Percorsi mtb nel finalese
Itinerario 12
Pian Marino

Vai agli altri percorsi della zona


Aggiornamento: 3/2013 connessione
Partenza: Finalborgo
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 51, dall'itinerario 59.
Itinerario.
Dal centro di Final Borgo raggiungiamo Piazza del Tribunale ed affrontiamo la strada mattonata (indicazioni; FIE r10) che porta al castello San Giovanni, fortezza che domina l'abitato.
Proseguiamo oltre e raggiungiamo il termine della salita. Lasciamo in alto a sinistra Castel Gavone con la sua torre bugnata ed arriviamo alla chiesa di Perti (km 1,4).
Proseguiamo dritti su asfalto, in leggera discesa, poi in salita ed arriviamo al termine della strada (km 3,6). Qui andiamo a destra oltre una sbarra.
La strada sale alternando asfalto, cemento e sterrato.
Passiamo nei pressi delle case di Montesordo ed arriviamo ad un incrocio (km 4,1). Lasciamo a destra la stradina col segnavia, che va alle pareti di Montesordo e a Pian Marino col sentiero, e saliamo a sinistra.
Superiamo una cascina e scendiamo nel bel pianoro di Pianmarino (km 4,7). Attraversiamo tutto il prato, evitando di schiacciare l'erba.
Quasi al termine del pianoro lasciamo a destra i segnavia (r19) della variante 12.1.
Al termine del prato incontriamo un falso bivio (km 5,1) dove teniamo la destra e saliamo leggermente seguendo un largo sentiero (itinerario 1 al contrario).
Incontriamo un bivio (km 5,2) dove andiamo a destra, in discesa, seguendo il segnavia r19. Percorriamo 70 metri e troviamo un secondo bivio dove andiamo diritti (a destra scende la variante 12.3).
Il sentiero percorre il bosco con qualche saliscendi ed è quasi interamente pedalabile. Arriviamo al piccolo parcheggio sopra alle case di Cia (km 6,6).
Senza toccare l'asfalto scendiamo a destra ed incrociamo una stradina col fondo parzialmente in cemento. La seguiamo a destra, con discesa piuttosto ripida, fino ad un bivio (km 6,9).
Svoltiamo a sinistra (sempre segnavia r19) e scendiamo con ripidi tornanti su una larga mulattiera. La discesa termina su una strada sterrata (km 7,4) che seguiamo a sinistra.
Scendiamo costeggiando l'autostrada. Presso una trattoria la strada diviene asfaltata e la seguiamo senza possibilità di errore fino alle case di Feglino (km 8,1).
Dislivello: 340 m.
Ciclabilità: >99%.
Asfalto: 42%
Osservazioni:
Variante 12.1.
Quasi al termine del prato saliamo a destra seguendo una ripida stradina sconnessa ed impedalabile che conduce ad una vecchia cava (km 0,3). Svoltiamo a sinistra ed andiamo in salita costeggiando la parete della Rocca, poi scendiamo su sterrata sconnessa che termina sulla provinciale Final Borgo/Feglino. (km 2,2)
Variante 12.2.
Nella discesa da Pianmarino a Feglino percorrendo la variante 12.3, 200 metri dopo aver iniziato la discesa, troviamo un traliccio dell'ENEL.
Dopo 100 metri arriviamo ad un incrocio. Il percorso 12.3 svolta a sinistra e scende molto ripido mentre il sentiero di destra va in piano. Lo seguiamo e dopo 50 metri arriviamo sulla strada di cava percorsa dalla variante precedente seguendo la quale scendiamo alla provinciale.
Variante 12.3.
Al secondo bivio scendiamo a destra.
Segue un tratto ripido, difficile e dissestato dove dobbiamo superare anche una ripida placca di roccia.
Dopo un traliccio il sentiero (segni gialli ci aiutano nel tracciato) prosegue meno difficile fino ad un bivio. Lasciamo il sentiero che prosegue per raggiungere la vecchia strada di cava (variante 12.2) e scendiamo a sinistra. Incontriamo subito un altro bivio dove scendiamo ancora a sinistra.
Percorriamo una sorta di ripido canale non ciclabile. Al termine della discesa svoltiamo a destra e saliamo ad un piccolo valico.
Trascuriamo i segni gialli che salgono a sinistra e proseguiamo sul sentiero che scende ad un bivio dove svoltiamo a sinistra.
La discesa diviene ripida e porta ad una strada asfaltata.
La strada costeggia l´autostrada e porta a Feglino (km 2). Dicembre 2006.


 mappa  foto  foto  gps

Pian Marino

Updating: 3/2013
Start point: Finalborgo
How to arrive: The country is reached by the itinerary 51, by the itinerario 59Itinerary.
From the center of Final Borgo we reach Square of the Court and we face the paved road (indications; FIE r10) that it brings to the S. Giovanni castle, fortress that dominates the inhabited area.
We continue over and we reach the term of the ascent. We leave to the left Castel Gavone with it dog-tooth moulding tower and we arrive to the church of Perti (km 1,4).
We continue stright on asphalt, in light descent, then in ascent and we arrive at the end of the road (km 3,6). We go to the right here over a bar.
The road climbs alternating asphalt, cement and unsurface.
We pass near the houses of Montesordo and we arrive to an intersection (km 4,1). We leave to the right the narrow road with the trail sign, that goes to the walls of Montesordo and Pian Marino by the path, and we climb to the left.
We overcome a farmhouse and we go down in the beautiful plain of Pianmarino (km 4,7). We cross the whole lawn avoiding to crush the grass.
Almost at the end of the plain we leave to the right the trail signs (r19) of the variation 12.1.
At the end of the lawn we meet a false fork (km 5,1) where we hold the right and we slightly climb following a wide path (itinerary 1 contrarily).
We meet a fork (km 5,2) where we go to the right, in descent, following the trail sign r19. We cross 70 meters and we find a second fork where we go straight (to the right the variation 12.3 goes down).
The path crosses the wood with some ups and downs and is almost entirely cycle. We reach the small car park above to the houses of Cia (km 6,6).
Without touching the asphalt we go down to the right and we partially cross a narrow road with the bottom in cement. We follow to the right it, with rather steep descent, as far as a fork (km 6,9).
We turn to the left (always trail sign r19) and we go down with steep hairpin bend on a wide mule-track. The descent finishes on an unmetalled road (km 7,4) that we follow to the left.
We go down skirting the highway. Near a restaurant the road becomes asphalted and we follows it without possibility of error up to the houses of Feglino (km 8,1).
Gradient: 340 ms.
Cycle: >99%.
Asphalt: 42%
Observations:
Varying 12.1.
Almost at the end of the lawn we climb to the right following a steep disconnected narrow and no cycle road that leads to an old quarry (km 0,3). We turn to the left and we go to ascent skirting the wall of the Rocca, then we go down on rough unsurfaced road that finishes on the provincial road Final Borgo/Feglino (km 2,2).
Varying 12.2.
In the descent from Pianmarino to Feglino using the variation 12.3, 200 meters after having begun the descent, we find a pylon of the ENEL.
After 100 meters we arrive to an intersection. The run 12.3 turn to the left and it goes down very steep while the path of right goes in plain. Let's follow it and after 50 meters we arrive on the road of quarry crossed by the preceding variation following which we go down to the provincial road.
Varying 12.3.
To the second fork we go down to the right.
It follows a steep tract, difficult and ruined where we have to also overcome a steep plate of rock.
After a pylon the path (yellow signs help us in the layout) it continues less difficult to a fork. We leave the path that continues for reaching the old road of quarry (varying 12.2) and we go down to the left. We immediately meet another fork where we go down to the left again.
We cross a sort of steep non cycle channel. At the end of the descent we turn to the right and we climb to a small pass.
We neglect the yellow signs that climb to the left and we continue on the path that goes down to a fork where we turn to the left.
The descent becomes steep and leads to an asphalted road.
The road skirts the highway and leads to Feglino (km 2). December 2006.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.