Percorsi mtb in Valle Bormida
Itinerario 70
Traversata da N. S. del Deserto a Millesimo

Vai a tutti i percorsi della zona


Aggiornamento: 4/2014 connessione
Partenza: Nostra Signora del Deserto
Come arrivare:
Itinerario.
Dal piazzale del Santuario raggiungiamo la strada asfaltata e la seguiamo a sinistra.
Saliamo fino a un bivio dove imbocchiamo il largo sentiero a sinistra (km 1).
Dopo un centinaio di metri il sentiero si restringe e proseguiamo con qualche difficoltà per scavalcare un crinale (km 1,3).
Il sentiero scende e termina (km 1,5) sulla mulattiera percorsa dall'itinerario 20 e dai segnavia BN e g19.
Svoltiamo a sinistra e saliamo ripidamente fino a guadagnare un bivio (km 2,1) presso un castagno.
La strada è ancora in salita per un lungo tratto, poi scende e raggiunge il bivio (km 2,9) da dove arriva l'itinerario 60.
Svoltiamo a destra e scendiamo al primo bivio (km 3,1). Lasciamo la strada principale e l'itinerario 60 per voltare a sinistra in una pista forestale.
Dopo la discesa iniziale saliamo a un bivio (km 3,4) dove proseguiamo a destra sulla strada principale che scende a incontrare una pista forestale maggiore (km 3,6).
Giriamo a sinistra e attraversiamo i boschi trascurando qualche laterale minore.
In discesa arriviamo a un bivio (km 4,1) dove svoltiamo a destra. Il percorso ora è completamente in discesa fino al termine del sentiero sulla grande sterrata (km 4,8) che collega Pianissolo e Camponuovo.
Seguiamo la strada verso sinistra per scendere ad attraversare un ruscello e salire a un grande incrocio (km 5,8).
Svoltiamo a sinistra e non prendiamo la prima strada che sale ma la seconda in lieve discesa.
La strada sale per la prima parte e poi scende passando presso la rovina di una grande casa.
Arriviamo a un bivio (km 6,7) e svoltiamo a destra.
Scendiamo a un bivio (km 7,2) presso un ruscello e svoltiamo a destra seguendo la larga strada fino al tornante (km 7,6).
Giriamo a sinistra imboccando una strada minore. La strada scende a attraversare un rio (km 8,2) e prosegue con qualche saliscendi. Trascuriamo le strade laterali e giungiamo a un incrocio (km 9,4) dove voltiamo a sinistra.
Restiamo su questa strada fino al suo termine (km 10) dove proseguiamo diritto su una mulattiera.
Dopo pochi metri pianeggianti la mulattiera scende ripida fino alla sponda del torrente Zemola e prosegue fin quasi a raggiungere due case (via di fuga qualora il guado sia impossibile).
Lasciamo in basso le due case seguendo il tratturo erboso a snistra.
Attraversiamo il prato e raggiungiamo il guado (km 10,8) del Rio Zemola.
Saliamo a piedi sull'altra riva e riprendiamo la mulattiera che scende seguendo la riva sinistra.
A un quadrivio (km 11,2) andiamo diritto, guadiamo un ruscello e teniamo la destra al vicino incrocio.
Ci troviamo su una larga sterrata che sale. Trascuriamo ogni strada laterale e superiamo il culmine (km 12,2).
Un veloce discesa ci porta su una grande strada asfaltata (km 12,5) che seguiamo a sinistra raggiungendo Strada, frazione di Roccavignale.
Scendiamo tra le case, superiamo una chiesa e attraversiamo la SP (km 13).
Imbocchiamo la strada di fronte che scende verso destra tra le case. Al primo bivio (km 13,1; attenzione perchè non è affatto evidente) giriamo a sinistra in una strada che esce dalle case e imbocchiamo la strada campestre a sinistra.
La strada scende tra i campi e supera alcuni rivoli d'acqua. Seguiamo sempre la strada principale, a volte segnalata con i segnavia di Black Horse, e segnata dagli zoccoli dei cavalli.
Una modesta salita tra i prati ci porta a superare un dosso (km 13,8) dove il sentiero torna ad allargarsi.
Superiamo qualche tratto fangoso e scendiamo a un incrocio (km 14,5) dove svoltiamo a destra.
Lo stradello scende e andiamo a sinistra al primo bivio (km 14,9) e a quello successivo (km 15,2).
Saliamo fino al crinale dove superiamo una cascina (km 15,5) e giriamo a sinistra.
Scendiamo su una larga sterrata che porta al grande centro ippico Black Horse (km 15,7; ristorante) e prosegua diventando asfaltata.
Scendiamo velocemente giungendo a un bivio (km 16,1).
Giriamo a sinistra e andiamo a un piazzale tra i capannoni della zona industriale (km 16,6). Scendiamo a destra e raggiungiamo la pista ciclabile che corre sulla riva sinistra del fiume Bormida.
Attraversiamo una larga strada (km 17,5) all'ingresso di Millesimo e proseguiamo sulla sponda del fiume fino a raggiungere l'ingresso del Ponte Vecchio (km 17,7).
Saliamo alcuni scalini ed entriamo sul ponte sospeso (una persona alla volta; controllate di essere soli perchè l'incrocio non è possibile) e lo attraversiamo arrivando sull'unica arcata rimasta del ponte storico.
Entriamo in paese e saliamo a Piazza Italia e al municipio (km 17,9).
Dislivello: -640 m. e 450 m.
Ciclabilità: 99%
Asfalto: 16%
Osservazioni:


 mappa  gps  foto  foto  foto  foto  foto


Updating: 4/2014
Start point: Our Lady of the Desert
How to arrive:
Itinerary.
From the square of the Sanctuary we reach the asphalted road and we follow to the left it.
We go up to a fork where we take to the left the wide path (km 1).
After hundred meters the path narrows and we continue with some difficulties to climb over a ridge (km 1,3).
The path goes down and finishes (km 1,5) on the mule-track crossed by the itinerary 20 and by the trail signs BN and g19.
We turn to the left and we steeply climb to gain a fork (km 2,1) near a chestnut tree.
The road is again in slope for a long tract, then it goes down and it reaches the fork (km 2,9) from where the itinerary 60 arrives.
We turn to the right and we go down to the first fork (km 3,1). We leave the main road and the itinerary 60 to turn to the left on a forest track.
After the initial descent we go up to a fork (km 3,4) where we continue to the right on the main road that goes down to meet a greater forest track (km 3,6).
We turn to the left and we cross the woods neglecting some side smaller roads.
In descent we reach a fork (km 4,1) where we turn to the right. The run is now completely in descent up to the term of the path on the great unmetalled road (km 4,8) that it links Pianissolo and Camponuovo.
We follow the road toward left to go down to cross a brook and to climb to a great intersection (km 5,8).
We turn to the left and don't take the first road that climbs but the second in light descent.
The road climbs for the first part and then it goes down passing near the ruin of a great house.
We reach a fork (km 6,7) and we turn to the right.
We go down to a fork (km 7,2) near a brook and we turn to the right following the wide road up to the hairpin bend (km 7,6).
We turn to the left taking a smaller road. The road goes down to cross a brook (km 8,2) and it continues with some ups and downs. We neglect the side roads and arrive an intersection (km 9,4) where we turn to the left.
We stay on this road up to its term (km 10) where we continue straight on a mule-track.
After few level meters the mule-track goes down steep up to the bank of the stream Zemola and it continues to almost reach two houses (escape if the ford is impassable).
We leave in low the two houses following the grassy left track.
We cross the lawn and we reach the ford (km 10,8) of the Rio Zemola.
We climb the other shore on foot and we take again the mule-track that goes down following the left shore.
To a crossroads (km 11,2) we go straight, we ford a brook and we hold the right to the near intersection.
We are on a wide unmetalled road that climbs. We neglect every side road and we overcome the peak (km 12,2).
A fast descent brings us on a great asphalted road (km 12,5) that we follow to the left reaching Strada, hamlet of Roccavignale.
We go down among the houses, we overcome a church and we cross the SP (km 13).
We take the opposite road that goes down toward right among the houses. At the first fork (km 13,1; attention because it is not quite evident) we turn to the left on a road that goes out of the houses and we takes to the left the rural road.
The road goes down among the fields and overcomes some rivulets of water. We always follow the main road, at times signalled with the trail signs of Black Horse, and marked by the clogs of the horses.
A modest slope among the lawns brings us to overcome a back (km 13,8) where the path returns to widen.
We overcome some muddy tract and go down to an intersection (km 14,5) where we turn to the right.
The narrow road goes down and we go to the left at the first fork (km 14,9) and to that followes (km 15,2).
We climb to the ridge where we overcome a farmhouse (km 15,5) and turn to the left.
We go down on a wide unmetalled road that brings to the great horse center Black Horse (km 15,7; restaurant) and continues becoming asphalted.
We quickly go down reaching a fork (km 16,1).
We turn to the left and go to a square among the sheds of the industrial zone (km 16,6). We go down to the right and we reach the cycle track that races on the left shore of the river Bormida.
We cross a wide road (km 17,5) to the entry of Millesimo and we continue on the bank of the river up to reach the entry of the Old Bridge (km 17,7).
We climb some stairs and enter on the suspended bridge (one person at a time; you check to be alone because the intersection is not possible) and we cross it arriving on the only arcade remained of the historical bridge.
We enter country and go up to Italy Square and the town hall (km 17,9).
Gradient: -640 ms. and 450 ms.
Cycle: 99%
Asphalt: 16%
Observations:


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.