Itinerari mtb in Val Fontanabuona
Itinerario 09
Discesa da Sant'Alberto a Terrarossa

Vai agli altri itinerari della zona


Aggiornamento: 10/2009 connessione
Partenza: Sant´Alberto
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 7, dall'itinerario 12.
Itinerario.
Iniziamo dalla piazza di Sant´Alberto prendendo la strada asfaltata che scende, verso est, in Fontanabuona.
Dopo alcuni tornanti prendiamo una strada che va a destra (Via della Resa; km 1,2; lapide). La strada è larga e facile ed attraversa con scarsa pendenza tutto il versante della montagna ed infine sale ad un incrocio (loc. Sanguinara; km 3).
Proseguiamo sulla strada asfaltata principale. A due incroci prendiamo sempre la strada in discesa a destra e raggiungiamo rapidamente le case di Pannesi. Costeggiamo un parcheggio e confluiamo sulla viabilità principale (km 4,9).
La strada a sinistra scende in Fontanabuona e a destra sale a Uscio. Immediatamente prima di questa strada vediamo un'altra strada, asfaltata ma minore, che sale a destra, parallela alla prima e a monte di questa.
La prendiamo e cominciamo a salire. La strada diviene sale con pendenza mediamente sostenuta fino a raggiungere il crinale (km 6,2) dove incontra la strada del monte Fasce ad un centinaio di metri dalle Case Cornua.
Svoltiamo a sinistra in discesa. Lasciamo a destra i sentieri per Sori (itinerari 2 e 3 del Golfo Paradiso) e proseguiamo sull´asfalto. Facciamo attenzione a sinistra. Quando vediamo il segnavia bianco-rosso ISC che scende (km 7,1) lasciamo la strada e scendiamo sul sentiero con segnavia.
Ci troviamo su una mulattiera molto dissestata che, poco dopo, raggiunge una cappelletta dove il fondo diventa buono.
Usciamo sulla strada asfaltata (km 7,5) che attraversiamo proseguendo dall'altra parte nella crosa scalinata che scende alle case di Calcinara e raggiungiamo la chiesa (km 7,7).
Scendiamo a sinistra della chiesa, usciamo sulla strada provinciale e la seguiamo a destra. Dopo meno di 200 metri saliamo a sinistra una scala che poi diventa sentiero ciclabile. Il tratto pianeggiante termina con una ripida discesa che ci porta sull'asfalto (km 8,2).
Svoltiamo a sinistra e seguiamo l'asfalto. Dopo pochi metri svoltiamo a sinistra e raggiungiamo il Colle Caprile.
Percorriamo meno di 100 metri e svoltiamo a destra. Saliamo una ripida rampa di cemento (segnavia FIE r23) che ci porta ad un bivio dove proseguiamo diritti. Con salita meno faticosa ma non sempre ciclabile attraversiamo il versante meridionale della montagna fino ad un bivio (km 9,2) dove abbandoniamo la stradina per salire a sinistra seguendo il segnavia, con pochi metri non ciclabili, alla Sella di Monte Rosso, nei pressi di un rudere.
Continuiamo sul sentiero che prosegue sul versante settentrionale. Superiamo una spalla (Costa di monte Rosso; km 9,7) e scendiamo alle vecchie cave (cave di monte Rosso; km 9,9). Il percorso è ciclabile tranne qualche passaggio.
Arriviamo al Passo delle Pozzette (km 10,2) che attraversiamo a destra per trovare una più facile mulattiera che seguiamo a sinistra scendendo nei pressi di una cava.
Saliamo a sinistra una ripida rampa, poi andiamo a destra seguendo i segnavia e riprendiamo ad attraversare, sempre sul versante nord.
Raggiungiamo il Passo Castello Vecchio (km 10,7) e poi il Passo dei Casetti (km 10,9; a destra variante 9.1). Non attraversiamo il valico ma scendiamo a sinistra allontanandoci dal crinale.
La mulattiera con buon fondo scende e si allarga per diventare una stradina forestale (km 11,2).
Seguiamo la stradina in discesa per 300 metri e troviamo un bivio dove svoltiamo a destra, in salita e seguendo i numerosi segnavia (a sinistra variante 9.2). La strada scende alle cave Fighetti (km 11,7) e prosegue poi in condizioni un po' peggiori.
Con lungo percorso in prevalente discesa arriviamo alle case in località Crocetta dove incontriamo il segnavia 2G (km 13).
Svoltiamo a sinistra e subito a destra prendendo un largo sentiero erboso. Raggiungiamo una stradina asfaltata che attraversiamo continuando la discesa su una lunga scala.
Al termine (km 13,3) siamo tra le prime case; andiamo a destra, scendiamo una scaletta, seguiamo ancora a destra il percorso pedonale e scendiamo al Municipio di Tribogna (km 13,4).
A fianco della casa municipale scende una scalinata coi segnavia. Scendiamo con difficoltà i primi metri, prima seguendo la scala, poi costeggiando la fognatura. Questo tratto termina per lasciare il posto ad una bella mulattiera selciata con lunghi scalini che scende a tornanti.
Cercando di sopravvivere sulle pietre scivolosissime arriviamo ad un ruscello e proseguiamo più facilmente fino al ponte che attraversa il torrente Lavagna (km 14,4). Saliamo alla vicina strada della Fontanabuona (km 14,5). Siamo a Terrarossa, frazione di Moconesi.
Dislivello: -850 m; +350 m.
Ciclabilità: 97%.
Asfalto: 50%
Osservazioni: La strada della Tecosa è ora completamente asfaltata. E' consigliabile evitarla e partire direttamente da Pannesi.
Variante 9.1: Dal Passo dei Casetti svoltiamo a destra, passiamo sotto al ponticello e costeggiamo un rudimentale altare. Siamo su una mulattiera che scende ripida, caratterizzata dal segnavia FIE r23. Incontriamo una casa dove andiamo a sinistra per poi riprendere a destra la discesa. Con qualche ripido tornante perdiamo quota ed usciamo sulla strada che collega Uscio alla colonia Arnaldi (km 0,5). Utile per la traversata di crinale che di qui prosegue verso Ruta.
Variante 9.2: Lasciamo a destra la salita per cave Fighetti e scendiamo sulla mulattiera che si presenta piuttosto dissestata ma non ripida. Perdiamo quota con alcuni tornanti costeggiando i pozzi di alcune cave e usciamo sulla strada (km 1,5) che collega Tribogna con Gattorna. Tribogna è 1,3 km a destra.


mappa  gps

Descent from Sant'Alberto to Terrarossa

Updating:
2/2004
Start point: St. Alberto
How to arrive: The village is reached by the itinerary 7 and by the itinerary 12.
Itinerary.
We begin from the square of Sant'Alberto taking the tarmac road that goes down, toward east, in Fontanabuona.
After some hairpin bends we take a dirt road that goes to the right (km 1,2; plaque). The road is wide and easy and crosses with scarce inclination the whole side of the mountain and finally climbs to an intersection (loc. Sanguinara; km 3,2).
We continue on the main tarmac road. At two intersections we always take the road in descent and we quickly reach the houses of Pannesi. We skirt along a parking lot and we meet the main road (km 5,2).
To the left the road goes down in Fontanabuona and to the right Uscio climbs. Immediately before this road we see another road, asphalted but smaller, that climbs to the right, parallel to the first one and above this.
We take it and we start to climb. The road climbs with middly sustained inclination up to reach the ridge (km 6,5) where meets the road of mount Fasce to hundred meters from the Houses Cornua.
We turn to the left in descent. We leave to the right the paths for Sori (itineraries 2 and 3 of the Gulf Heaven) and we continue on the asphalt. We watch out to the left. When we see the white-red trail sign ISC that goes down (km 7,5) we leave the road and we go down on the path with trail sign.
We find us on a lot of rough mule-track that, shortly after, it reaches a chapel, where the ground becomes good.
We go out on the tarmac road that we cross continuing on the other side on the mule-track that goes down to the houses of Calcinara and we reaches the church (km 8,2).
We go down behind the church and we follow to the right the main road. Later around 200 meters climb to the left a staircase that it becomes cycle path. The level stretch finishes with a steep descent that leads us to Caprile Pass (km 8,8).
We turn to the left, we cross less than 100 meters and we turn to the right. Climb a steep ramp of concrete that leads us to a fork where we continue straight on. With less fatiguing ascent but not always cycle we cross the southern side of the mountain up to a fork (km 9,6) where we leave the narrow road to climb to the left, with few non cycle meters, to the Saddle of Red Mountain, near a ruin.
We continue on the path that continues on the northern side. We get over a shoulder and we go down to the slate quarries (km 10,4). The run is cycle except some passage.
We reach the pass of the Pozzette (km 10,7) where it is worthwhile to abandon the path and cross to the right the pass to find an easier mule-track that we follow to the left going down near a quarry.
We climb to the left then go to the right following the trail signs, and we take again to cross, always on the north side.
We reach the pass Old Castle and then the pass of the Casetti (km 11,4; to the right varying 9.1). We go down to the left estranging us from the ridge.
The mule-track on good ground goes down and meets a narrow forest road (km 11,6).
We follow the narrow road in descent for 300 meters and we find a fork where we turn to the right, in ascent and following the numerous trail signs (to the left varying 9.2). The road goes down to the quarry Fighetti and continues then little worse.
With long run in prevailing descent we arrive to the houses in the place Crocetta where we meet the trail sign 2G (km 13,5).
We turn to the left and immediately to the right taking a path. We manage following the system of signs among mule-tracks, roads and staircases and we reach the town hall of Tribogna (km 13,9).
Beside the town house a stairway goes down with the trail signs. We go down with difficulty the first meters, first following the staircase, then skirting the sewerage. This stretch finishes to leave the place to a beautiful paved mule-track with long stairs that it goes down on hairpin bends.
Trying to survive on the slippery stones we arrive to a brook and we continue more easily up to the bridge that crosses the stream Lavagna (km 14,9). Climb therefore to the near road of the Fontanabuona (km 15). We are to Terrarossa, hamlet of Moconesi.
Gradient: in descent 750 ms; in ascent 350 ms.
Rideable: 95%.
Tarmac: 50%
Observations:
Varying 9.1: From the Pass of the Casetti we turn to the right, we pass under the bridge and skirt a rudimentary altar. We are on a mule-track that it goes down steep, characterized by the trail sign FIE r23. We meet a house where we go to the left then to take to the right the descent. With some steep hairpin bends we lose height and we go out on the road that links Uscio to the colony Arnaldi (km 0,5). Useful to cross the ridge that from here it continues toward Ruta.
Varying 9.2: We leave to the right the ascent for quarry Fighetti and we go down on the mule-track that is rather rough but not steep. We lose height with some hairpin bends skirting the wells of some quarries and we go out on the road (km 1,5) that it links Tribogna with Gattorna. Tribogna is to the right 1,3 kms.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.