Percorsi mtb nel finalese
Itinerario 07
Salita da Varigotti a Pra Antonio

Vai agli altri percorsi della zona


Aggiornamento: 11/2007 connessione
Partenza: Varigotti
Come arrivare:
Itinerario.
Dalla Chiesa di Varigotti andiamo verso Genova per circa 100 metri e svoltiamo in via Strada di Isasco.
Saliamo seguendo questa strada asfaltata che conduce ad uno spiazzo da dove prosegue ripida e con fondo in cemento.
In un tratto meno ripido lasciamo a destra la sterrata percorsa dall´itinerario 22. Superiamo un'altra rampa in cemento e poi la strada prosegue in leggera salita e termina all´incrocio con la strada principale (km 4,5).
Attraversiamo la strada, percorriamo a destra una decina di metri e prendiamo la sterrata che sale nel bosco a sinistra. La stradina sale ad un incrocio, dove andiamo diritti, e scende arrivando ad incrociare la Provinciale in corrispondenza del ristorante Ca' Ferrin (km 5).
Di fronte al ristorante scendiamo sull´ampia sterrata percorsa anche dalle auto e raggiungiamo la chiesetta di S. Giacomo (km 5,9). Seguiamo la strada asfaltata aggirando la chiesa ed arriviamo alle case di Arma (km 6,2).
Dalla spiazzo dopo la trattoria partono due strade: quella di sinistra scende in val Ponci (itinerario 10) noi prendiamo quella di destra, in salita.
La strada sale senza presentare difficoltà. Trascuriamo una stradina a sinistra e saliamo nel bosco. Ad un bivio andiamo diritti e poi saliamo qualche decina di metri un po' dissestati.
Arriviamo ad uno slargo dove lasciamo il sentiero pianeggiante e svoltiamo a sinistra (km 7,3). Una stradina forestale sale per superare il vicinissimo crinale e scende ripida fino ad incontrare un largo sentiero pianeggiante (km 7,5) dove svoltiamo a destra. Il largo sentiero inizialmente è facile poi si fa accidentato e costringe a qualche passaggio a piedi.
La discesa termina in fondovalle (km 8) confluendo con la sterrata percorsa dall´itinerario 8. Svoltiamo a destra e saliamo al piazzale dell'ex cava dove proseguiamo diritto per scendere alla strada Provinciale (km 8,6).
Scendiamo alle porte di Voze e svoltiamo a sinistra all´incrocio (km 9,3). Seguiamo la Provinciale per Magnone.
Prestiamo attenzione ad una strada che si dirige a sinistra con direzione quasi opposta a quella di provenienza. E' la strada per la chiesa e per il cimitero (segnavia FIE r30; km 12,3).
La seguiamo superando la chiesa e raggiungendo una cappella sulla sinistra (km 13,4; Colla di Magnone). A destra scende il sentiero (segnavia FIE r8) per la Val Ponci.
Proseguiamo invece diritti sulla strada che subito si sterra e termina ad un cancello. Qui svoltiamo a sinistra, in salita.
Seguiamo integralmente lo sterrato che termina sullo spiazzo detto Pra Antonio (km 15,6).
Dislivello: 550 m.
Ciclabilità: quasi 100%
Osservazioni:
Asfalto: 59%
Variante 7.1: molto consigliabile.
gennaio 2006. Al termine dell'ultima ripida rampa in cemento la strada continua a salire asfaltata. Quando a sinistra incontriamo una villa, con numero civico 8 (km 3,4 dall´inizio), svoltiamo a sinistra. Scendiamo su asfalto per pochi metri e poi seguiamo la stradina sterrata che costeggia vari casolari. Quando incontriamo una strada asfaltata (km 3,9) svoltiamo a sinistra, percorriamo qualche metro e saliamo a destra.
La mulattiera costeggia una recinzione e termina dove la strada asfaltata dell´itinerario principale incontra la provinciale delle Manie (km 4,25).
Proseguiamo sull´itinerario principale. E' leggermente più breve ed evita l´asfalto.


 mappa  foto  gps

Ascent Pra Antonio from Varigotti

Updating:
 2/2005
Start point: Varigotti
How to arrive:
Itinerary.
From Varigotti church we go toward Genova 100 ms and we turn at the street Road of Isasco.
We climb on this tarmac road that brings to a square from where it continues steep and with ground in concrete.
In a less steep stretch we leave to the right the dirt road crossed by the itinerary 22. Get over another ramp in concrete and then the road continues in light ascent and it finishes to the intersection with the main tarmac road (km 4,5).
We cross the road, go to the right about ten meters and we take the dirt road that climbs in the wood. The narrow road climbs to an intersection, where we go straight on, and then it goes down arriving to cross the Provincial road in correspondence of the restaurant Ca' Ferrin (km 5).
In front of the restaurant we go down on the ample dirt road also crossed by the cars and we reach the church of S. Giacomo (km 5,9). We follow the tarmac revolving the church and we arrive to the houses of Arma (km 6,2).
From the square after the restaurant two roads depart: that of left goes down in val Ponci (itinerary 10) we take that of right, in ascent.
The road climbs without difficulty. We neglect to the left a narrow road and climb in the wood. To a fork we go straight on and then climb some about ten meters a little ruined.
We arrive to a wide stretch where we leave the level path and we turn to the left (km 7,3). The path climbs to overcome the ridge and then to go down definite to meet a wide level path (km 7,5) where we turn to the right. The wide path is initially easy then it becomes uneven and it forces to some passage by foot.
The descent finishes in floor of the valley (km 8) meeting the dirt road crossed by the itinerary 8. We turn to the right and climb a square where we go down to the Provincial road (km 8,6).
We go down near Voze and we turn to the left at the intersection (km 9,3). We follow the Provincial road for Magnone
We look out to a road that directs to the left with almost opposite direction to that of origin. It's the road for the church and for the cemetery (km 12,3).
We follow it reaching a chapel on the left (km 13,4). To the right the path goes down (trail sign FIE r8) in Val Ponci.
We continue straight on the road that bocomes dirt and it finishes to a gate. We turn to the left here, in ascent.
We integrally follow a dirt road that it finishes to Pra Antonio (km 15,6).
Gradient:  550 m.
On saddle: 100%
Observations:  

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.