Percorsi mtb nel finalese
Itinerario 58
Discesa dalla Base Nato a Mulino

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 3/2017 connessione
Partenza: Base Nato
Come arrivare: Le rovine della Base abbandonata sono raggiunte dall'itinerario 57, dall'itinerario 32 e da una strada asfaltata.
Itinerario.
Dalle rovine della Base scendiamo seguendo la strada asfaltata.
In corrispondenza dell'eliporto (km 0,1) andiamo a sinistra e attraversiamo il piazzale per imboccare il sentiero in discesa.
Dopo qualche metro lasciamo il "sentiero H" per svoltare a destra sul segnavia TA .
Percorriamo una piccola, vecchia pista forestale in lieve discesa. A un certo punto dobbiamo abbandonare la pista (km 0,5) per entrare nella foresta a destra.
Il bivio è invisibile ma segnalato da ometti e dai segnavia TA e AVphp sugli alberi.
Poichè non vi è sentiero dobbiamo scendere seguendo accuratamente i segnali, soprattutto nel caso, non infrequente, di nebbia.
Arriviamo su una pista forestale (km 1) e la seguiamo a sinistra fino a scendere sulla SP23 (km 1,4).
Seguiamo l'asfalto a destra per cinquanta metri e svoltiamo a sinistra.
Non prendiamo la strada diretta al vivaio forestale ma la traccia di sentiero che scende, attraversa il bosco e termina su una stradina che seguiamo a sinistra.
La strada scende ripida a una curva (km 1,7) dove la lasciamo per prendere a destra il sentierino che costeggia la recinzione di una sorgente.
Il sentiero sale non ciclabile prima di svoltare a sinistra e andare ad attraversare una frana (km 1,8).
Dopo l'ostacolo scendiamo qualche metro uscendo su una strada che seguiamo a destra raggiungendone un'altra maggiore (km 1,8).
Superiamo una presa d'acquedotto (km 2,3) ed effettuiamo qualche saliscendi raggiungendo infine l'ampia sterrata (km 2,8) percorsa dall'itinerario 5.
Saliamo a destra al bivio (km 3,2) che precede la salita alla Madonna della Neve e svoltiamo a sinistra.
Scendiamo a un altro incrocio e svoltiamo a sinistra. La strada scende e ne raggiunge un'altra (km 3,6) dove svoltiamo ancora a sinistra.
Troviamo ancora un incrocio (km 4,1) e andiamo a sinistra su una strada che che scende lungamente.
Incontriamo e trascuriamo il segnavia r33 proseguendo sulla strada.
In corrispondenza di un tornante (km 5,6) teniamo la destra e, dopo qualche metro, andiamo diritto.
La strada sale un poco e termina (km 6,2) sulla stradone proveniente dalla Casa del Mago.
Scendiamo sulla stradone fino al tornante (km 7,3) dove prendiamo a sinistra il sentiero segnalato r33 e utilizzato dall'itinerario 55.
Attraversato un ruscello la mulattiera scende a un bivio dove svoltiamo a destra (km 7,8)
La mulattiera termina sull'asfalto alle prime case di Cheirano (km 8) e la seguiamo a sinistra. Attraversiamo un ponte (km 8,6) e saliamo a un incrocio (km 9) dove svoltiamo a destra in una stretta strada.
Scendiamo alle case di Zenda e andiamo diritto trascurando i segnavia a destra.
La strada termina all'incrocio con la SP17 (km 9,5) che seguiamo a destra per venti metri.
Svoltiamo a destra in una stradina che scende tra le case prima di diventare una mulattiera che porta a un bivio (km 9,7) dove passa l'itinerario 56.
Svoltiamo a sinistra e raggiungiamo la case di Fugardi. A destra passiamo sotto a un voltino e ritroviamo la mulattiera che inizia presso il parcheggio (km 9,9).
La discesa ci porta a un bivio (km 10,1) dove andiamo a sinistra.
Presso alcune case la mulattiera si allarga a strada che lasciamo poco dopo per prendere la mulattiera che scende a sinistra.
Perdiamo quota con qualche tornante (attenzione a un punto esposto) e arriviamo sull'asfalto alle case di Mulino (km 10,5).
Dislivello: -940 m.
Ciclabilità: 99%
Asfalto: 12%
Osservazioni:

mappa  mappa  gps  foto  foto  foto  foto


Updating: 2017/03
Start point: Nato Base
How to arrive: The ruins of the abandoned Base are reached by the itinerary 57, by the itinerary 32 and by an aphalted road.
Itinerary.
From the ruins of the Base we go down following the asphalt road.
At the heliport (0.1 km) we turn left and cross the square to take the downhill path.
After a few meters we leave the "path H" to turn right on the TA trail.
We cross a small, old forest track goes slightly downhill. At some point we have to leave the track (0.5 km) to go into the forest on the right.
The junction it's invisible but marked by cairns and the trail marker TA and AVphp on the trees.
Because there isn't a path we have to follow accurately the signals, especially in the case, not infrequent, of fog.
We arrive on a forest track (1 km) and follow to the left it to go down on SP23 (1.4 km).
We follow the road to the right for fifty meters and turn left.
We do not take the route directed to the forest nursery but the path that goes down through the woods and ends on a road that we follow to the left.
The road descends steeply to a curve (km 1,7) where we leave it to take the right path that runs along the fence of a source.
The trail climbs not cycle before to turn left and go to cross a landslide (km 1.8).
After the obstacle we go down a few meters on a road that follow to the right to get to another one (1.8 km).
We pass an aqueduct intake (2.3 km) and cross some ups and downs, finally reaching the wide dirt road (km 2.8) used by the itinerary 5.
We climb to the right at the fork (3.2 km) above the ascent to the Madonna della Neve and turn left.
We go down to another junction and turn left. The road goes down and it reaches another fork (km 3,6) where we turn left again.
We still find an intersection (4.1 km) and go left on a road that longly descends.
We meet and we neglect the trail r33 continuing on the road.
At a bend (km 5.6) we stay right and, after a few meters, go straight.
The road climbs a little and ends (6.2 km) on the large road from the House of the Magician.
We go down the main road to the hairpin (7.3 km) where the path marked r33 and used by the itinerary 55 passes.
After crossing a creek the trail descends to a junction where we turn right (km 7.8)
The trail finishes on the asphalt at the first of Cheirano homes (8 km) and follow to the left the road. We cross a bridge (km 8.6) and go up to a junction (9 km) where we turn right into a narrow street.
We go down to Zenda houses and go straight neglecting the trail on the right.
The road ends at the junction with the SP17 (km 9,5) that we follow to the right for twenty meters.
We turn right into a small road that descends between the houses before becoming a mule track that leads to a fork (km 9,7) where it passes the itinerary 56.
We turn left and reach the Fugardi homes. On the right we pass under a small vault and find the trail that starts at the car park (9.9 km).
The descent leads us to a fork (km 10,1) where we go left.
At some houses the trail widens to road that we leave shortly after to take the trail that descends to the left.
We lose height with some hairpin (be attention to an exposed point) and we get on the asphalt at the Mill houses (km 10.5).


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.