In mtb sulle alture genovesi
Itinerario 12
Traversata dalla Scoffera a Sant'Alberto

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 12/2006 connessione
Partenza: Scoffera
Come arrivare: Il paese (situato sul passo omonimo) è raggiunto dall'itinerario 65, dall'itinerario 18, dall'itinerario 65.
Itinerario.
Dalla piazza attraversiamo la strada. Dalla parte opposta parte una stradina con alcuni cartelli indicatori dei sentieri.
Seguiamo questa strada (segnavia FIE r28); superiamo gli incroci restando sempre sulla strada principale asfaltata.
Seguendo i segnavia lasciamo l'asfalto e prendiamo una sterrata che sale a sinistra (km 0,5; r28, b53).
La strada che stiamo seguendo termina ad un cancello; poco prima sale a destra un ripido sentiero, non interamente ciclabile.
Usciamo su un prato che costeggiamo, sempre in salita, su una strada agricola dal fondo erboso.
Con pendenza minore seguiamo il sentiero che attraversa il bosco. Con qualche saliscendi arriviamo ad una selletta (km 1,5) dove incontriamo il sentiero che viene dal monte Lavagnola.
Svoltiamo a destra e percorriamo la discesa, piuttosto ripida, che termina alle case di Sottocolle (km 2,1). Siamo pochi metri sopra alla Statale.
La mulattiera prosegue con una lunga salita, a tratti non ciclabile, e raggiunge il crinale (km 3,2). Il sentiero sale ancora per poco e scende ad una insellatura, dominata dal monte Croce di Bragalla (Colle di Mea; km 3,8).
Costeggiamo il versante occidentale della montagna ed il sentiero va allargandosi fino a divenire una stradina. Raggiunto un bivio (km 5,3) lasciamo la strada (che, dopo 50 metri, diviene asfaltata e costituisce un modo per evitare la parte rimanente dell'itinerario) e saliamo a sinistra.
Superato un dosso scendiamo ripidamente su una mulattiera ancora lastricata fino a raggiungere un ponticello di cemento (km 5,6).
Subito dopo il ponte svoltiamo a sinistra affrontando un tratto in salita pochissimo ciclabile per 300 metri.
Arriviamo ad una zona di pascoli che il sentiero attraversa con percorso tortuoso.
Inizia un tratto che procede in cresta, con ripide rampe poco pedalabili in salita e tratti altrettanto ripidi in discesa. Un'ultima discesa termina ad un valico attraversato da una strada asfaltata (km 7,2).
Scendiamo a destra sulla strada che confluisce in un'altra maggiore. Seguendola a sinistra saliamo alla piazza di Sant'Alberto (km 7,8).
Dislivello: 350 m in salita ed altrettanti in discesa.
Ciclabilità: 91%
Asfalto: 13%
Osservazioni:


 mappa  gps

Cross from the Scoffera to Sant'Alberto

Updating:
12/2006
Start point: Scoffera
How to arrive: The village (on the homonymous Pass) is reached by the itinerary 65, by the itinerary 18 and by the itinerary 65.
Itinerary.
From the square we cross the road. Opposite start a narrow road with some indicative poster of the paths.
We follow this road (trail sign FIE r28); we overcome the intersections always staying on the asphalted principal road.
Following the trail signs we leave the asphalt and we take an unsurfaced road that climbs to the left (km 0,5; r28, b53).
The road that we are following finishes to a gate; a little before it climbs to the right a steep path, not entirely cycle.
We go out on a lawn that we skirt, always in ascent, on an agricultural grassy road.
With smaller inclination we follow the path that crosses the wood. With some ups and downs we arrive to a little pass (km 1,5) where we meet the path that comes from the Lavagnola mountain.
We turn to the right and we cross the descent, rather steep, that finishes to the houses of Sottocolle (km 2,1). We are few meters above to the National road.
The mule-track continues with a long ascent, sometime non cycle, and it reaches the ridge (km 3,2). The path climbs again for few and goes down to a saddleback, dominated by the Cross of Bragalla mountain (Pass of Mea; km 3,8).
We skirt the western slope of the mountain and the path widens to become a narrow road. Reached a fork (km 5,3) we leave the road (that, after 50 meters, it becomes asphalted and it constitutes a way to avoid the remaining part of the itinerary) and we climb to the left.
Overcame a back we still go down steeply on a paved mule-track up to reach a bridge of cement (km 5,6).
Immediately after the bridge we turn to the left facing a tract in ascent little cycle for 300 meters.
We arrive to a zone of pastures that the path crosses with tortuous run.
It begins a tract that proceeds in ridge, with steep a little cycle ramps in ascent and tracts as many steep in descent. A last descent finishes to a pass crossed by an asphalted road (km 7,2).
We go down to the right on the road that meets in another greater. Following to the left it we climb to the square of Sant'Alberto (km 7,8).
Gradient: 350 ms in ascent and as many in descent.
Cycle: 91%
Asphalt: 13%
Observations:

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.