a destra la mulattiera acciottolata ma molto rovinata e la seguiamo con bel percorso nel bosco. La mulattiera termina presso una casa (km 6,8) dove proseguiamo su asfalto per un centinaio di metri. Lasciamo la strada prendendo a destra un sentierino che termina poco dopo alla chiesa Madonna delle Vigne (km 7,1).
Proseguiamo sulla strada asfaltata che scende di fronte alla chiesa e scendiamo ad un gruppo di case (km 7,9) dove andiamo a sinistra.
La stradina asfaltata ci porta alla chiesa di Cesino (km 8,7) che superiamo. Costeggiamo il cimitero e lasciamo l'asfalto per prendere a destra (km 8,9) via Cesino che è una comoda crosa mattonata.
Senza alcuna difficoltà raggiungiamo la strada provinciale di Campomorone e la seguiamo a sinistra. Al semaforo (km 10) svoltiamo a destra per raggiungere il vicino centro di Pontedecimo.
Dislivello: -740 m.
Ciclabilità: 98%
Asfalto: 31%
Osservazioni: non adatto alla salita.


mappa  gps

Descent from Bocchetta Pass to Pontedecimo

Updating:
1/2009
Start point: Bocchetta Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 15.
Itinerary.
To the Pass we take the dirt road that climbs toward east. We get over the bar and we reach the term of the ascent (km 0,3). We leave the dirt road and we take, to the right, a narrow path that passes among two handrails (trail sign FIE r31).
The descent immediately is steep and we finds us to cross in the wood a run equipped with jumps for free-ride. The artificial jumps are avoidable, but many natural passages are difficult and forced.
We climb a rocky ridge and we go down to a saddleback after that we have to climb a hillock.
We follow the path made evident by the passage leaving the trail sign when it goes to the right. The descent finishes on the dirt road from Paveto, to the intersection with a pipeline (km 2,2).
We follow the road toward right, in light ascent. Near the old quarry the road it becomes tarmac and climbs to the houses of Pietra Lavezzara (km 3,3).
We go down following the provincial road. We cross around 300 meters and we turn to the left in a narrow road that climbs (trail sign FIE r4).
After some meter in ascent the road goes down dirt. To the first fork we go to the right, in light ascent.
We are on a path that longly crosses the side, without great gradients, but crossing many gorges.
We get over with caution some passage made difficult to the landslides and we reach a point in which the path widens and becomes easy (km 4,8).
We arrive to an intersection near a house (km 5,5) where we go to the left. We cross a zone interested by the jobs of restoration of the pipeline whose practicability can be hindered by the bulldozers.
We cross a tarmac road and continue to go down reaching a saddleback (km 5,8).
We turn to the right on a paved mule-track and we follow it with beautiful run in the wood. The mule-track it finishes near a house (km 6,8) where we continue on asphalt for hundred meters. We leave the road taking to the right a narrow path that finishes to the church Madonna of the Vineyards shortly after (km 7,1).
We continue on the asphalted road that goes down opposite the church and we go down to some houses (km 7,9) where turn to the left.
The narrow road leads us to the church of Cesino (km 8,7). We skirt the cemetery and leave the tarmac to keep, to right (km 8,9), via Cesino that is a comfortable bricked "crosa".
Without any difficulty we arrive the provincial road and follow it to the left. At the traffic light (km 10) we turn to the right to reach the near center of Pontedecimo.
Gradient: -740 ms.
Cycle: 98%
Tarmac: 31%
Observations: only for descent.


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.