Percorsi in mtb in Val Borbera
Borbera 34
Discesa da Lemmi a Grondona

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 5/2013
connessione Punto di partenza: Lemmi
Come arrivare: Il paese è raggiunto dall'itinerario 30 e dall'itinerario 9.
Itinerario.
Dall'incrocio presso il cimitero di Lemmi seguiamo la strada che entra in paese. Saliamo sempre sulla strada centrale ed usciamo dalle case in leggera discesa mentre termina l'asfalto (km 0,3).
Seguiamo interamente l'ampia strada che sale trascurando le strade laterale che scendono a destra o a sinistra. La lunga salita ci porta a superare la spalla orientale (km 2,4) del monte Rosso.
Scendiamo pochi metri e riprendiamo a salire. Lasciamo a sinistra (km 2,6) il segnavia CAI275 per Roccaforte (itinerario 09) e giungiamo al termine della salita (km 2,9).
La strada scende velocemente per terminare all'incrocio con la SP144 (km 3,7).
Seguiamo l'asfalto a destra fino ad un piccolo slargo sterrato sulla destra (km 4,9). Qui prendiamo il largo sentiero che entra a destra nel bosco.
Dopo una lieve discesa il sentiero sale ad una spalla e scende (fare attenzione a qualche ramo) ad una larga sella prativa (km 5,4) dove si incrociano alcuni sentieri.
Rimaniamo sul crinale seguendo una traccia che diventa mulattiera entrando nel bosco. Disturbati dalle foglie e dai rametti scendiamo ad un incrocio (km 5,6) dove svoltiamo a destra allontanandoci dalla strada asfaltata che ci ha accompagnato fin qui.
La mulattiera scende fino ad incrociare (km 6) una pista forestale che seguiamo a destra. Scendiamo ripidamente ad un ruscello ed affrontiamo una corta salita prima di iniziare la discesa che ci porta ad un guado (km 6,7) sul fondovalle.
Saliamo per qualche metro e lasciamo la strada principale per svoltare a sinistra su una vecchia pista che scende a guadare il torrente. Ora possiamo seguire il segnavia CAI AVbr271 che ci accompagnerà fino a Grondona.
Dopo il guado saliamo per pochi metri ed entriamo nel prato a sinistra. Costeggiamo a destra il prato seguendo il sentiero, spesso poco visibile.
Attraversiamo altri prati e guadi fino ad un guado dove dobbiamo seguire per una ventina di metri il greto del torrente.
Arriviamo alla costruzione di una presa d'acqua (km 7,2).
Saliamo per meno di cento metri e prendiamo il sentiero a sinistra. Saliamo su un calanco dove il sentiero inizia un attraversamento precario perché il tracciato è stretto ed interrotto da piccole frane, radici e pietre.
Al termine di questa zona usciamo su una pista forestale (km 7,5) priva di difficoltà. Scendiamo ad un guado (km 7,8) ed attraversiamo una zona rovinata dalle alluvioni.
Superiamo una salita ed una discesa ed arriviamo ad un bivio (km 8,5) dove andiamo diritto. La strada ora sale fino ad un bivio nei pressi di un osservatorio (km 8,8).
Giriamo a destra e scendiamo incontrando una stradina asfaltata (km 9,4) che attraversiamo per continuare a scendere.
Attraversiamo un guado (km 9,7) e saliamo alla strada asfaltata che seguiamo a sinistra.
Raggiungiamo la SP144 che seguiamo a destra fino a Grondona (km 10,4).
Dislivello: -610 m.
Ciclabilità: 98%
Asfalto: 21%
Osservazioni:

mappa  gps  foto  foto  foto

Go down from Lemmi to Grondona

Updating: 5/2013
connessione Start point: Lemmi
How arrive: The village is reached by the itinerary 30 and by the itinerary 9.
Itinerary.
From the intersection near the cemetery of Lemmi we follow the road that enters country. We always climb on the main road and we go out of the houses in light descent while it is finishing the asphalt (km 0,3).
We entirely follow the ample road that climbs neglecting the side roads that they go down to the right or to the left. The long slope brings us to overcome the oriental shoulder (km 2,4) of the Red mountain.
We go down few meters and we start over climbing. We leave to the left (km 2,6) the trail sign CAI275 to Roccaforte (itinerary 09) and we come at the end of the slope (km 2,9).
The road quickly goes down to finish at the intersection with the SP144 (km 3,7).
We follow to the right the asphalt to a small dirt widening on the right (km 4,9). Here we take the large path that enters to the right the wood.
After a light descent the path climbs to a shoulder and goes down (to watch out to some branch) to a wide meadow saddle km 5,4) where some paths crossed.
We remain on the ridge following a trace that becomes mule-track entering the wood. Disturbed by the leaves and by the sprigs we go down to an intersection (km 5,6) where we turn to the right estranging us from the asphalted road that has accompanied us to here.
The mule-track goes down to cross (km 6) a forest track that we follow to the right. We go down steeply to a brook and we face a short slope before beginning the descent that brings us to a ford (km 6,7) on the thalweg.
We go up for some meter and we leave the main road to turn to the left on an old track that goes down to ford the stream. We can now follow the trail sign CAI AVbr271 that us will accompany to Grondona.
After the ford we climb few meters and we enter to the left the lawn. We skirt along to the right the lawn following the path, often few visible.
We cross other lawns and fords as far as a ford where we have to follow for about twenty meters the pebbly shore of the stream.
We reach the construction of a taking of water (km 7,2).
We climb less than one hundred meters and we take to the left the path. We climb a ravine where the path begins a precarious crossing because of the layout is narrow and interrupted by small landslides, roots and stones.
At the end of this zone we go out on a forest track (km 7,5) without difficulties. We go down to a ford (km 7,8) and we cross a zone ruined by the floods.
We overcome a slope and a descent and we arrive to a fork (km 8,5) where we go straight. The road now climbs to a fork near an observatory (km 8,8).
We turn to the right and we go down meeting an asphalted narrow road (km 9,4) that we cross for keeping on going down.
We cross a ford (km 9,7) and we go up to the asphalted road that we follow to the left.
We reach the SP144 that we follow to the right up to Grondona (km 10,4).
Gradient: -610 ms.
Cycle: 98%
Tarmac: 21%
Notes:

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.