Itinerari mtb in Val Fontanabuona
Itinerario 14
Discesa dal monte Lavagnola a Gattorna

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 10/2010 connessione
Partenza: monte Lavagnola
Come arrivare: La vetta è raggiunta dall'itinerario 3.
Itinerario.
Scendiamo seguendo il sentiero di salita e raggiungiamo la Colla Nord Lavagnola dove svoltiamo a sinistra, in comune con l'itinerario 18 della Valle Scrivia. Seguiamo il sentiero (segnavia FIE r54 e AVphp), ad un bivio proseguiamo a sinistra e raggiungiamo il crinale (km 0,9) dove lasciamo a destra l´itinerario per la Scoffera e seguiamo a sinistra il segnavia r54.
Lo stretto sentiero è inaspettatamente facile ed il maggiore ostacolo è qualche ostinato cespuglio spinoso. Arriviamo ad un intaglio del crinale (km 1,6; Stretta del Ciapusso) dove cambiamo versante e scendiamo velocemente ad una sella (km 1,8).
Affrontiamo la prima, e la più impegnativa, salita che ci porta nei pressi della vetta del monte Bragaglino.
Il sentiero prosegue quasi esattamente il filo del crinale e presenta qualche saliscendi.
Un´ultima discesa ci porta ad uno stretto valico (km 3,6) dove scendiamo a destra, ora su mulattiera lastricata che scende ripida e con qualche tornante.
Nei pressi di una cascina usciamo su una larga sterrata (km 3,6) che seguiamo. La strada scende, diviene asfaltata e confluisce in una strada più ampia (km 5,6). Svoltiamo a sinistra e saliamo ripidamente fino ad un tornante a sinistra (km 6,1) dove abbandoniamo l´asfalto e prendiamo una sterrata a destra.
La facile strada porta ad un bivio (km 6,8) dove teniamo la sinistra. Scendiamo rapidamente, la strada diviene asfaltata e porta ad un gruppo di case. Di fronte all'ultima casa (km 9,4) lasciamo la strada (che prosegue per Ognio) e prendiamo a destra un sentiero che corre tra due muretti di pietra (sempre segnavia r54).
Il caratteristico sentiero è coperto di foglie che nascondono gli scalini. Scendiamo rapidamente; ormai in vista del paese superiamo un tratto disturbato dalle spine ed usciamo sulla piazza di Ognio (km 9,8).
Attraversiamo la strada e proseguiamo la discesa tra crose e vicoli col fondo in cemento. Al termine ritroviamo l´asfalto (km 10,2).
Andiamo a sinistra e di nuovo sinistra al vicino incrocio. Seguiamo la strada per meno di cento metri e svoltiamo a destra prendendo la strada che scende al campo sportivo.
Prima di raggiungerlo lasciamo la strada e proseguiamo su un evidente sentiero (km 10,4).
La discesa termina su una strada asfaltata (km 10,9). Saliamo a sinistra per pochi metri; dopo una villetta prendiamo il sentiero che scende a destra. Scendiamo ad un ponte e proseguiamo uscendo su asfalto presso una casa (km 11,4).
Scendiamo su asfalto fino al tornante e prendiamo a sinistra un sentiero. Una breve discesa ed una salita ci portano su una strada asfaltata (km 11,9).
Seguiamo la strada che scende ripida e termina sulla provinciale a Gattorna (km 12,2).
Dislivello: -1110 m.
Ciclabilità: 98%.
Asfalto: 16%
Osservazioni: più complesso da descrivere che da fare.


mappa  foto  gps

Descent from the Lavagnola mountain to Gattorna

Updating:
10/2010
Start point: Lavagnola mountain
How to arrive: The peak is reached by the itinerary 3.
Itinerary.
We go down following the path of ascent and we reach the Lavagnola Pass where we turn to the left, in common with the itinerary 18 of the Valley Scrivia. We follow the path (trail sign FIE AVphp and r54), to a fork we continue to the left and we reach the ridge (km 0,85) where we leave to the right the itinerary for the Scoffera and we follow to the left the trail sign r54.
The narrow path is unexpectedly easy and the most greater obstacle is some obstinate thorny bush. We arrive to a carving of the ridge (km 1,55; Hold of the Ciapusso) where we change side and we quickly go down to a saddle (km 1,7).
We face the fist, and the most binding, ascent. The path almost exactly follows the thread of the ridge and presents some up-and-downs.
A last descent leads us to a narrow pass (km 3,4) where we go down to the right, now on paved mule-track that goes down steep and with some hairpin bends.
Near a farmhouse we go out on a wide dirt road (km 3,6) that we follow. The road goes down, it becomes tarmac and it meets in an ampler road (km 5,6). We turn to the left and we climb steeply as far as an hairpin bend to the left (km 6,1) where we leave the tarmac and we take to the right a dirt road.
The easy road leads to a fork (km 6,6) where we hold the left. We quickly go down, the road becomes tarmac and leads to a group of houses. In front of the last house (km 9,2) we leave the road (what it continues for Ognio) and a path that races among two low walls of stone we take to the right (always trail sign r54).
The characteristic path is covered with leaves that hide the stairs. We quickly go down, by now in sight of the country we get over a stretch disturbed by the thorns and we go out on the square of Ognio (km 9,6).
We cross the road and we continue the descent on alleys with the bottom in concrete. At the end we find again the asphalt (km 10).
We go to the left and again left to the close intersection. We follow the road for less than one hundred meters and we turn to the right the road that goes down to the sporting field taking.
Before reaching it we leave the road and we continue on an evident path (km 10,2).
The descent finishes on a tarmac road (km 10,7). We climb to the left for few meters; after a cottage the path that goes down to the right we take. We go down to a bridge and we continue going out on asphalt near a house (km 11,2).
We go down on asphalt up to the hairpin bend and we take to the left a path. A brief descent to which follows an ascent leads on a tarmac road (km 11,65).
We follow the road that goes down steep and it finishes on the provincial road to Gattorna (km 12).
Gradient: 1115 ms.
Ciclabilità: 98%.
Tarmac: 18%
Observations: more complex to be described that to do.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.