Percorsi mtb nel finalese
Itinerario 61
Discesa dal Ciappo delle Conche a Feglino

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 11/2017 connessione
Partenza: Ciappo delle Conche
Come arrivare: La lastra di roccia è raggiunta dall'itinerario 13 e dall'itinerario 16.
Itinerario.
Usciamo dalla lastra di roccia che costituisce il Ciappo foto prendendo il sentiero diretto a ovest e segnalato con r12 .
La discesa ci porta nel bosco, attraversiamo una zona pianeggiante e saliamo una parte rocciosa per raggiungere un poco avvertibile valico (km 0,4).
Attraversiamo la testata della Valunga con qualche saliscendi e saliamo a un altro valico (km 0,6) foto.
Proseguiamo coi saliscendi attraverso i boschi sempre rimanendo sul segnavia e sul sentiero principale e usciamo sulla placca di roccia del Ciappo dei Ceci (km 1,4) foto dove si aggiunge il segnavia r16 .
Scendiamo attraversando direttamente la lastra rocciosa e andiamo diritto a due bivi ravvicinati (km 1,5).
Andiamo diritto anche al bivio (km 1,6) dove scende l'itinerario 60 e saliamo allo slargo (km 1,9) dove lasciamo a sinistra il segnavia r16 e l'itinerario 15.
Dopo alcuni metri in discesa andiamo quasi in piano raggiungendo una strada sterrata (km 2,1) che seguiamo a destra.
La strada sale all'incrocio per Pratorotondo (km 2,3) e continuiamo a seguirla a destra. Dopo una parte in salita la strada scende (a destra breve alternativa sulla vecchia mulattiera) e diventa pianeggiante (km 2,5).
Dopo pochi metri lasciamo la strada e imbocchiamo a destra un sentiero in salita.
In breve la pendenza diminuisce e possiamo salire tranquillamente fino al punto più elevato (km 3).
In lieve discesa arriviamo a un valico con un quadrivio (km 3,1).
Il sentiero a sinistra sale alla cima del Pianarella, quello a destra porta al bordo della verticale parete con l'uscita delle vie del "Paretone" foto.
Andiamo diritti in discesa e arriviamo a un bivio (km 3,5) trenta metri prima di ritornare sullo stradone.
Prendiamo a destra il sentiero non molto visibile e scendiamo nel bosco. Il sentiero non è molto visibile in questa parte iniziale ma comunque lo è abbastanza da poter essere seguito senza problemi.
La discesa aumenta la sua pendenza mentre il sentiero si allarga a mulattiera che scende con bel percorso destreggiandosi tra pareti di roccia foto e gli alti muri di sostegno degli antichi terrazzamenti.
Si alternano piccole zone pianeggianti foto ad altre con tornanti fino al termine della discesa (km 4,8).
La mulattiera attraversa a destra in lieve salita prima di scendere e terminare sull'asfalto (km 5,2).
Svoltiamo a destra e seguiamo la strada fino a Feglino (km 7,8).
Dislivello: -340 m. e -160 m.
Ciclabilità: 99%
Asfalto: 35%
Osservazioni:

mappa  gps  slide


Updating:2017/11
Start point: Ciappo delle Conche
How to arrive: The rock slab is raggiunta by the itinerary 13 and by the itinerary 16.
Itinerary.
We exit the rock cliff that constitutes the Ciappo taking the straight path west and signaled with r12 .
The descent brings us to the woods, we cross a flat area and climb a rocky part to reach a little noticeable pass (km 0.4).
We cross the head of the Valunga with some ups and go to another pass (km 0.6).
We continue by climbing through the woods, always staying on the trail and on the main path and we go out on the rock plaque of Ciappo dei Ceci (km 1.4) where it adds the signpost r16 .
We go straight through the rocky cliff and go straight to two close fork (km 1.5). We go straight to the junction (km 1,6) where it goes down itinerary 60 and climb to the widening (km 1,9) where we leave the r16 and the route 15 to the left.
After a few meters downhill we go almost flat reaching a dirt road (km 2,1) that we follow to the right. The road rises at the intersection of Pratorotondo (km 2,3) and we continue to follow it on the right.
After a climbing part the road goes down (right short alternative on the old mule track) and becomes flat (km 2.5).
After a few meters we leave the road and turn right uphill. In short the slope decreases and we can safely climb to the highest point (km 3).
In a slight downhill we arrive at a pass with a crossorads (km 3,1).
The left path climbs to the top of the Pianarella, the one to the right leads to the edge of the vertical wall with the exit of the streets
We go downhill and come to a junction (km 3.5) thirty meters before returning to the dirt road. We take the not very visible path and go down to the woods.
The trail is not very visible in this beginning but it is enough to be followed without any problems.
The descent increases its steepness as the path widens to a mule track that descends with a beautiful path, menaging between rock walls and the high walls supporting the ancient terraces
Small flat areas alternate with bends up the end of the descent (km 4.8). The mule track goes right uphill before it goes down and ends on the asphalt (km 5,2). We turn right and follow the road to Feglino (km 7,8).
Difference in altitude: -340 m. and -160 m.
Cycle: 99%
Asphalt: 35%
Remarks:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.