Percorsi in mtb in Val Borbera
Itinerario 33
Discesa dal Poggio a Grondona

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 6/2013 connessione
Punto di partenza: Il Poggio
Come arrivare: La località è raggiunta dall'itinerario 35.
Itinerario.
Dalla vetta de Il Poggio seguiamo in discesa la strada di accesso e giungiamo la primo incrocio (km 0,4) dove svoltiamo a sinistra. La strada scende alla Sella di Avi (km 1) e prosegue in salita. Superiamo qualche rampa ripida e guadagniamo un crinale (km 1,8) dove la strada piega a sinistra.
La salita continua meno sostenuta, ed interrotta da qualche discesa, fino a raggiungere il valico (km 3,1).
Dopo pochi metri incontriamo il segnavia CAI275 e lo seguiamo a destra, in comune con l'itinerario 9.
Saliamo con qualche strappo ripido, reso più impegnativo dal fondo sassoso, e raggiungiamo il valico (km 3,7).
Una veloce discesa ci porta ad un bivio (km 4,2) dove svoltiamo a sinistra.
La strada sale per guadagnare il punto più alto e scende ad un incrocio (km 5,2) dove andiamo diritti ed usciamo sulla vicina SP144.
Svoltiamo a sinistra e saliamo su asfalto fino al Colle delle Forche (km 5,7).
Qui svoltiamo a sinistra e troviamo due mulattiere. Quella sinistra sale alla vicinissima Cappella, noi invece prendiamo quella a destra e scendiamo ad una costruzione di acquedotto. Proseguiamo su fondo erboso fino a tornare sull'asfalto (km 6) in vista della chiesa. Scendiamo sull'asfalto e raggiungiamo San Martino (km 6,1). Prendiamo la strada asfaltata a destra immediatamente prima della chiesa e scendiamo attraversando la frazione Villa. La strada arriva alla frazione Riva che costeggiamo senza entrare tra le case.
Subito dopo le case la strada diventa sterrata (km 7,1) e porta ad un bivio (km 7,2). Andiamo a destra, costeggiamo un campo sportivo ed arriviamo ad un altro bivio (km 7,4).
Seguiamo la strada a destra che scende senza difficoltà percorrendo la valle del rio Valbera.
La discesa termina con il guado del rio Valbera (km 10,1) e l'ingresso sul greto del torrente Spinti.
Il greto del torrente è normalmente percorso da una pista trattorabile, talvolta segnata con segni rossi.
Quando la pista è compatta è perfettamente ciclabile ma dobbiamo guadare parecchie volte il torrente Spinti ed i guadi sono più o meno ciclabili a seconda delle dimensioni dei sassi sommersi.
Sulla sponda destra la pista arriva ad un bivio (km 11,4) dove teniamo la sinistra, ancora sul greto (la strada a destra sale all'asfalto nei pressi di un agriturismo, sono circa 300 metri).
Arriviamo ad una pista (km 11,6) che sale a destra e la prendiamo arrivando su un'ampia strada pianeggiante che ci porta al parcheggio di Grondona (km 12).
Il centro è a destra a cento metri.
Dislivello: -790 m.
Ciclabilità: 97%
Asfalto: 13%
Osservazioni: In caso di piena del torrente Spinti questo itinerario non è fattibile. La condizioni del percorso sul greto del torrente Spinti variano dopo le piene. La posizione e il numero dei guadi sono variabili così come la ciclabilità del greto: eccellente quando la pista è stabilizzata, precaria dopo una piena.

 mappa  gps  foto  foto  foto  foto

Go down from Il Poggio to Grondona

Updating: 5/2013
Start point: Il Poggio
How to arrive: The place is reached by the itinerary 35.
Itinerary.
From the peak Il Poggio we follow in descent the road of access and we come the first intersection (km 0,4) where we turn to the left. The road goes down to the Saddle of Avi (km 1) and it continues in slope. We overcome some steep ramp and we gain a ridge (km 1,8) where the road turns to the left.
The climb continues less sustained, and interrupted by some descent, up to reach the pass (km 3,1).
After few meters we meet the trail sign CAI275 and we follow to the right it, in common with the itinerary 9.
We go up with some steep slope, made more binding by the stony ground, and we reach the pass (km 3,7).
A fast descent brings us to a fork (km 4,2) where we turn to the left.
The road climbs for gaining the highest point and goes down to an intersection (km 5,2) where we go straight and we go out on the near SP144.
We turn to the left and we climb on asphalt up to the Gallows Pass (km 5,7).
We turn to the left here and we find two mule-tracks. That left goes up to the near Chapel, we take instead that to the right and we go down to a construction of aqueduct. We continue on grassy ground up to return on the asphalt (km 6) in sight of the church. We go down on the asphalt and we reach St. Martin (km 6,1). We take the road immediately to the right before the church and we go down crossing the hamlet Villa. The road reaches the hamlet Riva that skirts along without entering among the houses.
Immediately after the houses the road becomes a dirt one (km 7,1) and leads to a fork (km 7,2). We go to the right, we skirt along a sporting field and we arrive to another fork (km 7,4).
We follow to the right the road that it goes down without difficulty crossing the valley of the brook Valbera.
The descent finishes with the ford of the brook Valbera (km 10,1) and the entry on the pebbly shore of the stream Spinti.
The pebbly shore of the stream is normally crossed by a carriageable track, sometimes marked with red signs.
When the track is compact it is perfectly cycle but we have to ford quite a lot times the stream Spinti and the fords are cycle according to the dimensions of the submerged stones.
On the right bank the track arrives to a fork (km 11,4) where we hold the left, again in the pebbly shore (to the right the road climbs to the asphalt near an agritourism; they are around 300 meters).
We arrive to a track (km 11,6) that goes up to the right and we take it arriving on an ample level road that brings us to the parking lot of Grondona (km 12).
The center is to the right to one hundred meters.
Gradient: -790 ms.
Cycle: 97%
Asphalt: 13%
Notes: In case of flood of the stream Spinti this itinerary it is not feasible. The conditions of the run on the pebbly shore of the stream Spinti they vary after the floods. The position and the number of the fords are varying as the cycle of the pebbly shore: excellent when the track is stabilized, precarious after a flood.


Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.