Percorsi mtb nella Valle Bormida
Itinerario 96
Traversata da Bragno a Cairo Montenotte, 2

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 1/2016 connessione
Partenza: Bragno
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 89 e dall'itinerario 95.
Itinerario.
Dai campi sportivi di Bragno andiamo verso Ferrania e giriamo a sinistra in via Maletto. Poco innanzi svoltiamo ancora a sinistra in via Fratelli Beretta che seguiamo evitando qualche strada laterale e rimanendo in piano a fianco del ruscello.
La strada diventa sterrata e porta a un bivio dove passa un metanodotto (km 1,2).
Giriamo a sinistra e arriviamo senza troppa fatica a un bivio (km 1,6) dove si inerpicano tre sentieri.
Prendiamo quello centrale e affrontiamo a piedi una ripida salita lungo le paline del metanodotto.
Superiamo il culmine della salita e scendiamo a un altro quadrivio dove arrivano anche i due sentieri che non abbiamo preso.
Proseguiamo diritto e arriviamo a un bivio dove andiamo a destra (km 1,9). Superiamo alcuni saliscendi e arriviamo (km 2,2) al grande quadrivio dove passano l'itinerario 91, l'itinerario 92 e l'itinerario 94.
In comune con l'itinerario 92 proseguiamo a destra in salita.
La pendenza aumenta e dobbiamo superare a piedi qualche tratto troppo ostico. Raggiungiamo una tagliata dove teniamo la sinistra al primo (km 3,3) incrocio e anche a quello seguente e vicino dove entriamo sull'itinerario 90.
La strada forestale sale a un bivio (km 3,5) dove prendiamo la strada a sinistra lasciando a destra l'itinerario 90.
La strada scende leggermente prima di salire a un incrocio (km 3,8) dove svoltiamo a destra per salire alla strada sul crinale (km 4) dove svoltiamo a sinistra.
Lasciamo a sinistra il prato con la variante e, in comune con l'itinerario 90 saliamo diritto. Alla sommità della salita (km 4,2) giriamo a sinistra e scendiamo costeggiando un prato fino a un bivio (km 4,3) dove andiamo diritto.
La salita ci riporta sulla sommità boscosa del Montegoso di cui lasciamo a sinistra l'insignificante cocuzzolo proseguendo fino al termine della strada (km 4,9) presso un traliccio.
A destra inizia una pista FR che è piuttosto difficile e richiede le opportune protezioni e bici idonee per essere percorsa anche se i passaggi più difficili possono essere evitati.
La discesa inizia con alcuni tornanti, piccole compressioni e un salto non aggirabile facilmente.
Attraversiamo una zona quasi pianeggiante dove il bosco è costellato di massi, riceviamo il sentiero della variante (km 5,2) e riprendiamo la discesa.
La pista entra ed esce da un canale dove passava una stradina forestale presso abbandonati basamenti di cemento.
Arriviamo a una sella dove stiamo a sinistra (km 5,4) e affrontiamo la parte più difficile costituita da scavalcamenti di un canale con ripidissime discese e successive compressioni che lanciano sulla sponda opposta (tutto questo è facilmente evitabile passando nel bosco a destra o a sinistra).
Con percorso più facile superiamo le rovine di una casa (km 5,7) a cui segue un'altra zona nervosa con piccoli saliscendi al cui termine scendiamo su mulattiera fino a una casa (km 6,2) dove inizia l'asfalto.
Seguiamo la stradina asfaltata che termina sulla strada di fondovalle (km 6,9) che seguiamo a sinistra. Saliamo al valico della Madonna del Bosco (km 7,2) e scendiamo a Cairo Montenotte (km 8,7).
Dislivello: ± 340 m.
Ciclabilità: 97%
Asfalto: 38%
Osservazioni:
Variante 96.1. Permette di evitare la prima parte della pista FR.
Arrivati sulla strada di crinale (km 4) giriamo a sinistra, percorriamo alcuni metri e giriamo a sinistra entrando in un prato.
Percorriamo un dual track che attraversa il prato in direzione delle rovine della Cascina Montegoso che raggiungiamo (km 0,2).
Proseguiamo oltre scendendo alla fine del prato. Entrati nel bosco troviamo la mulattiera che proveniva dalla cascina e la seguiamo a sinistra scendendo a un vicino bivio dove proseguiamo diritto, in moderata salita.
Arriviamo su un sentiero (km 0,5) dove svoltiamo a destra per attraversare il versante del Montegoso. Il sentiero termina all'incrocio con la mulattiera dove passa ora la pista FR dell'itinerario principale (km 0,8).

mappa  gps  foto  foto  foto  foto


Updating: 2016/1
Start point: Bragno
How to arrive: The village is reached by the itinerary 89 and by the itinerary 95.
Itinerary.
From the sporting fields of Bragno we go toward Ferrania and we turn to the left at the street Maletto. Soon after we turn again left on the street Brothers Beretta that we follow avoiding some side road and remaining in plain beside the brook.
The road becomes unmetalled road and leads to a fork where it passes a pipeline (km 1,2).
We turn to the left and arrive without too effort to a fork (km 1,6) where three paths climb.
We take that central and face a steep slope along the ranging rods of the pipeline on foot.
We overcome the peak of the slope and go down to another crossroads where they also arrive the two paths that we have not taken.
We continue straight on and reach a fork where we go to the right (km 1,9). We overcome some ups and downs and arrive (km 2,2) to the great crossroads where they pass the itinerary 91, the itinerary 92 and the itinerary 94.
In common with the itinerary 92 we continue to the right in slope.
The inclination increases and we has to overcome on foot some too much tiresome tract. We reach one wood cut where we keep left at the first one (km 3,3) intersection and also to that following and next where we enter on the itinerary 90.
The road forest climbs a fork (km 3,5) where we take to the left the road leaving to the right the itinerary 90.
The road slightly goes down before climbing to an intersection (km 3,8) where we turn to the right for climbing the road on the ridge (km 4) where we turn to the left.
We leave to the left the lawn with the variation and, in common with the itinerary 90, climb straight on. At the summit of the slope (km 4,2) we turn to the left and go down skirting along a lawn up to a fork (km 4,3) where we go straight on.
The slope brings us on the woody summit of the Montegoso of which we leave to the left the meaningless summit continuing up to the term of the road (km 4,9) near a pylon.
To the left it begins a FR track that is rather difficult and it asks for the opportune protection and suitable bike to be crossed even if the most difficult passages can be avoided.
The descent easily begins with some hairping bend, small compressions and a not avoidable jump.
We cross an almost level zone where the wood is studded of rocks, receive the path of the variation (km 5,2) and take again the descent.
The track it enters and it goes out of a ditch where it passed an old narrow forest road near left plinths of concrete.
We reach a saddle where stay to the left (km 5,4) and face the most difficult part constituted by climb over of a ditch with steep descents and following compressions that launch on the opposite bank (everything this is easily avoidable passing to the right or to the left in the wood).
With easier run we overcome the ruins of a house (km 5,7) to which follows another nervous zone with small ups and downs to whose term we go down on mule-track up to a house (km 6,2) where the asphalt begins.
We follow the narrow asphalted road that it finishes on the road of thalweg (km 6,9) that we follow to the left. We do up to the pass of the Madonna of the Wood (km 7,2) and go down to Cairo Montenotte (km 8,7).
Gradient: ± 340 ms.
Cycle: 97%
Asphalt: 38%
Observations:
Varying 96.1. It allows to avoid the first part of the track FR.
Arrived on the road on ridge (km 4) we turn to the left, we cross some meters and turn to the left again entering a lawn.
We cross a dual track that crosses the lawn in direction of the ruins of the Farmhouse Montegoso that we reach (km 0,2).
We continue over going down at the end of the lawn. Entered the wood we find the mule-track that originated from the farmhouse and we follow to the left it going down to a near fork where we continue straight on, in moderate slope.
We arrive on a path (km 0,5) where we turn to the right for crossing the slope of the Montegoso. The path finishes at the intersection with the mule-track where it now passes the track FR of the main itinerary (km 0,8).


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.