Percorsi mtb nella Valle Bormida
Itinerario 19
Traversata dal Colle della Rionda al Colle dei Giovetti

Vai agli altri percorsi della zona


Aggiornamento: 5/2018 connessione
Punto di partenza: Colle della Rionda
Come arrivare: Il passo è raggiunto dall'itinerario 23.
Itinerario.
Al Colle della Rionda svoltiamo a destra (nord) e prendiamo l'unica strada sterrata foto seguendo il segnavia FIE di crinale g19. Dopo una breve salita foto la strada diviene pianeggiante ed attraversa il versante della montagna. Una facile discesa precede una ripida rampa e poi proseguiamo con pochi saliscendi. Un altro strappo precede la discesa che porta al Colle San Bartolomeo (km 2,2) foto.
Saliamo ripidamente a un bivio (km 2,4) foto dove lasciamo a sinistra il segnavia e proseguiamo sulla strada principale.
La strada forestale attraversa il versante del monte Sotta con percorso ondulato fino a un bivio (km 2,8) foto.
Lasciamo a destra la strada che scende a Vetria e prendiamo quella a sinistra che sale ripida foto.
Superiamo il punto più elevato (km 3,3) e scendiamo. Ritroviamo il segnavia (km 3,5) che arriva dal monte Sotta e proseguiamo sulla pista fino al suo termine (km 3,8).
Proseguiamo sul sentiero che scende nel bosco e raggiunge un bivio impercettibile foto (km 4): a destra scende il sentiero segnalato mentre diritto sul crinale procede un sentiero non segnalato ma più evidente e frequentato.
Prendiamo quest'ultimo (comunque i due percorsi sono equivalenti) e percorriamo il crinale foto con qualche piccolo saliscendi fino alla discesa che termina su uno stretto valico (km 4,5; Bocchino di Vetria) foto. Scendiamo a sinistra per un paio di metri e ci troviamo su una strada forestale.
Svoltiamo a destra. La strada sale per un buon tratto, poi scende e raggiunge i ruderi di una cascina (km 6,6) foto. Proseguiamo in discesa, poi saliamo ed infine iniziamo la discesa finale che termina sulla strada asfaltata esattamente in corrispondenza del Colle dei Giovetti (km 7,8).
Dislivello: +270 m. e -280 m.
Ciclabilità: 98%
Asfalto: -%
Osservazioni: vedi anche itinerari della Val Tanaro.


mappa  gps

Cross from Rionda Pass to Giovetti Pass

Updating: 2018/05
Start point: Rionda Pass
How to arrive: The Pass is reached by the itinerary 23.
Itinerary.
At the Colle della Rionda turn right (north) and take the only dirt road foto following the trail sign FIE of ridge g19 .
After a short climb foto the road becomes flat and crosses the mountain slope. An easy descent precedes a steep ramp and then we continue with a few ups and downs.
Another break precedes the descent that leads to Colle San Bartolomeo (km 2,2) foto.
We climb steeply to a fork (km 2,4) foto where we leave the trail marker on the left and continue on the main road.
The forest road crosses the side of Mount Sotta with a wavy path up to a fork (km 2,8) foto. We leave to the right the road that goes down to Vetria and take the one on the left that goes up steep foto.
We overcome the highest point (km 3,3) and go down. We find the trail (3.5 km) that comes from Mount Sotta and continue on the track to it ends (km 3.8).
We continue on the path that goes down into the woods and reaches an imperceptible junction foto (km 4): on the right the marked trail descends, while on the ridge a not marked but more evident and frequented trail proceeds.
We take the latter (however, the two paths are equivalent) and cross the ridge foto with some small ups and downs up the descent that ends on a narrow pass (km 4,5, Bocchino di Vetria) foto.
We go down to the left for a couple of meters and find ourselves on a forest road.
We turn to the right. The road climbs for a good part, then descends and reaches the ruins of a farmhouse (km 6,6) foto.
We continue downhill, then we go up and finally we begin the final descent that ends on the asphalted road exactly in correspondence of the Colle dei Giovetti (km 7,8).
Difference in height: +270 m. and -280 m.
Cycle: 98%
Asphalt: -%
Remarks: see also Val Tanaro itineraries.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.