Itinerari mtb in Val Fontanabuona
Itinerario 44
Discesa da Barbagelata a Castàgnelo

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 3/2015 connessione
Partenza: Barbagelata
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 1, dall'itinerario 30 e dall'itinerario 41.
Itinerario.
Da Barbagelata seguiamo la strada verso sud fino al bivio con una lapide (km 0,6).
Saliamo a destra in comune con l'itinerario 3 (segnavia FIE r12 e AVphp ), lasciamo subito l'Alta Via e proseguiamo verso sud sulla strada forestale più a sinistra, sbarrata (segnavia FIE r7  e r12 ). La strada forestale inizialmente sale poi scollina e scende ad una insellatura (sorgenti dell'Aveto).
Risaliamo brevemente un ripido strappo per proseguire con un bel percorso tra i faggi e raggiungere il poco evidente passo del Gabba (km 2,6).
Poco dopo il Passo notiamo a sinistra un sentiero (segnavia FIE b32 ).
Dopo il primo tratto in discesa il sentiero attraversa il bosco in moderata salita, con qualche tratto più ripido. Superiamo il punto più elevato (km 3,4) e scendiamo ripidamente su un sentiero sassoso.
Ad un bivio (km 3,5) lasciamo l'itinerario 8 e svoltiamo a destra sul segnavia r28 affrontando una discesa dissestata che ci porta al guado sul rio Acquapendente (km 3,7) dove incontriamo il segnavia FIE r7 e l'itinerario 15.
Giriamo a sinistra e usciamo dalla vallecola sul sentiero che diventa subito esposto e attraversa il dirupato versante della montagna con percorso che richiede sempre attenzione.
Scendiamo alcuni ripidi tornanti e raggiungiamo una zona franante. Passiamo velocemente (pericolo di caduta pietre e ghiaccio dalle cascate gelate che si formano in questa gola sempre all'ombra).
Attraversiamo una paretina attrezzata con cavi (km 4,3) e proseguiamo con percorso gradatamente più facile fino ad alcune cisterne (km 5).
Il sentiero attraversa a destra con andamento quasi pianeggiante e raggiunge un crinale (km 5,7) dove scendiamo ripidamente a sinistra fino a raggiungere la strada percorsa dall'itinerario 3 (km 5,9).
Svoltiamo a destra e seguiamo la strada finché non incontriamo il sentiero che scende a sinistra (km 6,3).
Scendiamo alcuni ripidi metri e proseguiamo più facilmente raggiungendo una sella (km 6,9).
Prima di iniziare la lieve salita svoltiamo a sinistra per prendere il primo dei due sentieri che scendono. Il sentiero torna in direzione nord est e scende per passare nei pressi di un rudere.
Proseguiamo con discesa non ripida e pochi passi non ciclabili fino a un guado (km 7,4). Continuiamo la traversata fino a raggiungere il Passo della Banchella (km 8,2) dove incontriamo l'itinerario 43.
Scendiamo a destra e attraversiamo il greto del ruscello per proseguire la discesa sulla riva sinistra. La discesa costeggia il ruscello e termina su una strada (km 8,8) all'inizio del dedalo di strade delle cave di ardesia.
Seguiamo la strada, discendendo un tratto dissestato, per confluire in un'altra strada che seguiamo a destra. Attraversiamo i ponti su due ruscelli e raggiungiamo il bivio (km 9,5) con una strada maggiore che seguiamo a sinistra.
La strada diventa asfaltata e va a Cornia, ma noi la lasciamo al primo incrocio (km 9,8) per imboccare a sinistra una strada che inizia con un ponte e una sbarra.
Saliamo a lungo sulla strada superando cantieri di lavorazione dell'ardesia. A un tornante (km 11) lasciamo la strada, che conduce all'imbocco di una galleria di cava, e prendiamo la strada a destra.
Superiamo un cancello e saliamo attraversando le pendici occidentali del monte Verzi fino alla trincea che permette di attraversare il crinale (km 11,5). Giriamo a destra seguendo al contrario l'itinerario 41 fino a uscire su asfalto dopo una sbarra (km 12,8).
Attraversiamo Balano e arriviamo a un bivio (km 13,4) dove giriamo a sinistra seguendo la strada provinciale 85 fino alla chiesa di Verzi (km 13,9).
Aggiriamo la chiesa scendendo su una stradina che lasciamo subito senza raggiungere il sacrato.
Imbocchiamo una crosa scalinata che costeggia il muro di sostegno della chiesa e diventa una mulattiera erbosa che scende alle case diventando cementata. Giriamo a sinistra (km 14,2) dopo le case e seguiamo il viottolo che supera un lavatoio allargandosi. La strada supera una cappella e raggiunge la SP85 (km 14,4).
Attraversiamo l'asfalto e scendiamo sul sentiero che raggiunge degli alveari e diventa una mulattiera.
Superiamo un ponticello (km 14,5), un rudere e arriviamo a una serie di incroci ravvicinati dove la mulattiera si riduce a sentiero. Al primo (km 14,9) e al secondo andiamo a destra, al terzo a sinistra tornando sulla mulattiera.
Dopo un tratto poco pendente la mulattiera scende ripida a un edificio in rovina (km 15,1) dove prosegue a sinistra per terminare sull'asfalto al cimitero (km 15,3).
Seguiamo l'asfalto fino alla curva dove riprendiamo la mulattiera che scende in breve per terminare sulla SP23 (km 15,6).
Giriamo a sinistra e saliamo su asfalto fino alla chiesa di Castàgnelo (km 15,9).
Dislivello: - 1170 m.
Ciclabilità: 98%
Asfalto: 15%
Osservazioni:

mappa  gps  foto  foto  foto  foto  foto  foto


Updating: 3/2015
Start point: Barbagelata
How to arrive: The village is reached by the itinerary 1, by the itinerary 30 and by the itinerary 41.
Itinerary.
From Barbagelata we follow the road toward south up to the fork with a headstone (km 0,6).
We climb to the right in common with the itinerary 3 (trail sign FIE r12 and AVphp ), we immediately leave the High Track and we continue to the left toward south on the forest road, barrier (trail sign FIE r7 and r12 ). The forest road initially climbs then passes the top and it goes down to a saddleback (springs of the Aveto).
We shortly go up again a steep ramp to continue with a beautiful run among the beech trees and to reach the few evident Gabba pass (km 2,6).
Shortly after the Pass to the left we look for a little visible path (trail sign FIE b32 ).
After the first tract in descent the path crosses the wood in moderate slope, with some steeper tract. We overcome the most elevated point (km 3,4) and we steeply go down on a stony path.
To a fork (km 3,5) we leave the itinerary 8 and we turn to the right on the trail sign r28 facing a ruined descent that it brings us to the ford on the brook Acquapendente (km 3,7) where we meet the trail sign FIE r7 and the itinerary 15.
We turn to the left and go out of the small valley on the path that immediately becomes exposed and it crosses the steep slope of the mountain with run that always asks for attention.
We go down some steep hairping bend and reach a slipping zone. We quickly pass (danger of fall stones and ice from the falls frozen that they are formed in this gully always to the shade).
We cross a low wall equipped with cables (km 4,3) and we gradually continue with easier run to some cisterns (km 5).
The path crosses to the right with almost level course and reaches a ridge (km 5,7) where we go down to the left steeply up to reach the road crossed by the itinerary 3 (km 5,9).
We turn to the right and follow the road as far as we don't meet the path that goes down to the left (km 6,3).
We go down some steep meters and continue more easily reaching a saddle (km 6,9).
Before beginning the light slope we turn to the left for taking the first one of the two paths that go down. The path returns in direction north-east and goes down for passing near a ruin.
We continue with non steep descent and few non cycle passes up to a ford (km 7,4). We continue the crossing up to reach the Banchella Pass (km 8,2) where we meet the itinerary 43.
We go down to the right and cross the pebbly shore of the brook to continue the descent on the left shore. The descent skirts along the brook and finishes on a road (km 8,8) to the beginning of the maze of roads of the quarry of slate.
We follow the road, coming down a ruined tract, to meet on another road that we follow to the right. We cross the bridges on two brooks and reach the fork (km 9,5) with a greater road that we follow to the left.
The road becomes asphalted and it goes to Cornia, but we leave it at the first intersection (km 9,8) to take to the left a road that begins with a bridge and a bar.
We climb for a long time on the road overcoming laboratories of the slate. At a hairping bend (km 11) we leave the road, that brings to the entrance of a gallery of quarry, and take to the right the road.
We overcome a gate and climb crossing the western slopes of the Verzi mountain up to the trench that allows to cross the ridge (km 11,5). We turn to the right following contrarily the itinerary 41 up to go out on asphalt after a bar (km 12,8).
We cross Balano and reach a fork (km 13,4) where we turn to the left following the provincial road 85 up to the church of Verzi (km 13,9).
We revolve the church going down on a narrow road that we immediately allow without reaching the churchyard.
We take a stairway "crosa" that skirts along the wall of support of the church and it becomes a grassy mule-track that goes down to the houses becoming on concrete.
We turn to the left (km 14,2) after the houses and follow the path that overcomes a washtube widening itself. The road overcomes a chapel and reaches the SP85 (km 14,4).
We cross the asphalt and go down on the path that reaches some beehives and it becomes a mule-track.
We overcome a bridge (km 14,5), a ruin and we reach a series of close intersections where the mule-track reduces it to path. At the first one (km 14,9) and at the second we go to the right, at the third one to the left returning on the mule-track.
After an a little leaning tract the mule-track goes down steep to a ruined building (km 15,1) where it continues to the left to finish on the asphalt to the cemetery (km 15,3).
We follow the asphalt up to the curve where we take again the mule-track that goes down shortly to finish on the SP23 (km 15,6).
We turn to the left and we climb on asphalt up to the church of Castàgnelo (km 15,9).
Gradient: - 1170 ms.
Cycle: 98%
Asphalt: 15%
Observations:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.