Percorsi mtb nel finalese
Itinerario 52
Anello di Calice Ligure

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 12/2014 connessione
Partenza: Calice Ligure
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 37, dall'itinerario 38, dall'itinerario 39, dall'itinerario 54.
Itinerario.
Partiamo dal municipio e saliamo verso Carbuta. Al secondo bivio (km 0,2) svoltiamo a destra in via Alighieri e seguiamo la strada che sale asfaltata.
Al tornante (km 0,9) lasciamo la strada principale e prendiamo quella a destra con segnavia r3 . La strada termina a un cancello (km 1,4) e pochi metri prima prendiamo un'altra strada che sale ripida a sinistra per terminare a un altro cancello (km 1,5).
Imbocchiamo il buon sentiero che inizia a detra, sale inizialmente e prosegue piacevolmente nel bosco fino a terminare su una mulattiera acciottolata (km 1,7).
Lasciamo il segnavia e seguiamo la mulattiera verso destra. Con percorso agevole arriviamo sulla strada (km 2,2) percorsa dall'itinerario 51 e saliamo fino alla vecchia cava (km 3,3) dove lasciamo a destra il percorso 51.
Giriamo a sinistra per seguire il largo sentiero diretto verso le pareti. La salita è facile fino ai piedi della Placca Piotti dove inizia il terreno roccioso che costeggia le pareti e non è interamente ciclabile.
Arriviamo su un pulpito (km 3,8) dove il sentiero inizia a scendere nel bosco. Dopo una zona pianeggiante dobbiamo salire una rampa non ciclabile prima di scendere facilmente a un bivio (km 4,2) dove lasciamo a sinistra il segnavia vp diretto alla croce di vetta e prendiamo a destra il sentiero segnalato r28 .
La pendenza è progressivamente crescente e presto iniziano i primi passaggi su roccia. Superiamo una grotta (km 4,4) e scendiamo con molti passaggi a piedi per superare alti gradini rocciosi.
All'unico bivio (km 4,6) scendiamo a destra, ancora su terreno scosceso e difficile, e arriviamo alla strada asfaltata (km 1,7) che precede Montesordo e che è percorsa dall'itinerario 12 che ora seguiamo per un po'.
Seguendo il segnavia r10 imbocchiamo la stradina chiusa da una sbarra e saliamo alternando asfalto, cemento e sterrato.
Passiamo nei pressi delle case di Montesordo ed arriviamo ad un incrocio (km 5,4). Lasciamo a destra la stradina col segnavia, che va alle pareti di Montesordo e a Pian Marino col sentiero, e saliamo a sinistra.
Superiamo una cascina e scendiamo nel bel pianoro di Pianmarino (km 5,9) dove ritroviamo i segnavia e attraversiamo tutto il prato, evitando di schiacciare l'erba.
Quasi al termine del pianoro lasciamo a destra i segnavia ( r19 ; km 6) della variante 12.1.
Al termine del prato saliamo leggermente seguendo un largo sentiero (itinerario 1 al contrario) fino a un bivio (km 6,3) dove andiamo a sinistra.
Il sentiero sale con pendenza moderata ma con parti non ciclabili a causa dei massi. Superiamo alcune parti acciottolate e arriviamo all'incrocio con una strada sterrata (km 6,9).
Seguiamo la strada verso destra con percorso agevole fino a raggiungere la SP 27 di fronte alla chiesa di San Rocco (km 7,4).
Senza entrare sull'asfalto svoltiamo a sinistra e scendiamo a una grande area pic nic che attraversiamo uscendo in direzione sud. Seguiamo un comodo sentiero pianeggiante all'inizio.
Proseguiamo in discesa sul sentiero che si allarga con qualche tratto scavato dall'acqua. Il largo sentiero effettua un tornante e scende ad una radura (km 8,9). Svoltiamo a sinistra e scendiamo ripidamente su una pista forestale che termina a casa Gariglio (km 9,2).
Svoltiamo a sinistra e seguiamo la strada che diventa asfaltata e scende al tornante dove siamo passati (km 10,3) all'inizio del giro.
Seguiamo la strada a destra fin quasi alla chiesa e qui (km 10,7) prendiamo una crosa che scende alla chiesa e alla sottostante via Vecchia (km 10,8).
Giriamo a destra e scendiamo al centro di Calice Ligure (km 11).
Dislivello: ±500 m.
Ciclabilità: 94%
Asfalto: 28%
Osservazioni:

mappa  gps  foto  foto  foto  foto


Updating: 12/2014
Start point: Calice Ligure
How to arrive: The village is reached by the itinerary 37, by the itinerary 38, by the itinerary 39, by the itinerary 54.
Itinerary.
We depart from the town hall and go up toward Carbuta. At the second fork (km 0,2) we turn to the right at the street Alighieri and follow the road that climbs asphalted.
To the hairping bend (km 0,9) we leave the main road and take to the right that with trail sign r3 . The road finishes to a gate (km 1,4) and few meters first we take a road that climbs steep to the left to finish to another gate (km 1,5).
We take the good path that begins to the right, climbs initially and it pleasantly continues in the wood up to finish on a clattered mule-track (km 1,7).
We leave the trail sign and follow the mule-track toward right. With easy run we arrive on the road (km 2,2) crossed by the itinerary 51 and go up up to the old quarry (km 3,3) where we leave to the right the run 51.
We turn to the left to follow the wide path directed toward the walls. The slope is easy up to the feet of the Plate Piotti where the begins the rocky ground that skirts along the walls and it is only patly cycle.
We arrive on a pulpit (km 3,8) where the path begins to go down in the wood. After a level zone we have to climb a non cycle ramp before easily going down to a fork (km 4,2) where we leave to the left the trail sign vp direct to the cross on peak and we take to the right the path signalled r28 .
The inclination is progressively increasing and soon they begins the first passages on rock. We overcome a cave (km 4,4) and go down with many passages on foot to overcome high rocky steps.
To the only fork (km 4,6) we go down to the right, again on steep and difficult ground, and we arrive to the asphalted road (km 1,7) that it precedes Montesordo and that it's crossed by the itinerary 12 that now we follow for some.
Following the trail sign r10 we take the narrow road closed by a bar and climb alternating asphalt, concrete and unmetalled road.
We pass near the houses of Montesordo and arrive to an intersection (km 5,4). We leave to the right the narrow road with the trail sign, that goes to the walls of Montesordo and to Pian Marino on path, and we go to the left.
We overcome a farmhouse and go down on the beautiful plain of Pianmarino (km 5,9) where we find again the trail signs and we cross the whole lawn avoiding to crush the grass.
Almost at the end of the plain we leave to the right the trail signs ( r19 ; km 6) of the variation 12.1.
At the end of the lawn we slightly climb following a wide path (itinerary 1 contrarily) up to a fork (km 6,3) where we go to the left.
The path climbs with moderate inclination but with non cycle parts because of the rocks. We overcome some clattered parts and reach the intersection with a dirt road (km 6,9).
We follow the road toward right with easy run up to reach the SP 27 in front of the church of St. Rocco (km 7,4).
Without entering on the asphalt we turn to the left and go down to a great area picnic that we cross going out in south direction. We follow a comfortable path level to the beginning.
We continue in descent on the path that widens with some tract dug by the water. The wide path effects a hairping bend and goes down to a clearing (km 8,9). We turn to the left and steeply go down on a forest track that finishes to house Gariglio (km 9,2).
We turn to the left and follow the road that becomes asphalted and it goes down to the hairping bend where we are passed (km 10,3) to the beginning of the turn.
We follow to the right the road up almost to the church and here (km 10,7) we take a "crosa" that goes down to the church and the below Vecchia street (km 10,8).
We turn to the right and go down to the center of Calice Ligure (km 11).
Gradient: ±500 ms.
Cycle: 94%
Asphalt: 28%
Observations:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.