Percorsi mtb nella Valle Bormida
Itinerario 63
Traversata da Saliceto a Cengio

Vai agli altri percorsi della zona


Aggiornamento: 4/2013
connessione Punto di partenza: Saliceto
Come arrivare:
Itinerario.
Partiamo dalla piazza del Municipio di Saliceto e seguiamo la strada interna (via Martini) in direzione est. Incrociamo via Moizo, dove troviamo il segnavia GTL AVbr (Grande Traversata delle Langhe che seguiremo a lungo) e segnavia dei Feudi Carretteschi, e la seguiamo a destra fino ad un incrocio (km 0,6).
Giriamo a sinistra ed imbocchiamo via Gaietta. Iniziamo una salita asfaltata che ci fa salire rapidamente con qualche tornante.
Dopo una cascina la strada prosegue sterrata (km 2,5) e sale con minore pendenza.
Superiamo un tabernacolo e ne raggiungiamo un secondo (km 3,1) costruito su una paretina rocciosa con immagini sacre ed un altare.
Poco dopo lasciamo la strada principale e prendiamo una strada minore a sinistra. La salita sale un ripido tratto lastricato e prosegue con pendenza moderata nel bosco.
Raggiungiamo un quadrivio (km 4,2) dove incontriamo il segnavia AVbr001 ("una montagna di amici") e seguiamo la strada maggiore che sale.
La strada confluisce in una strada asfaltata (km 4,9) che seguiamo a destra e saliamo ad una cascina (km 5,3) dove inizia lo sterrato.
Percorriamo il crinale fino al bivio (km 5,4) dove giriamo a destra lasciando il segnavia GTL.
Scendiamo leggermente, andiamo diritti ad un bivio (km 5,8) e percorriamo un crinale con salita lieve.
Ad un incrocio (km 6,2) lasciamo la strada principale ed imbocchiamo a destra una pista forestale non molto evidente su cui corrono i segnavia.
La pendenza della discesa aumenta progressivamente e la pista scende al punto più basso (km 6,8) dove inizia una moderata salita.
Dopo aver superato una spalla scendiamo velocemente ad un incrocio (km 7,1) dove andiamo a sinistra.
Superiamo un piccolo ricovero e scendiamo ad attraversare il rio Parasacco (km 7,8).
Dopo qualche saliscendi scendiamo ad un'ampia sella prativa (km 8,5), superiamo un tabernacolo ed entriamo sulla larga sterrata percorsa dall'itinerario 53.
Giriamo a destra e raggiungiamo il paese abbandonato di Montecerchio (km 8,6). Attraversiamo le case in rovina e proseguiamo con qualche saliscendi.
Superiamo una lapide partigiana (km 8,9) e scendiamo un tratto spesso bagnato. Proseguiamo in salita e costeggiamo un prato al cui termine (km 9,7) lasciamo la strada ed entriamo nel prato. All'inizio il sentiero è invisibile ma, dopo pochi metri, diventa una pista forestale. Incontriamo subito un bivio dove seguiamo la pista a sinistra.
Scendiamo rapidamente ad un'edicola (km 10,4) e giungiamo alle vicine rovine della grande cascina Suria.
Seguiamo la strada in discesa e giungiamo al primo guado del rio Parasacco (km 11,4).
Sull'altra sponda seguiamo a sinistra un'ampia sterrata che attraversa altre due volte il torrente (difficoltà solo in caso di forti piogge).
Dopo un ponte (km 12,8) incontriamo una zona di bouldering e proseguiamo sulla comoda strada che diventa asfaltata poco prima delle Case Rossi (km 13,3).
Seguiamo la strada trascurando i segnavia laterali ed attraversiamo i ponti sul Parasacco arrivando al parcheggio dell'area turistica (km 14) dove hanno inizio i segnavia 001, 002, 003.
Saliamo a Montaldo (km 14,9) dove svoltiamo a destra. Seguiamo la strada che scende a Cengio (km 16,2 al municipio).
Dislivello: 450 m. e -430 m.
Ciclabilità: 100%
Asfalto: 36%
Osservazioni:
Variante 63.1.
Al km 9,7 non entriamo nel pratoma proseguiamo sulla strada che scende ad un bivio dove si incrociano sette strade (km 0,9).
Prendiamo la strada a destra e scendiamo fino ad un prato (km 1,5). La strada diventa un sentiero che costeggia la parte superiore del prato. Dopo un tratto pianeggiante il sentiero sale ed esce sulla strada percorsa dall'itinerario principale (km 1,7).


 mappa  gps  foto  foto  foto  foto  foto

Crossing from Saliceto a Cengio

Updating:
4/2013
Start point: Saliceto
How to arrive:
Itinerary.
We depart from the square of the Town hall of Saliceto and we follow the inside road (street Martini) to east direction. We cross street Moizo, where we find the trail sign GTL AVbr (Great Crossing of the Langhe that we will follow for a long time) and trail sign of the Feuds Carretteschi, and we follow to the right it to an intersection (km 0,6).
We turn to the left and we take street Gaietta. We begin a asphalted slope that it makes us quickly climb with some hairpin bend.
After a farmhouse the road continues unmetalled road (km 2,5) and it climbs with smaller inclination.
We overcome a tabernacle and we reach a second of it (km 3,1) built on a rocky wall with holy images and an altar.
Shortly after we leave the main road and we take to the left a smaller road. The slope climbs a steep paved tract and continues with moderate inclination in the wood.
We reach a crossroads (km 4,2) where we meet the trail sign AVbr001 ("a mountain of friends") and we follow the greater road that climbs.
The road meets in an asphalted road (km 4,9) that we follow to the right and we go up to a farmhouse (km 5,3) where the unmetalled road begins.
We cross the ridge up to the fork (km 5,4) where we turn to the right leaving the trail sign GTL.
We slightly go down, we go straight to a fork (km 5,8) and we cross a ridge with light slope.
To an intersection (km 6,2) we leave the main road and we take to the right a not very evident forest track on which race the trail signs.
The inclination of the descent progressively increases and the track goes down to the lowest point (km 6,8) where a moderate slope begins.
After having overcome a shoulder we quickly go down to an intersection (km 7,1) where we go to the left.
We overcome a small refuge and we go down to cross the brook Parasacco (km 7,8).
After some ups and downs we go down to an ample meadow saddle (km 8,5), we overcome a tabernacle and we enter on the wide unmetalled road crossed by the itinerary 53.
We turn to the right and we reach the abandoned country of Montecerchio (km 8,6). We cross the tumbledown houses and we continue with some ups and downs.
We overcome a partisan headstone (km 8,9) and we go down a wet thick tract. We continue in slope and we skirt along a lawn to whose term (km 9,7) we leave the road and we enter the lawn. To the beginning the path is invisible but, after few meters, it becomes a forest track. We immediately meet a fork where we follow to the left the track.
We quickly go down and we arrive a tabernacle (km 10,4) and the near ruins of the great farmhouse Suria.
We follow the road in descent and we reach the first ford of the brook Parasacco (km 11,4).
On the other bank we follow to the left an ample unmetalled road that crosses twice others the stream (difficulty only in case of strong rains).
After a bridge (km 12,8) we meet a zone of bouldering and we continue on the comfortable road that becomes asphalted just before the Houses Rossi (km 13,3).
We follow the road neglecting the side trail signs and we cross the bridges on the Parasacco arriving to the parking lot of the tourist area (km 14) where they have beginning the trail signs 001, 002, 003.
We go up to Montaldo (km 14,9) where we turn to the right. We follow the road that goes down to Cengio (km 16,2 to the town hall).
Gradient: 450 ms. and -430 ms.
Cycle: 100%
Asphalt: 36%
Observations:



Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.