Percorsi mtb nel finalese
Itinerario 45
Discesa da Colla San Giacomo a Noli

Vai agli altri percorsi della zona


Aggiornamento: /2013 connessione
Punto di partenza: Colla San Giacomo
Come arrivare: Il valico è raggiunto dall'itinerario 1, dall'itinerario 32, dall'itinerario 1, dall'itinerario 2, dall'itinerario 2, dall'itinerario 6.
Itinerario.
Dalla Colla San Giacomo andiamo verso ovest e dopo 300 metri lasciamo lo stradone per imboccare una piccola pista forestale a sinistra (vedi variante 42.1; km 0,3).
Scendiamo senza difficoltà al un bivio (km 0,7) dove lasciamo a destra la variante e continuiamo a seguire la pista forestale che effettua una curva.
La pista scende nel bosco con scarsa pendenza e si allarga a strada. Attraversiamo il versante del monte incontrando qualche saliscendi nel superare i ruscelli ed arriviamo al bivio (km 1,3) col sentiero TA TA che proviene direttamente dalla Colla.
La strada continua a scendere e confluisce (km 1,6) nello stradone percorso dall'itinerario 2.
Seguiamo la strada a destra, superiamo le vicine rovine di casa Pra Martino e giungiamo all'incrocio (km 2,2) dove lasciamo a sinistra la strada percorsa dal sentiero TA.
In discesa arriviamo al bivio con un sentiero il cui inizio è molto poco visibile (km 2,8; siamo circa 50 metri prima del grande incrocio di cascina Bario). A sinistra imbocchiamo il sentiero ed iniziamo una discesa nel bosco.
Trascuriamo qualche traccia laterale e seguiamo la mulattiera. Dobbiamo aggirare due interruzioni provocate dagli alberi caduti (non le ho contate nella ciclabilità) e scendiamo ad un ruscello (km 3,9).
Attraversiamo con difficoltà una zona bagnata dalle sorgenti e franata e proseguiamo sulla mulattiera che arriva ad una presa dell'acquedotto (km 4,3) e diventa stradina.
Proseguiamo in prevalente discesa attraverso aree di vecchie coltivazioni e vigneti ed arriviamo ad una Cappella (km 5,4) dove seguiamo la strada a sinistra.
La strada diventa asfaltata entrando tra le case di Rovere Superiore (km 5,5) e termina all'incrocio con la SP8.
Svoltiamo a sinistra e saliamo a San Filippo (km 6). Costeggiamo le case e prendiamo a sinistra la strada che sale al cimitero.
Dopo il cimitero la strada diventa sterrata (km 6,1) e sale con un ripido e corto strappo.
Proseguiamo facilmente fino a raggiungere l'itinerario 47 che seguiamo.
Andiamo diritti e saliamo leggermente per guadare un ruscello. Proseguiamo con salita maggiore ma comunque moderata e continuiamo attraversando qualche ruscello.
In discesa passiamo nei pressi di un rudere ed arriviamo su una larga strada sterrata carrozzabile (km 8,1).
Giriamo a sinistra e saliamo seguendo lo stradone. Arriviamo ad un bivio (km 9,2) dove svoltiamo a destra e scendiamo.
La strada diventa asfaltata e seguiamo l'asfalto per pochi metri per girare a sinistra (km 10,1) al bivio entrando in una sterrata.
Dopo la costruzione di un acquedotto la strada procede con qualche saliscendi, incontra il percorso 44 e termina su un piazzale asfaltato (km 11,1).
Scendiamo velocemente fino ad uscire sulla SP8 (km 11,8) che seguiamo a destra.
Al bivio di Vezzi giriamo a sinistra ed andiamo ancora a sinistra al bivio seguente (km 13,4)
La Sp 54 raggiunge un bivio presso Voze (km 16,4). Giriamo a destra e saliamo sulla Sp 45 in direzione delle Mànie.
Al bivio della cava (km 17,1) giriamo a destra e saliamo al bivio dove svoltiamo a sinistra. Sul piazzale della vecchia cava incontriamo l'itinerario 8 e lo seguiamo a sinistra.
Seguiamo una pista forestale che sale leggermente. Con divertente saliscendi proseguiamo su un buon sentiero, superiamo una caratteristica roccia e giungiamo sulla SP 45 (km 17,5).
Al di là dellŽasfalto prendiamo un'ampia sterrata dove corre il percorso delle Terre Rosse. Avanziamo in ripida salita ed arriviamo sul crinale ad uno slargo pianeggiante da dove partono varie strade (km 17,7).
Andiamo diritto per qualche metro e svoltiamo a sinistra. La sterrata scende all'inizio di un sentiero (km 17,8) segnalato come Passeggiata Dantesca.
Lo prendiamo ed iniziamo una belle discesa, non facile. Superiamo un tratto roccioso a cui seguono discese ripide in un percorso tortuoso nel bosco. Cerchiamo di evitare un paio di scorciatoie e superiamo qualche tratto scalinato per raggiungere infine la strada asfaltata (km 18,7) utilizzata dall'itinerario 44.
Attraversiamo la strada per prendere il sentiero di fronte. La discesa è veloce e pulita e termina ad una casa. Proseguiamo sul sentiero che ora è pianeggiante ma un po' infrascato. Superiamo una breve salita e scendiamo facendo attenzione a qualche ostacolo tra l'erba alta.
Il sentiero diventa un viottolo in cemento che confluisce in una strada (km 19).
La strada lascia il posto ad un stretta e corta crosa che termina su una strada in cemento. Senza incertezze scendiamo seguendo sempre la strada fino ad un bivio poco visibile (km 19,5) dove prendiamo la crosa a destra.
Dopo qualche scalino la crosa prosegue facilmente. Ritorniamo sulla strada asfaltata che costeggia il rio Luminella e porta a Noli (km 20).
Attraversiamo la piazza e proseguiamo sulla strada che continua a fianco del ruscello fino alla cinta muraria del centro storico. Attraversiamo il centro e seguiamo la passeggiata a destra fino alla celebre chiesa di San Paragorio (km 20,8).
Dislivello: -1070 m.
Ciclabilità: 99%
Asfalto: 42%.
Osservazioni:


mappa  foto  gps

Descent from St. Giacomo Pass to Noli

Updating: 10/2013
Start point: St. Giacomo Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 1, by the itinerary 32, by the itinerary 1, by the itinerary 2, by the itinerary 2, by the itinerary 6.
Itinerary.
From the St. Giacomo Pass we go toward west and after 300 meters we leave the wide road to take to the left a small forest track (you see varying 42.1; km 0,3).
We go down without difficulty to the a fork (km 0,7) where we leave to the right the variation and we keep on following the forest track that effects a curve.
The track goes down in the wood with scarce inclination and widens to road. We cross the slope of the mountain meeting some ups and downs in to overcome the brooks and we reach the fork (km 1,3) with the path TA TA that directly comes from the Pass.
The road continues to go down and it meets (km 1,6) on the wide road crossed by the itinerary 2.
We follow to the right the road, we overcome the near ruins of house Pra Martino and we reach the intersection (km 2,2) where we leave to the left the road crossed by the path TA.
In descent we reach the fork with a path whose beginning is very little visible (km 2,8; we are around 50 meters before the great intersection of farmhose Barium). To the left we take the path and we begin a descent in the wood.
We neglect some side trace and we follow the mule-track. We have to revolve two interruptions provoked by the fallen trees (I have not counted it in the cycle) and we go down to a brook (km 3,9).
We cross with difficulty abathed by the sources and slipped zone and we continue on the mule-track that arrives to a taking of the aqueduct (km 4,3) and it becomes narrow road.
We continue in prevailing descent through areas of old cultivations and vineyards and we arrive to a Chapel (km 5,4) where we follow to the left the road.
The road becomes asphalted entering among the houses of Rovere Superiore (km 5,5) and it finishes to the intersection with the SP8.
We turn to the left and we go up to St. Phillip (km 6). We skirt along the houses and the road that climbs to the cemetery take to the left.
After the cemetery the road becomes an unmetalled one (km 6,1) and it climbs with a steep and short ramp.
We easily continue up to reach the itinerary 47 that we follow.
We go straight and we slightly climb for fording a brook. We continue with greater slope but however moderate and we continue crossing some brook.
In descent we pass near a ruin and we arrive on a wide road dirt carriage (km 8,1).
We turn to the left and we climb following the wide road. We arrive to a fork (km 9,2) where we turn to the right and we go down.
The road becomes asphalted and we follow the asphalt for few meters to turn to the left (km 10,1) to the fork entering an unmetalled road.
After the construction of an aqueduct the road proceeds with some ups and downs, it meets the run 44 and it finishes on an asphalted square (km 11,1).
We quickly go down to go out on the SP8 (km 11,8) that we follow to the right.
To the fork of Vezzi we turn to the left and we go to the left again to the following fork (km 13,4)
The Sp 54 reach a fork near Voze (km 16,4). We turn to the right and we go up on the Sp 45 in direction of the Mànie (it means witches).
To the fork of the quarry (km 17,1) we turn to the right and we go up to the fork where we turn to the left. On the square of the old quarry we meet the itinerary 8 and we follow to the left it.
We follow a forest track that slightly climbs. With amusing ups and downs we continue on a good path, we overcome a characteristic rock and we come on the SP 45 (km 17,5).
Beyond the tarmac we take an ample unmetalled road where it races the run of the Red Earths. We advance in steep slope and we arrive on the ridge to a level widening from where various roads depart (km 17,7).
We go straight for some meter and we turn to the left. The unmetalled road goes down to the beginning of a path (km 17,8) signalled as Passeggiata Dantesca.
We take it and we begin a beautiful descent, not easy. We overcome a rocky tract to which follow steep descents in a tortuous run in the wood. We try to avoid a pair of shortcuts and we overcome some tract starways to finally reach the asphalted road (km 18,7) used by the itinerary 44.
We cross the road to take the opposite path. The descent is fast and clean and it finishes to a house. We continue on the path whiche is now flat but some obstructed by bush. We overcome a short slope and we go down watching out for some obstacle among the high grass.
The run becomes a concrete path that meets in a road (km 19).
The road leaves the place to a narrow and short "crosa" that finishes on a concrete road. Without uncertainties we go down always following the road to a little visible fork (km 19,5) where we take to the right the crosa.
After some stair the crosa easily continues. We return on the asphalted road that it skirts along the brook Luminella and leads to Noli (km 20).
We cross the square and we continue on the road that continues beside the brook up to the surrounded building of the historical center. We cross the center and we follow to the right the walk up to the famous church of St. Paragorio (km 20,8).
Gradient: -1070 ms.
Cycle: 99%
Asphalt: 42%.
Observations:

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.