Percorsi mtb nel finalese
Itinerario 34
Discesa dalle Manie a Varigotti, 6

Vai agli altri percorsi della zona


Aggiornamento: 3/2010 connessione
Partenza: Mànie, Ca´ Ferrin
Come arrivare: Il ristorante è raggiunto dall'itinerario 7.
Itinerario.
Partiamo da Ca' Ferrin ed andiamo in direzione nord-est, verso Voze e Spotorno, seguendo la strada provinciale e l'itinerario 23.
Superato il valico scendiamo per un centinaio di metri e svoltiamo a destra (km 1,1) nella sterrata che sale a raggiungere un colletto. Siamo sul percorso detto delle "Terre Rosse".
Al colletto svoltiamo a destra. Superiamo 300 metri di ripide rampe e raggiungiamo uno slargo. Lasciamo la sterrata e svoltiamo a sinistra imboccando un sentiero in discesa.
E' un largo sentiero che taglia il versante meridionale del monte. Alla prima parte in discesa seguono alcune salite con qualche passo non ciclabile.
Il sentiero termina sulla sterrata che avevamo abbandonato (km 2,1) nel punto in cui essa si divide. Prendiamo il sentiero a destra che sale per superare un cocuzzolo.
La discesa che segue è un bel tracciato nel bosco, con tornanti arrotondati dalle paraboliche. Raggiungiamo un incrocio (km 3) a duecento metri da Ca' Ferrin, raggiungibile andando diritti.
Svoltiamo invece a sinistra e seguiamo il largo sentiero che costeggia i prati. Attraversiamo l'ultimo prato ed usciamo (km 3,3) sullo stradone sterrato diretto a Capo Noli.
Seguiamo a sinistra lo sterrato. Dopo la moderata salita scendiamo all'incrocio nei pressi della vigna dove ritroviamo il sentiero che arriva dalle Terre Rosse.
Qui (km 3,9) prendiamo a destra l'ampio sentiero con segnavia FIE r11 e r23. Al primo bivio (km 4,2) svoltiamo a destra.
Il sentiero scende piuttosto dissestato, effettua alcuni saliscendi e guadagna un cocuzzolo con vasca antincendio.
In ripida discesa incontriamo alcuni falsi bivi e giungiamo ad un bivio vero (km 5,3) dove svoltiamo a destra, abbandonando l'itinerario 23, per seguire un sentiero pianeggiante che termina sulla strada asfaltata (km 5,5).
Svoltiamo a destra ma lasciamo la strada dopo qualche decina di metri per prendere a sinistra una stradina che scende e diventa sterrata.
La stradina corre tortuosamente tra le coltivazioni ed ai numerosi bivi restiamo sempre sul percorso maggiore.
Usciamo su una strada asfaltata (km 6) che seguiamo a sinistra per cinquanta metri. Prendiamo a destra un ampio sentiero che sale costeggiando una recinzione e termina all'incrocio tra via Isasco e Sp 45 (km 6,4).
Svoltiamo a sinistra e seguiamo la provinciale fino alla curva (km 6,6). Svoltiamo a sinistra nella stradina sterrata che porta all'ingresso di un camping (segnavia FIE r3).
Dopo pochi metri lasciamo un sentiero a sinistra (porta all'incrocio via Isasco/SP) e proseguiamo in moderata discesa.
Ad un bivio (km 7) teniamo la destra e poi la sinistra dopo pochi metri. Saliamo per attraversare un'altura e scendiamo rapidamente confluendo (km 7,4) in un sentiero largo che costeggia un giardino. Andiamo a destra ed usciamo sulla vicina strada asfaltata.
Svoltiamo a sinistra, percorriamo venti metri e prendiamo a destra una mulattiera.
Con percorso lastricato scendiamo facilmente e giungiamo ad attraversare (km 7,6) una stradina chiusa da due cancelli.
Pochi metri dopo aver superato il passaggio tra i due cancelli incontriamo un bivio dove svoltiamo a destra seguendo il segnavia r3 .
Il sentiero diventa subito impegnativo perchè è ripido con qualche scalino. Dopo una curva a sinistra il sentiero imbocca una cengia al di sopra di una parete verticale e diventa pericoloso anche se il salto è in parte protetto dalla vegetazione.
Superiamo a piedi le parti più difficili o ripide perchè non è assolutamente il caso di rischiare una caduta. Entriamo su una mulattiera più larga che scende rapidamente alla strada di Isasco (km 8,5).
Scendiamo a destra fino al vicino bivio dove svoltiamo a sinistra per imboccare la larga mulattiera acciottolata. Superiamo il punto più basso a saliamo al bel nucleo compatto delle case di Pino (km 8,8).
Attraversiamo il paese e continuiamo la discesa sulla larga mulattiera che termina sull'asfalto (km 9,1). Svoltiamo a sinistra e scendiamo a Varigotti (km 9,3).
Dislivello: 180 m. e -480 m.
Ciclabilità: 99%
Asfalto: 19%
Osservazioni:


 mappa  gps  foto  foto  foto  foto

Descent from Manie to Varigotti

Updating: 3/2010
Start point: Mànie, Ca´ Ferrin
How to arrive: The restaurant is reached by the itinerary 7.
Itinerary.
We depart from Ca' Ferrin and we go to direction northeast, toward Voze and Spotorno, following the provincial road and the itinerary 23.
Overcome the pass we go down for hundred meters and we turn to the right (km 1,1) in the unsurfaced road that climbs to reach a pass. We are on the run said of the "Red Earths."
To the pass we turn to the right. We overcome 300 meters steep ramps and we reach a widening. We leave the unsurfaced road and we turn to the left taking a path in descent.
It's a wide path that cuts the southern slope of the mountain. To the first part in descent they follow some ascents with some non cycle pass.
The path finishes on the unsurfaced road that we had given up (km 2,1) in the point in which it divides its. We take to the right the path that climb to overcome a summit.
The descent that follows is a beautiful layout in the wood, with switcbacks rounded off by the parabolic curves. We reach an intersection (km 3) two hundred meters away from Ca' Ferrin, attainable going straight.
We turn to the left instead and we follow the wide path that skirts the lawns. We cross the last lawn and we go out (km 3,3) on the wide road direct to Capo Noli.
We follow to the left the dirty road. After the moderate ascent we go down to the intersection near the vineyard where we find again the path that arrives from the Red Earths.
Here (km 3,9) we take to the right the ample path with trail sign FIE r11 and r23. To the first fork (km 4,2) we turn to the right.
The path goes down rather ruined, it effects some ups and downs and it gains a summit.
In steep descent we meet some false forks and we come to a true fork (km 5,3) where we turn to the right, giving up the itinerary 23, to follow a level path that finishes on the asphalted road (km 5,5).
We turn to the right but we leave the road after some about ten meters to take to the left a narrow road that goes down and it becomes unmetalled.
The narrow road windingly races among the cultivations and to the numerous forks we always stay on the most greater run.
We go out on an asphalted road (km 6) that we follow to the left for fifty meters. Here we take to the right an ample path that climbs skirting an enclosure and it finishes to the intersection among street Isasco and Sp 45 (km 6,4).
We turn to the left and we follow the provincial road up to the curve (km 6,6). We turn to the left in the unmetalled narrow road that brings to the entry of a camping (trail sign FIE r3).
After few meters we leave to the left a path (it brings to the intersection Isasco/SP) and we continue in moderate descent.
To a fork (km 7) we hold the right and then the left after few meters. We climb to cross a high ground and we quickly go down meeting (km 7,4) in a wide path that skirts a garden. We go to the right and we go out on the near asphalted road.
We turn to the left, we cross twenty meters and we take to the right a mule-track.
With paved run we easily go down and we come to cross (km 7,6) a narrow road closed by two gates.
A few meters after passing the passage between the two gates we meet a junction where we turn right following the trail sign r3 .
The path becomes immediately challenging because it is steep with some steps. After a curve on the left the path takes a ledge above a vertical wall and becomes dangerous even if the jump is partly protected by vegetation.
We overcome the most difficult or steep parts on foot because it is absolutely not necessary to risk a fall.
We enter a wider mule track that quickly descends to the Isasco road (km 8.5). We go down to the right up to the near fork where turn to the left to take the wide cobbled mule track.
We overcome the lowest point to go up to the beautiful compact core of the houses of Pino (km 8,8).
We cross the village and continue the descent on the wide mule track that ends on the asphalt (km 9,1). We turn to the left and go down to Varigotti (km 9.3).
Gradient: 200 ms. and -490 ms.
Cycle: 99%
Asphalt: 19%
Observations:



Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.