Percorsi mtb nel finalese
Itinerario 48
Salita da Mànie a Pra Antonio

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 12/2013 connessione
Partenza: Mànie, Arma
Come arrivare: La località è raggiunta dall'itinerario 7 e dall'itinerario 10.
Itinerario.
Partiamo dal parcheggio presso il ristorante Arma (costruito sopra l'Arma della Mànie) e seguiamo la stradina asfaltata verso sud.
Dopo la chiesa di San Giacomo (km 0,3) svoltiamo a sinistra entrando nella larga strada che passa presso un ristorante e prosegue sterrata fino a terminare sulla SP45 (km 1,2) di fronte al ristorante Ca' Ferrin.
Attraversiamo la strada ed entriamo nel cortile del ristorante seguendo le indicazioni per il campeggio Terre Rosse, ma lasciamo quasi subito la strada che sale per imboccare il percorso ciclo pedonale a sinistra.
Il sentiero sale costeggiando il prato. Dopo un tratto pianeggiante scendiamo qualche metro entrando (km 1,7) sulla grande sterrata di Capo Noli che seguiamo a sinistra.
Alla parte prevalentemente in leggera salita fa seguito una discesa. Immediatamente prima di raggiungere il punto più basso svoltiamo a sinistra (km 2,1) entrando in un sentiero.
Dopo qualche metro giriamo ancora a sinistra e saliamo incontrando qualche passo non ciclabile; stiamo seguendo al contrario il percorso 8 e il percorso 23. Il buon sentiero sale alternando parti più ripide e dissestate ad altre agevoli e pianeggianti e termina ad un bivio (km 2,8) dove proseguiamo diritti sulla strada sterrata.
Ad un bivio (km 3,1) deviamo a sinistra sul sentiero che, poco dopo, ritorna sulla strada. La ripida discesa ci porta ad un valico (km 3,7) dove svoltiamo a sinistra e scendiamo alla SP45 (km 3,8).
Svoltiamo a sinistra e seguiamo l'asfalto per circa cinquecento metri. In corrispondenza dell'inizio di una strada sterrata lasciamo l'asfalto e seguiamo lo sterro per quaranta metri.
Lasciamo la strada ed entriamo nel prato a destra. Attraversiamo il prato restando a sinistra e, in corrispondenza del primo terrazzamento, troviamo il sentiero che diventa largo e ben visibile.
Scendiamo costeggiando i prati finché entriamo nel bosco. Il sentiero diventa una mulattiera che scende ad un'area disboscata (km 4,7) dove siamo ostacolati dai rami giacenti al suolo.
Seguiamo la strada di servizio che scende rapidamente per terminare sulla strada di fondovalle (km 4,9) che seguiamo a sinistra percorrendo al contrario l'itinerario 8.
La strada attraversa i prati e sale, talvolta ripida e faticosa. Ad un bivio (km 5,6) teniamo la destra e saliamo fino a confluire nella strada maggiore (km 6,5) percorsa dall'itinerario 7.
Svoltiamo a destra e saliamo fino al prato dove la strada ha termine (km 6,9).
Dislivello: 300 m.
Ciclabilità: 98%
Asfalto: 11%
Osservazioni:

mappa  foto  foto  gps

Go up from Mànie to Pra Antonio

Updating: 12/2013
Start point: Mànie, Arma
How to arrive: The place (restaurant) is reached by the itinerary 7 and by the itinerary 10.
Itinerary.
We depart from the parking lot close to the restaurant Arma (built above the Arma of the Mànie) and we follow the narrow asphalted road toward south.
After the church of St. Giacomo (km 0,3) we turn to the left entering the wide road that passes near a restaurant and it continues unmetalled road up to finish on the SP45 (km 1,2) in front of the restaurant Ca' Ferrin.
We cross the road and we enter the courtyard of the restaurant following the indications for the camping Terre Rosse, but we almost immediately leave the road that climbs for taking to the left the pedestrian and cycle run.
The path climbs skirting along the lawn. After a level tract we go down some meter entering (km 1,7) on the great unmetalled road of Capo Noli that follow to the left.
To the part primarily in light slope it follows a descent. Immediately before reaching the lowest point we turn to the left (km 2,1) entering a path.
After some meter we turn to the left again and climb meeting some non cycle pass; we are following contrarily the run 8 and the run 23. The good path climbs alternating steep and ruined parts to others easy and level and it finishes to a fork (km 2,8) where we continue straight on the dirt road.
To a fork (km 3,1) we divert to the left on the path that, shortly after, it returns on the road. The steep descent brings us to a pass (km 3,7) where we turn to the left and go down to the SP45 (km 3,8).
We turn to the left and we follow the asphalt for around five hundred meters. In correspondence of the beginning of a dirt road we leave the asphalt and we follow the dig for forty meters.
We leave the road and we enter to the right the lawn. We cross the lawn staying to the left and, in correspondence of the first terrace, we find the path that becomes wide and well visible.
We go down skirting along the lawns up enter the wood. The path becomes a mule-track that goes down to a deforested area (km 4,7) where we are hindered by the pending branches to the ground.
We follow the road of service that quickly goes down for finishing on the road of thalweg (km 4,9) that we follow to the left crossing contrarily the itinerary 8.
The road crosses the lawns and climbs, sometimes steep and fatiguing. To a fork (km 5,6) we hold the right and we go up to meet in the most greater road (km 6,5) crossed by the itinerary 7.
We turn to the right and go up to the lawn where the road has term (km 6,9).
Gradient: 300 ms.
Cycle: 98%
Asphalt: 11%
Observations:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.