Percorsi mtb nel finalese
Itinerario 57
Discesa da Colla San Giacomo a Calvi

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 2/2017 connessione
Partenza: Colla San Giacomo
Come arrivare: Il valico è raggiunto dall'itinerario 1, dall'itinerario 32, dall'itinerario 1, dall'itinerario 2, dall'itinerario 2, dall'itinerario 6.
Itinerario.
Dalla Colla seguiamo verso ovest la grande sterrata carrozzabile, in comune, tra l'altro, con l'itinerario 32.
Lasciamo a sinistra la Via Regina (km 1,3) e proseguiamo sulla carrozzabile fino al primo bivio. Qui (km 1,8) svoltiamo a destra prendendo una pista forestale.
Saliamo con qualche tornante con pendenza non eccessiva ma fondo non sempre scorrevole. Trascuriamo qualche stradina laterale e seguiamo la principale fino ad una piccola radura (km 3,5; Colla Cravarezza o Gavarezza) dove lasciamo la strada per svoltare a sinistra in un evidente sentiero.
Questo sentiero è molto utilizzato dai freeriders che lo percorrono al contrario e dobbiamo quindi fare molta attenzione.
Il sentiero attraversa il bosco, inizialmente con andamento pianeggiante e poi con qualche ripida ma breve salita. Superiamo un panoramico balcone roccioso (km 4,4) e raggiungiamo il dosso che domina le costruzioni dell'abbandonata base NATO.
Una rapida discesa costeggiando la recinzione ci porta ad una apertura della rete attraverso la quale entriamo nel piazzale (km 4,7; generatori eolici).
Attraversiamo la base e scendiamo seguendo la strada asfaltata.
In corrispondenza dell'eliporto (km 4,8) andiamo a sinistra e attraversiamo il piazzale per imboccare il sentiero in discesa.
Seguiamo il "sentiero H" un percorso DH molto veloce (ma possiamo anche andare piano: va bene lo stesso) che esce sulla grande sterrata (km 6,5).
Il sentiero DH prosegue ma noi svoltiamo a destra e seguiamo la sterrata andando in comune coll'itinerario 6.
Usciamo sulla SP23 (km 6,6) e la seguiamo a destra fino a un bivio (km 6,8) dove prendiamo la sterrata a sinistra.
Attraversiamo un rivo e scendiamo all'incrocio in località Benso (km 8,3) dove andiamo diritto seguendo il segnavia r33 .
La strada scende ripida confluendo in quella maggiore (km 8,8) percorsa dall'itinerario 56.
La strada scende al cimitero di Rialto dove diventa asfaltata (km 9,7) e la seguiamo superando la chiesa.
A un bivio (km 10,1) svoltiamo a sinistra e seguiamo una stradina per cinquanta metri.
Svoltiamo a destra nella mulattiera segnalata e scendiamo alla SP 17 (km 10,3) che seguiamo a sinistra per qualche metro.
Prendiamo la strada a destra e scendiamo al bivio (km 10,5) dove lasciamo a sinistra l'itinerario 56.
Saliamo all'ingresso di Zenda dove giriamo a sinistra (km 10,6) in una strada privata che scende ripida.
Lasciamo la strada (km 10,7) e ne imbocchiamo una minore a destra per raggiungere una baracca dopo la quale inizia un sentiero.
Raggiungiamo una mulattiera (km 10,9) e la seguiamo a sinistra scendendo a un ponte (km 11) sul rio Canterana.
La salita che segue è poco ciclabile anche perchè ingombrata da una frana.
Arriviamo alle prime case di Cheirano dove troviamo l'asfalto (km 11,3) che ci porta sulla strada principale.
Scendiamo alla chiesetta (km 11,4) dove svoltiamo a sinistra sulla mulattiera seguita dall'itinerario 55.
Con bel percorso tra gli ulivi la mulattiera scende sulla strada asfaltata (km 12,1) che seguiamo a sinistra giungendo alla piazza di Calvi (km 12,3).
Dislivello: -910 m. e +300 m.
Ciclabilità: 98%
Asfalto: 11%
Osservazioni:

mappa  mappa  gps  foto  foto  foto


Updating: 2017/02
Start point: St. Giacomo Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 1, by the itinerary 32, by the itinerary 1, by the itinerary 2, by the itinerary 2, by the itinerary 6.
Itinerary.
From the Pass we follow to west the big dirt carriage road, in common, by the way, with the Route 32.
We leave to the left the Via Regina (1.3 km) and continue on the road up to the first fork. Here (km 1,8) we turn right onto a forest track.
We climb with some hairpin with not excessive slope but not always smooth bottom. We neglect some side road and follow the main one to a small clearing (km 3.5; Cravarezza or Gavarezza Pass) where we leave the road and turn left onto a clear path.
This trail is very used by freeriders who cross it contrary and we must therefore be very careful.
The trail crosses the woods, initially with level ground and then with some steep but short climb. We pass a scenic rocky balcony (4.4 km) and reach the knoll overlooking the construction of the abandoned NATO base.
A rapid descent along the fence leads to a gap through which we enter the square (km 4.7; wind generators).
We cross the ruined Base and go down the paved road.
At the heliport (4.8 km) we turn left and cross the square to take the downhill path.
We follow the "path H" a DH path very fast (but we can also go slowly: that's okay anyway) coming out on the big dirt road (km 6.5).
The DH trail continues but we turn right and follow the dirt road going in common with the itinerary 6.
We go out on the SP23 (km 6.6) and follow to the right it up to a fork (km 6,8) where we take the dirt road on the left.
We cross a stream and go down to the intersection on place Benso (km 8,3) where we go stright following the trail sign r33 .
The road descends steeply flowing in that major (8.8 km) traveled by the itinerary 56.
The road goes down to the cemetery of Rialto where it becomes asphalted (km 9.7) and we follow it past the church.
At a crossroads (10.1 km) we turn left and follow a narrow road for fifty meters.
We turn right onto the mule track signposted and go down to the SP 17 (km 10,3) that we follow to the left for a few meters.
We take the road to the right and go down to the fork (km 10,5) where we leave left the itinerary 56.
We go up at the entrance of Zenda where we turn left (km 10.6) on a private road that descends steeply.
We leave the road (10.7 km) to take a minor one to the right to reach a hut after which begins a path.
We reach a mule track (km 10.9) and follow it to the left down to a bridge (km 11).
The climb that follows it's little cycle also because it's encumbered by a landslide.
We arrive at the first of Cheirano houses where find the asphalt (km 11.3) which leads us to a larger road.
We go down to the church (km 11,4) where turn left onto the trail followed by the itinerary 55.
With beautiful route among the olive trees the track leads down to the asphalt road (km 12,1) that we follow to the left and came to the square in Calvi (12.3 km).
Vertical drop: -910 m. and +300 m.
Ciclabilità: 98%
Asphalt: 11%
Comments:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.