In mtb sulle alture genovesi
Itinerario 37
Discesa dal monte Alpe a Molassana, 1

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 1/2008 connessione
Punto di partenza: monte Alpe di Creto
Come arrivare: La montagna è salita dall'itinerario 29 e, con breve deviazione, dall'itinerario 9.
Itinerario.
Dalla piatta vetta del monte andiamo in direzione sud, superiamo il gruppo valvole e scendiamo seguendo la strada di accesso. Alla prima curva lasciamo l´asfalto e scendiamo direttamente sul sentiero segnalato (AVphp, E1).
La discesa si svolge sull'evidente cresta. Il percorso presenta passaggi tecnici su roccette sporgenti, dove il ripidissimo versante alla nostra destra impone prudenza.
I passaggi rocciosi sono alternati a facili zone erbose. Costeggiamo una recinzione e raggiungiamo un salto roccioso che aggiriamo a destra.
Al termine della parte ripida incrociamo un sentiero FIE che proviene da destra e proseguiamo diritti con percorso sempre più facile.
In corrispondenza di una sella (km 1,3; Colle del Canile) incontriamo il sentiero che sale da Pino (itinerario 14) e proseguiamo diritti sulla strada sterrata e poi sull´asfalto.
Quando la strada effettua l'ultima curva a sinistra, poco prima di scendere alla provinciale, la lasciamo e prendiamo a destra una mulattiera (km 1,8; segnavia FIE r13 che seguiremo integralmente).
La mulattiera scende ed entra nel bosco. In corrispondenza di due tornantini la pendenza diviene severa, ma sono le condizioni del sentiero a creare le maggiori difficoltà: rami, pietre smosse, qualche piccola frana e due cavi di acciaio attraverso il sentiero impongono costante attenzione.
Dopo un tratto meno ripido la mulattiera diviene molto dissestata ed obbliga a percorrere il pendio a destra, sempre ben guidati dai segnavia.
Ritorniamo sulla mulattiera e scendiamo ad una casa isolata (km 3,8).
La discesa prosegue ripida ma ora con fondo buono, a tratti cementato. Dopo un tornante dobbiamo lasciare la mulattiera e scendere a sinistra raggiungendo un ponticello ben visibile (km 4,5).
Il sentiero prosegue oltre il ponte, costeggia in alto un grosso edificio e, con un ultimo tratto dissestato, scende ad una zona di prati e ad un gruppo di case dove troviamo l´asfalto. Andiamo a destra confluendo sulla strada per Cartagenova (Fontana; via San Felice; km 5,1).
Svoltiamo a sinistra e seguiamo la strada per un buon tratto. In corrispondenza di un ristorante lasciamo a sinistra il segnavia che sale alcuni scalini (km 5,5) e proseguiamo per cento metri la discesa sull'asfalto fino alla curva.
Svoltiamo a sinistra ed entriamo nella bella crosa mattonata (Salita Cotella) che scende senza presentare difficoltà.
Attraversiamo una strada e continuiamo dalla parte opposta fino ad uscire sul tracciato dell'acquedotto (km 6).
Proseguiamo diritti scendendo sulla comoda crosa scalinata che termina in via S. Felice (km 6,4).
Svoltiamo a sinistra e raggiungiamo la vicina via Molassana.
Dislivello: -750 m.
Ciclabilità: 97%
Asfalto: 15%
Osservazioni: impegnativa soprattutto a causa delle parti rovinate. Attenzione ai due cavi e a qualche tratto "alto".


mappa  gps  foto  foto  foto  foto  foto  foto

Descent from Alpe mountain to Molassana

Updating:
1/2006
Start point: Alpe of Creto mountain
How to arrive: The mountain is climbed by the itinerary 29 and, with a short detour, by the itinerary 9.
Itinerary.
From the flat peak of the mountain we go to south direction, we get over the group valves and go down on the road of access. At the first curve we leave the asphalt and we directly go down on traces of path.
The descent stays on the evident ridge. The run presents technical passages on leaning rocks, it's not dangerous but the steep side to our right imposes prudence however.
The rocky passages are alternate to easy grassy zones. We skirt along an enclosure and we reach a rocky jump that we go down on foot.
Here we cross a path FIE that comes from right and we continues straight on with more and more easy run.
We meet at the Alta Via AVphp in correspondence of the saddleback (km 1,35) crossed by the path that climbs from Pino (itinerary 14).
We continue on the dirt road and then on the asphalt. When the road effects to the left the last curve, just before to go down to the provincial road, we leave it and we take to the right a mule-track (km 1,8; trail sign FIE r13).
The mule-track it goes down and it enters the wood. In correspondence of two hairpin bends the inclination becomes severe, but are the conditions of the path that create the most greater difficulties: branches, shifted stones, some small landslide and two steel cables through the path impose constant beware.
After a less steep stretch the mule-track becomes a lot of rough and it forces to cross to the right the slant, always well driven from the trail signs.
We return on the mule-track and we go down to an isolated house (km 3,8).
The descent continues steep but with good bottom, with concrete stretches. After an hairpin bend we have to leave the mule-track to go down to the left reaching a well visible bridge (km 4,5).
The path continues over the bridge, skirts a big building and, with a last rough stretch, goes down to a zone of lawns and to a group of houses where we find the asphalt. We go to the right meeting the road for Cartagenova (km 5,1).
We turn to the left and we follow the road for a long stretch. In correspondence of a restaurant we climb to the left some stairs (km 5,5) and we continue the descent on the beautiful crosa that passes in front of the restaurant.
We cross a road and we continue on the opposite part to go out on the layout of the aqueduct (km 6).
We continue straight on going down on the comfortable stairway crosa that finishes on the street S.Felice (km 6,5).
We turn to the left and we reach the near street Molassana.
Gradient: -750 ms.
Cycle: 97%
Tarmac: 15%
Observations: binding above all because of the ruined parts.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.