Itinerari mtb nella zona del Monte Beigua
Itinerario 55
Raccordo Passo del Faiallo - Passo della Gava

Vai agli altri itinerari di questa zona


Aggiornamento: 5/2011
connessione Punto di partenza: Passo del Faiallo
Come arrivare: Il passo è attraversato dalla strada provinciale.
Itinerario.
Partiamo dal valico seguendo in discesa la strada provinciale. Tralasciamo il segnavia AVphp che entra a sinistra nel bosco (possibile alternativa) e raggiungiamo il bivio con la strada (km 0,2) che costeggia l'area pic-nic.
Saliamo fino all'albergo (km 0,4) e svoltiamo a sinistra dietro all'edificio imboccando una strada sterrata.
Saliamo moderatamente e svoltiamo a destra dopo cento metri. Il sentiero raggiunge un grande prato (da sinistra arriva il sentiero che abbiamo tralasciato all'inizio) con un incrocio di sentieri.
Proseguiamo diritti, leggermente sulla sinistra. Superiamo il bivio (km 0,6) per il monte Reixa e proseguiamo sull'ampio sentiero quasi pianeggiante (segnavia FIE r10 e r16).
Il sentiero sale ad una spalla (km 0,9) dove inizia la discesa.
La mulattiera conserva molte pietre di pavimentazione ma non è facile perché le pietre sono grandi e formano numerosi scalini irregolari inoltre molti tratti sono rovinati. Scendiamo fino all'attraversamento dell'alto vallone del rio Secco (km 1,6) e proseguiamo con tratti più agevoli, qualche salita ma soprattutto difficili discese.
Superiamo una spalla, teniamo la sinistra la bivio con una scorciatoia e raggiungiamo l'incrocio col sentiero diretto a Sambuco (km 2,3) dove lasciamo il segnavia r16.
Scendiamo ad attraversare il rio Malanotte (km 2,8). Superiamo il bivio (km 3,3) col sentiero diretto al vicino rifugio Gilwell (case Saiardo) ed affrontiamo l'ultima, difficile, discesa al Passo della Gava (km 4,2).
Dislivello: -340 m.
Ciclabilità: 96%
Asfalto: 9%
Osservazioni: questo itinerario può essere utile percorso in senso contrario per raggiungere il Faiallo senza usare la noiosa strada asfaltata.
La ciclabilità supera di poco il 50%, ma il dislivello e la lunghezza sono modesti.



 mappa  gps
divieti
invito
Link Faiallo Pass - Gava Pass

Updating:
5/2011
Start point: Faiallo Pass
How to arrive:
Itinerary.
We depart from the pass following in descent the provincial road. We skip the trail sign AVphp that it enters to the left the wood (possible alternative) and we reach the fork with the road (km 0,2) that it skirts along the area pic-nic.
We climb the hotel (km 0,4) and we turn to the left behind the building taking a dirty road.
We moderately climb and we turn to the right after one hundred meters. The path reaches a great lawn (from left the path that we have skipped to the beginning arrives) with an intersection of paths.
We continue stright, slightly on the left. We overcome the fork (km 0,6) to the Reixa mountain and we continue on the ample almost level path (trail sign FIE r10 and r16).
The path climbs to a shoulder (km 0,9) where the descent begins.
The mule-track preserves a lot of stones of flooring but it is not easy because the stones are great and they form numerous irregular stairs besides many tracts they are ruined. We go down up to the crossing of the high valley of the Secco brook (km 1,6) and we continue with easier tracts, some slope but above all difficult come down.
We overcome a shoulder, we hold the left the fork with a shortcut and we reach the intersection with the direct path to Sambuco (km 2,3) where we leave the trai sign r16.
We go down to cross the brook Malanotte (km 2,8). We overcome the fork (km 3,3) with the path directed to the close shelter Gilwell (houses Saiardo) and we face the last, difficult, come down to the Pass of the Gava (km 4,2).
Gradient: -340 ms.
Cycle: 96%
Asphalt: 9%
Observations: this itinerary can be useful run in contrary sense to reach the Faiallo Pass without using the boring asphalted road. The cycle overcomes of few the 50%, but the gradient and the length are modest.

Amici pedalatori non trascurate questo appello.
La mtb può essere un'attività pericolosa: io indico qualche passaggio che mi è parso particolarmente esposto, ma è ovvio che una caduta anche su un piccolo scalino può fare un sacco di danni. Percorrete gli itinerari descritti sotto la vostra esclusiva responsabilità: usate tutta la prudenza necessaria e valutate bene le vostre capacità prima di cacciarvi nei guai.