Percorsi mtb nella Valle Bormida
Itinerario 104
Traversata da Vetria a Pievetta

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 6/2018 connessione
Partenza: Vetria
Come arrivare: La frazione di Calizzano è raggiunta dall'itinerario 105.
Itinerario.
Dalla chiesa di Vetria seguiamo la strada asfaltata di fondovalle che costeggia il torrente.
Arrivati a un bivio (km 1) foto svoltiamo a destra nella strada forestale che sale moderatamente a uno slargo (km 1,1) dove la salita diventa dura.
Saliamo faticosamente scalando zone non ciclabili foto. Più in alto la pendenza si attenua e incontriamo zone pianeggianti e anche qualche lieve discesa.
Superando ancora qualche zona ripida arriviamo a un incrocio (km 4,4) dove incontriamo l'itinerario 19.
Svoltiamo a sinistra e seguiamo la larga strada forestale che ci porta a un bivio (km 4,8) foto.
Svoltiamo a destra e affrontiamo una salita ripida e poco ciclabile che termina a un colletto (km 5,2) foto dove lasciamo a destra il sentiero segnalato che sale al monte Sotta.
Proseguiamo in discesa tra radure e boschi e arriviamo a un incrocio (km 5,8) foto.
Svoltiamo a sinistra e scendiamo con percorso un po' dissestato a un altro incrocio (km 6,4) dove svoltiamo a destra.
Il sentiero comincia con andamento non difficile foto ma ben presto inizia a salire ripido e non ciclabile foto fino a raggiungere la cima di cocuzzolo (km 6,9).
Il sentiero scende con andamento agevole foto e raggiunge una strada sterrata (km 7,4) che seguiamo a sinistra.
A un bivio svoltiamo a destra (km 7,8) foto su una strada che scende, raggiunge una cascina dove si allarga e prosegue comoda.
Facciamo attenzione a un bivio quasi inavvertibile dove svoltiamo a destra foto (km 9,2) in una stretta pista forestale.
Scendiamo senza difficoltà fino alla confluenza su una strada maggiore (km 10,3) foto che seguiamo a sinistra fino a raggiungere l'asfalto e Pianchiosso (km 11,1) foto.
Immediatamente prima della chiesa svoltiamo a destra, attraversiamo il ponte sul Tanaro e raggiungiamo la SS28 (km 11,7).
Dislivello: -740 m. e +560 m.
Ciclabilità: 89%
Asfalto: 14%
Osservazioni:

mappa  gps

Updating: 2018/06
Start point: Vetria
How to arrive: The Calizzano hamlet is reached by the itinerary 105.
Itinerary.
From the church of Vetria we follow the asphalt road of the valley that runs along the stream. At a junction (km 1) we turn right into the forest road that climbs moderately to a clearing (1.1 km) where the climb becomes hard.
We go up hardly climbing non-cycling areas. Higher up the slope fades and we encounter flat areas and even some slight descent.
Going over some steep areas we arrive at an intersection (km 4.4) where we meet itinerary 19. We turn to the left and follow the wide forest road that brings us to a fork (km 4,8).
We turn to the right and face a steep and little cycle path that ends at a pass (km 5,2) where we leave to the right the marked path that goes up to Mount Sotta.
We continue downhill through clearings and woods and arrive at an intersection (km 5.8). We turn to the left and we go down with path a little uneven to another intersection (km 6,4) where we turn to the right.
The trail begins with a not difficult course but soon begins to climb steep and not cycle up to reach a summit (km 6,9).
The trail descends and reaches a dirt road (km 7,4) that we follow to the left.
At a junction we turn right (km 7,8) on a descending road, we reach a farmhouse where the road widens and continues comfortably.
We pay attention to an almost imperceptible junction where we turn right (km 9,2) into a narrow forest track.
We descend without difficulty to the confluence on a major road (km 10.3) that we follow to the left until we reach the asphalt and Pianchiosso (km 11.1).
Immediately before the church we turn right, cross the bridge over the Tanaro and reach the SS28 (km 11.7).
Difference in height: -740 m. and +560 m.
Cycle: 89%
Asphalt: 14%
Remarks:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.